i-Documentary of the Journalist

i-Documentary of the Journalist recensione [FEFF 22]

i-Documentary of the Journalist recensione documentario di Tatsuya Mori presentato al Far East Film Festival 2020

“Isoko Mochizuki sono io.
Isoko Mochizuki è tutti noi.
Un po’ troppo schietta?
Alla libertà di parola giapponese serve una giornalista con le palle come lei!
Non siate noi, siate io, prima persona singolare!
Questo vi aiuterà a vedere il mondo diversamente”.
(Isoko Mochizuki in i-Documentary of the Journalist)

L’unico documentario del FEFF di quest’anno ha un nome semplice ma curioso, infatti per capire l’importanza del pronome personale utilizzato da Tatsuya Mori prima di Documentary, è doveroso vedere l’intero film perché neanche le frasi di cui sopra riescono a descrivere al meglio cosa veramente si intenda dire.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Tatsuya Mori è uno di quei documentaristi controversi e coraggiosi, e tramite il suo stile da reporter non si limita a raccontare i fatti bensì getta lo spettatore nel bel mezzo delle vicende, punta la videocamera su poliziotti e politici e in questo progetto in particolare sta incollato alla giornalista Isoko Mochizuki mostrando tutta la tenacia che la distingue e l’irritazione che riesce a provocare nei confronti dei ministri e del governo intero senza mai cedere o darsi per vinta, soprattutto quando la libertà di stampa viene messa con le spalle al muro e le sue domande sabotate e ridotte al massimo.

Isoko Mochizuki
Isoko Mochizuki

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Tatsuya Mori
Tatsuya Mori

La prima metà del 2019 fa da sfondo alle indagini della giornalista, quasi definibile come una paria (intoccabile), ma che è una paladina della giustizia e simbolo del femminismo in una società nella quale non è perfettamente accettata, che tra una telefonata alla famiglia e un perdersi tra gli edifici labirintici e zeppi di uffici riporta storie che vanno dallo spostamento della base aerea Futenma degli USA a Okinawa (sito estremamente pericoloso perché vicinissimo ad un centinaio di nuclei familiari), allo scandalo Moritomo Gakuen, relativo ad una vendita scontatissima di terreni di proprietà statale all’operatore scolastico privato Moritomo Gakuen, legato in qualche modo al primo ministro giapponese Abe (“antagonista laconico della giornalista”) e a sua moglie, per poi passare allo scandalo dell’ex manager della TBS di Washington, Noriyuki Yamaguchi, accusato di aver violentato la giornalista e filmmaker Shiori Ito, impegnata nell’uguaglianza di genere e sulle questioni relative ai diritti umani in patria.

i-Documentary of the Journalist pone sotto i riflettori la manipolazione dei dati, le risposte tanto promesse ma che non arrivano mai, il dovere di garantire i diritti di tutti i cittadini perennemente violato, edifici e uffici impenetrabili per la videocamera dei giornalisti freelance senza autorizzazione alcuna.

È un progetto interessante che tuttavia mette troppa carne al fuoco e non lascia respirare a sufficienza lo spettatore portando sul tavolo sempre più informazioni che a lungo andare potrebbero iniziare addirittura a stancare; ha dalla sua il grande potere informativo ed esauriente che per gli appassionati di politica estera diventa assolutamente un bonus in più.

Tatsuya Mori e Isoko Mochizuki
Tatsuya Mori e Isoko Mochizuki

i-Documentary of the Journalist recensione [FEFF 22]
i-Documentary of the Journalist il documentario di Tatsuya Mori su Isoko Mochizuki

Sintesi

Il controverso e coraggioso documentarista Tatsuya Mori con il suo stile da reporter non si limita a raccontare i fatti bensì getta lo spettatore nel bel mezzo delle vicende che vedono protagonista la giornalista Isoko Mochizuki, mostrando la sua tenacia nel lottare in nome della libertà di stampa.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articolo precedenteCry recensione [FEFF 22]
Articolo successivoRomance Doll recensione [FEFF 22]

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto

Cine Rassegna Stampa del 5 agosto: Mulan esce direttamente in streaming su Disney+, il trailer di Ratched, la serie Netflix di Ryan Murphy spin-off...

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto

Cine Rassegna Stampa del 4 agosto: La donna alla finestra di Joe Wright con Amy Adams passa a Netflix, le prime immagini di The...

Gretel e Hansel recensione [Anteprima]

Gretel e Hansel recensione film di Oz Perkins con Sophia Lillis, Alice Krige, Samuel Leakey, Jessica De Gouw, Fiona O'Shaughnessy e Charles Babalola Trasformare la...

Galveston recensione

Galveston recensione del film di Mélanie Laurent con Ben Foster, Elle Fanning, Jeffrey Grover, Christopher Amitrano, Mark Hicks, María Valverde, Beau Bridges e Michael Ray Escamilla A quante...

Howard: la vita, le parole recensione del documentario su Howard Ashman [Disney+]

Howard: la vita, le parole recensione del documentario Disney+ su Howard Ashman diretto da Don Hahn con interviste ad Alan Menken, Bill Lauch, Jodi...

Venezia 77: The Human Voice di Pedro Almodóvar e One Night in Miami di Regina King si aggiungono al Fuori Concorso

Venezia 77: The Human Voice di Pedro Almodóvar e One Night in Miami di Regina King si aggiungono al Fuori Concorso La Biennale di Venezia...

Cine Rassegna Stampa del 3 agosto

Cine Rassegna Stampa del 3 agosto: addio ad Alan Parker, Scream 5 prende forma, Netflix e Ubisoft portano sullo schermo Splinter Cell e Beyond...

Hot Fuzz recensione del film di Edgar Wright

Hot Fuzz recensione del film diretto da Edgar Wright con Simon Pegg, Nick Frost e Timothy Dalton Quello di Hot Fuzz (2007) è senza dubbio uno...

I Am Heath Ledger recensione del documentario su Heath Ledger

I Am Heath Ledger recensione del documentario su Heath Ledger diretto da Adrian Buitenhuis e Derik Murray sull'artista scomparso il 22 gennaio 2008 “Che sta...

The Haunting of Hill House recensione serie TV [Netflix]

The Haunting of Hill House recensione serie TV Netflix creata da Mike Flanagan con Michiel Huisman, Carla Gugino, Timothy Hutton, Henry Thomas, Oliver Jackson-Cohen,...