Cry

Cry recensione [FEFF 22]

Cry recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Misao Hirayama e Riko Hisatsugu presentato in anteprima internazionale al Far East Film Festival 2020

Quanti film vengono realizzati oggi senza compromessi? Normalmente l’iter che porta all’uscita in sala o in streaming di nuovo materiale cinematografico è estremamente complesso e assolutamente non lineare (giusto per rimanere nella contemporaneità basta guardare Hollywood) ma di mezzo c’è sempre un interesse economico. Quale che sia il budget, investire in un prodotto sottintende l’obiettivo di avere un ritorno personale in moneta sonante o, se proprio non è possibile, in fama e gloria su cui poter far leva per racimolare altri soldi.

Immaginate che un regista si presenti ad una casa di produzione, anche medio-piccola, con un pitch riguardante la classica giornata di lavoro di un allevatore di maiali, ripresa in bianco e nero con audio per lo più ambiente. Al produttore in ascolto si sarebbe immediatamente inarcato il sopracciglio, forse per una strana curiosità piuttosto che la perdita di tempo a cui andare incontro. Nessun dialogo, un cast ridotto all’osso, sceneggiatura praticamente inesistente, un racconto letteralmente per immagini. Con il secondo sopracciglio aggrottato, nessuno spazio per equivoci: grazie ma il mercato non è pronto a qualcosa del genere.

Hirobumi Watanabe
Hirobumi Watanabe

Cry recensione [FEFF 22]
Cry di e con Hirobumi Watanabe
Hirobumi Watanabe ha sempre avuto ben chiaro che la filiera convenzionale non era adatta alla sua idea di cinema. Per questo motivo ha bypassato la continua ricerca del semaforo verde per la realizzazione di Cry e degli altri suoi cortometraggi fondando la Foolish Piggies Films per avere libertà, autonomia e nessun veto alla sua sfrenata passione. In questo modo il regista giapponese può permettersi di preoccuparsi della bellezza delle azioni necessarie ad occuparsi di una fattoria di maiali, non cercando nessuna elevazione o impreziosimento.

Nessuno come Watanabe guarda alla realtà senza fini di spettacolo, neorealismo o metafora. Quello che si presenta allo spettatore è un grande racconto che ibrida logica aristotelica, necessità autoriale e normalità quotidiana semplicemente vivendo la realtà e sottoponendola alla camera. Se bisogna trovare un obiettivo alle sequenze di Cry, è probabilmente quello di trovare negli interstizi luci e ombre della vita senza riflettori, quella che anche noi siamo costretti inevitabilmente ad affrontare ogni giorno.

Cry recensione [FEFF 22]
Una scena di Cry
Cry recensione [FEFF 22]
Una scena di Cry

Sintesi

Cry è un grande racconto che ibrida logica aristotelica, necessità autoriale e normalità quotidiana semplicemente vivendo la realtà e sottoponendola alla camera, trovando luci e ombre della vita senza riflettori.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Cry è un grande racconto che ibrida logica aristotelica, necessità autoriale e normalità quotidiana semplicemente vivendo la realtà e sottoponendola alla camera, trovando luci e ombre della vita senza riflettori.Cry recensione [FEFF 22]