Red Rocket

Red Rocket recensione film di Sean Baker con Simon Rex [RomaFF16]

Sean Baker torna a parlare degli ultimi con Red Rocket, presentato durante la 16° edizione della Festa del Cinema di Roma. La nostre recensione.

Red Rocket recensione film di Sean Baker con Simon Rex, Bree Elrod, Suzanna Son, Brenda Deiss, Ethan Darbone e Judy Hill

Quando una delle prime opere di un regista emergente nel giro di un paio d’anni riesce a raggiungere i banchi universitari, è inevitabile che si inizi a guardare a tale figura in modo curioso e appassionato. Non a caso, Red Rocket, più recente istanza cinematografica dell’apprezzatissimo Sean Baker (regista, tra gli altri, del già parzialmente citato Tangerine e di Un sogno chiamato Florida), è stato protagonista di una delle proiezioni più affollate della 16° edizione della Festa del Cinema di Roma. Con questo film, che è nato in parte a causa dell’attuale crisi sanitaria, il regista statunitense torna a parlare degli ultimi, questa volta in un Texas che pare bloccato nel tempo.

MadMass.it consiglia by Amazon

Le bizzarre peripezie di Mikey (Simon Rex), tornato all’ovile dopo anni di carriera nel settore pornografico, si estendono e fondono come una macchia sulla frastagliata pellicola 16mm, che imprigiona e fa suoi i desolati paesaggi della periferia industriale di Texas City. Il riferimento al cinema di genere e d’autore italiano degli anni ’70 non è certo tenuto segreto (lo ha rivelato lo stesso regista durante la conferenza stampa che ha avuto luogo poco dopo la proiezione), specialmente quando vengono inquadrate le alte e fumanti ciminiere delle fabbriche ancora in funzione, che non possono non far tornare la mente all’Antonioni di Deserto Rosso.

Simon Rex e Bree Elrod
Simon Rex e Bree Elrod (Credits: A24)

Simon Rex
Simon Rex (Credits: A24)

Attraverso zoom a schiaffo, primissimi piani e alternanza tra spazi angusti e panorami sconfinati, Baker è in grado di raccontare una storia vecchia di millenni, quella dell’uomo più attempato che si invaghisce della ragazza più giovane del quartiere. In questa storia d’amore solare e leggera si nasconde, come spesso accade, la serpe del riso amaro.

Mickey è detestabile: uno di quegli individui dai quali si cercherebbe di stare alla larga il più possibile in un contesto di vita reale. Tuttavia, forse merito anche della frizzante e a tratti infantile interpretazione di Simon Rex, non si può fare a meno di seguire affascinati le avventure improbabili di questo strano e insopportabile personaggio sul limitare della mezza età, immesso ironicamente sulla traiettoria del racconto di formazione adolescenziale.

Forse Red Rocket, nella durata, poteva essere asciugato un po’ di più, dato che fin troppe volte staziona in situazioni abbastanza ridondanti, ma, in generale, il risultato finale convince e cattura, catapultando in questa storia ai confini del mondo, simulacrale e simbolico, nonché perennemente afflitto dall’afa estiva, capace di rendere ogni veduta più un miraggio che una realtà tangibile.

Red Rocket recensione film di Sean Baker con Simon Rex e Suzanna Son
Red Rocket di Sean Baker con Simon Rex, Bree Elrod e Suzanna Son (Credits: A24)

Bree Elrod e Simon Rex
Bree Elrod e Simon Rex (Credits: A24)

Sintesi

Red Rocket non è forse la migliore opera della filmografia di Sean Baker, ma resta comunque un film estremamente godibile e diretto. Con la sua particolare decostruzione di personaggi ai limiti del parassitismo, la pellicola propone un mondo dall’aspetto grezzo e trasandato, dove, sotto al ghigno e al fascino della risata facile, si nascondono serpenti a sonagli capaci di attaccare la nostra coscienza nel momento più inaspettato. Questo dialogo tra narrazione e messa in scena è costante, tanto da risultare un'unica entità che fa del carattere audiovisivo la sua effettiva voce. 

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli