Becoming Cousteau

Becoming Cousteau recensione film documentario di Liz Garbus [RomaFF16]

Becoming Cousteau catapulta il documentario nel territorio della fiaba. La nostra recensione dalla 16° edizione della Festa del Cinema di Roma.

Becoming Cousteau recensione film documentario di Liz Garbus con Jacques-Yves Cousteau presentato alla Festa del Cinema di Roma

Tra i tanti documentari presentati durante la 16° edizione della Festa del Cinema di Roma, a spiccare maggiormente è stato Becoming Cousteau, analisi approfondita e appassionata dell’avventurosa vita del rinomato esploratore marino.

MadMass.it consiglia by Amazon

Utilizzando un gran numero di inserti audiovisivi, accompagnati da accortezze grafiche gradevoli e ispirate, il film racconta l’intero arco della vita di Jacques-Yves Cousteau, per lo più vissuta in mare. Cousteau, oltre a essere un esploratore, è stato anche un regista (vincitore della Palma d’oro a Cannes e dell’Oscar al miglior documentario con Il mondo del silenzio diretto con Louis Malle), un attivista e un inventore (sua l’idea dell’Aqua-lung, sostanzialmente le bombole da immersione che vengono utilizzare durante le spedizioni subacquee), nonché capitano della sua amata Calypso, imbarcazione sulla quale ha girato in lungo e in largo il globo, accompagnato dalla sua famiglia, sia biologica che acquisita.

Jacques Cousteau con l'iconico berretto rosso a bordo della sua nave Calypso negli Anni '70
Jacques Cousteau con l’iconico berretto rosso a bordo della sua nave Calypso negli Anni ’70 (Credits: The Cousteau Society)

Jacques Cousteau a bordo del SP-350 Denise nel 1960
Jacques Cousteau a bordo del SP-350 Denise nel 1960 (Credits: Luis Marden/National Geographic)

Il suo nome ha rappresentato un grande pilastro della divulgazione scientifica, attuata per la maggior parte attraverso il mezzo televisivo, vero tramite che ha portato lui e le sue scoperte all’attenzione del pubblico internazionale. L’importanza della sua eredità la si può trovare in molto cinema contemporaneo, di cui l’esempio più lampante è forse proprio l’impatto che ha avuto sul regista Wes Anderson, che in diversi suoi film sembra far riferimento all’esploratore francese (fino all’evidente omaggio ne Le avventure acquatiche di Steve Zissou, che sostanzialmente mette in scena proprio quest’ultimo e la sua ciurma, pur avvolgendo le vicende che li riguardano in un velo narrativamente fittizio).

Liz Garbus si è destreggiata molto abilmente con l’imponenza di tale figura, proponendone una visione quanto più schietta e lineare possibile, senza troppe lodi e capace di evidenziare anche i lati oscuri dell’uomo dietro l’icona. La cura nella scelta e nel montaggio del vasto materiale a disposizione ha permesso di creare una narrazione decisamente ritmata, che ha quasi il sapore della fiaba più che della documentazione oggettiva della vita di un individuo. Proprio questa sua natura ne incrementa la valenza di documentario, dato che cerca modi forse non nuovi, ma sicuramente inusuali e stilisticamente dinamici per raccontare qualcosa di realmente accaduto, senza fossilizzarsi su rappresentazioni eccessivamente scolastiche e didascaliche.

Becoming Cousteau recensione film documentario di Liz Garbus
Jacques Cousteau nel 1943 filma un relitto inabissato nel Mar Mediterraneo (Credits: The Cousteau Society)

La crew della nave Calypso mentre filma una scena de Il mondo del silenzio
La crew della nave Calypso mentre filma una scena de Il mondo del silenzio (Credits: Luis Marden/National Geographic)

Sintesi

Becoming Cousteau è un’opera dalle caratteristiche uniche. La sua potenza sta nella sua singolarità, sia visiva che narrativa, capace di condurre il documentario in un territorio che ha i tratti del racconto fiabesco, luogo distante dalla solita visione stereotipata del genere.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli