Una película sobre parejas

Una película sobre parejas recensione film di Natalia Cabral e Oriol Estrada [RomaFF16]

Una película sobre parejas è una tra le maggiori sorprese della 16° edizione della Festa del Cinema di Roma. Vi spieghiamo il perché in questa recensione.

Una película sobre parejas recensione film diretto ed interpretato da Natalia Cabral e Oriol Estrada con Lia Estrada Cabral, Carlos M. Matos e Cristina Violines

Tra le maggiori sorprese della 16° edizione della Festa del Cinema di Roma si annovera senza ombra di dubbio Una película sobre parejas, film della coppia di nome e di fatto Natalia Cabral e Oriol Estrada, una ventata d’aria fresca proveniente nientemeno che dalla Repubblica Dominicana.

Come in una sorta di documentario, i due registi seguono le loro stesse (fittizie) peripezie durante la realizzazione di un film che parla delle relazioni tra coppie eterogenee, ma anche un po’ della loro madrepatria, la Repubblica Dominicana, appunto. Partendo dalla prima del loro ultimo film, al quale solo una manciata di persone ha assistito, fino ad arrivare alla ricerca dei fondi necessari per una nuova pellicola e solo dopo di un’effettiva idea da realizzare, la coppia CabralEstrada mostra in modo leggero e ironico i vari processi produttivi che si devono affrontare per portare a termine un’opera cinematografica.

Una película sobre parejas recensione film di Natalia Cabral e Oriol Estrada
Una película sobre parejas diretto ed interpretato da Natalia Cabral e Oriol Estrada (Credits: Faula Films)
Una película sobre parejas recensione film di Natalia Cabral e Oriol Estrada
Una película sobre parejas diretto ed interpretato da Natalia Cabral e Oriol Estrada (Credits: Faula Films)

La vera forza del film sta nell’infinitamente vasta serie di possibili identificazioni che si possono creare tra lo spettatore e la pellicola, dal cinefilo più incallito, sempre alla ricerca della citazione, agli addetti ai lavori, fino a chi ha una vita di coppia che si dipana tra intimità e lavoro, ma anche fino al giornalista o al critico, anch’essi rappresentati in maniera veramente genuina e condivisibile. Per non parlare delle situazioni in cui questi tropi vengono coinvolti e quasi incastonati, come micro-realtà universali a sé stanti.

Insomma, Una película sobre parejas è un film che vuole parlare a un’ampia fetta di pubblico particolarmente affezionata al panorama cinematografico (ma non solo). E riesce a fare ciò modestamente, senza stare costantemente a ostentare la sua natura di costrutto nato solo per omaggiare il medium che utilizza con tanta cura e accortezza.

Una película sobre parejas recensione film di Natalia Cabral e Oriol Estrada
Una película sobre parejas diretto ed interpretato da Natalia Cabral e Oriol Estrada (Credits: Faula Films)
Oriol Estrada e Natalia Cabral
Oriol Estrada e Natalia Cabral (Credits: Faula Films)

I due registi riescono a catturare momenti del quotidiano estremamente condivisibili attraverso una regia pulita e basilare, molto statica (un po’ come la loro situazione di ripetuto stallo durante le varie fasi produttive). Solitamente, opere di questo tipo sono caratterizzate da una palette cromatica abbastanza piatta, in modo da sottolineare la situazione precaria sia relazionale che sociale dei protagonisti. Tuttavia, il film di Cabral ed Estrada porta su schermo tutta la dirompente espressività del colore che invade gli ambienti della Repubblica Dominicana attraverso una messa in quadro elegante.

Per realizzare un prodotto del genere non solo bisogna avere bene a fuoco le dinamiche sociali in atto e le tendenze odierne in ambiti ben più ampi del mero “giardino cinematografico”, quanto anche una conoscenza e un’esperienza tali da potersi permettere di creare dell’ironia su momenti apparentemente banali di un processo realizzativo tanto vasto e strutturato come può essere quelli dietro all’ultimazione di un film.

Una película sobre parejas recensione film di Natalia Cabral e Oriol Estrada
Una película sobre parejas diretto ed interpretato da Natalia Cabral e Oriol Estrada (Credits: Faula Films)
Oriol Estrada e Natalia Cabral in Una película sobre parejas
Oriol Estrada e Natalia Cabral (Credits: Faula Films)
Oriol Estrada
Oriol Estrada (Credits: Faula Films)
Natalia Cabral e Oriol Estrada
Natalia Cabral e Oriol Estrada (Credits: Faula Films)

Sintesi

Una película sobre parejas è una vera perla cinematografica. Ogni momento dell'opera sprigiona una gioiosa e meditata riflessione sulla condizione del cineasta nella società attuale, ma anche in una realtà così distante dall’usuale territorio “di caccia” del cinema come può essere la Repubblica Dominicana. In una costruzione a matrioska che ricorda gli esperimenti di Zola in ambito letterario, il film nel film racconta del film stesso, ma anche dell’ordinario e di una vita nella quale ognuno di noi, in parte, è in grado di identificarsi. Tutto ciò non in modo melenso e drammatico, ma sempre con il sorriso: un risultato talmente complicato da ottenere oggigiorno che non può che essere accolto con una fragorosa ovazione.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Una película sobre parejas recensione film di Natalia Cabral e Oriol Estrada [RomaFF16]Una película sobre parejas è una vera perla cinematografica. Ogni momento dell'opera sprigiona una gioiosa e meditata riflessione sulla condizione del cineasta nella società attuale, ma anche in una realtà così distante dall’usuale territorio “di caccia” del cinema come può essere la Repubblica Dominicana. In una costruzione a matrioska che ricorda gli esperimenti di Zola in ambito letterario, il film nel film racconta del film stesso, ma anche dell’ordinario e di una vita nella quale ognuno di noi, in parte, è in grado di identificarsi. Tutto ciò non in modo melenso e drammatico, ma sempre con il sorriso: un risultato talmente complicato da ottenere oggigiorno che non può che essere accolto con una fragorosa ovazione.