Yuni

Yuni recensione film di Kamila Andini con Arawinda Kirana [RomaFF16]

La recensione di Yuni, film indonesiano presentato nella Selezione Ufficiale della 16° edizione della Festa del Cinema di Roma

Yuni recensione film di Kamila Andini con Arawinda Kirana, Kevin Ardilova, Dimas Aditya, Marissa Anita, Asmara Abigail e Muhammad Khan

La varietà di Paesi presenti nella Selezione Ufficiale della 16° edizione della Festa del Cinema di Roma è la prova di un’industria fortemente occidentalizzata che finalmente si sta aprendo anche in direzione di nazioni raramente associati al cinema. Uno di questi è l’Indonesia, dal quale arriva Yuni, film di Kamila Andini.

MadMass.it consiglia by Amazon

Come spesso accade con opere cinematografiche dal budget molto contenuto, si cerca sempre di raccontare storie “semplici”, con le quali molti hanno la possibilità di identificarsi. In questo caso, la pellicola segue le vicende di Yuni (Arawinda Kirana), un’adolescente sull’orlo della maggiore età che si ritrova ad avere diverse proposte di matrimonio da individui per lo più a lei estranei, magari vecchi amici di famiglia o parenti alla lontana.

Una superstizione vuole che, se una donna rifiuta più di due proposte di matrimonio, allora non si sposerà più per il resto della vita. Quindi, da un lato troviamo questa giovane donna che vuole solo vivere una vita da normale adolescente quale è, con gli amori passeggeri e le chiacchiere tra amiche, mentre dall’altra si impone una condizione sociale fortemente legata alla tradizione.

Arawinda Kirana
Arawinda Kirana (Credits: Fourcoulours Films, StarVision Plus, Akanga Film Productions, Manny Films)

Yuni recensione film di Kamila Andini con Arawinda Kirana
Yuni di Kamila Andini con Arawinda Kirana, Kevin Ardilova, Dimas Aditya, Marissa Anita e Asmara Abigail

La serpe che si annida per tutta la durata della pellicola è la visione occidentale della “corretta femminilità” e del liberalismo più marcato, rappresentato da social, tendenze, mode e atteggiamenti che stridono con le usanze del luogo. Ciò che viene maggiormente esaltato non è tanto la possibilità di scegliere e di vivere la propria vita nel modo che si preferisce, quanto la vera e propria invasione socio-culturale causata dai processi di globalizzazione, che hanno iniziato ad appianare le differenze in favore di un’unificazione abbastanza controversa. Con ciò non si intende che, se da una parte esistono condizioni che recano sofferenza a degli individui, la situazione debba restare immutata solo perché fa parte del retaggio culturale di una comunità, ma è quanto più un monito a non puntare tutto sulla “terra promessa”, perché da lontano l’erba del vicino sembra sempre più verde, ma da vicino l’opinione potrebbe velocemente cambiare.

Yuni a livello visivo è un film onesto, che non cerca di fare più di quanto non riesca. Anzi, probabilmente si crogiola troppo a lungo nella sua zona di conforto, senza prendere mai una vera e propria iniziativa o un rischio. Anche nella messa in scena degli eventi non riesce a convincere, mostrandoci questa storia in modo distaccato, senza inoltrarsi realmente nel caos emozionale che sta provando la ragazza. Questo trattamento porta a una distanza che, inevitabilmente, lascia freddi quando si arriva al finale.

Yuni recensione film di Kamila Andini con Arawinda Kirana
Yuni di Kamila Andini con Arawinda Kirana, Kevin Ardilova, Dimas Aditya, Marissa Anita e Asmara Abigail (Credits: Fourcoulours Films, StarVision Plus, Akanga Film Productions, Manny Films)

Sintesi

Kamila Andini con Yuni cerca di raccontare una storia di facile identificazione, eccessivamente tesa tuttavia a crogiolarsi sugli allori della spinta socio-culturale. Ad essere tralasciato è l’aspetto audiovisivo, che sembra essere stato utilizzato solo per raggiungere un pubblico più ampio, mancando tuttavia l'opera di un’identità ben definita.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli