Possession - L'appartamento del diavolo

Possession – L’appartamento del diavolo recensione film di Albert Pintó con Begoña Vargas

Possession – L’appartamento del diavolo recensione film di Albert Pintó con Begoña Vargas, Iván Marcos, Bea Segura, Javier Botet e Sergio Castellanos

 

MadMass.it consiglia by Amazon

Il cinema horror spagnolo negli ultimi anni ha catturato l’attenzione internazionale, grazie alla capacità di saper intrecciare trame sociali e di cronaca nera con elementi sovrannaturali. Veronica, diretto da Paco Plaza, uscito nel 2017 è di sicuro uno dei film più riusciti e di successo che il continente iberico ha avuto modo di sfornare nell’ultimo decennio. Non sono di certo stati gli effetti speciali (minimi o quasi inesistenti) a catturare l’attenzione del pubblico su questa pellicola, ma ciò a cui essa è ispirato ossia un fatto di storia vera, capace di parlare di un tema attuale come il dilagare tra gli adolescenti della pratica di riti occulti di origine satanica, dai quali scaturisce una suggestione psicologica tale da condurli a stati di paranoia misti ad atti di violenza.

Possession – L’appartamento del diavolo (titolo originale Malasaña 32) è un horror spagnolo uscito di recente nelle sale che s’ispira ancora una volta ad un fatto di cronaca nera. Siamo nel 1976 e la Spagna sta attraversando una vera e propria transizione politica che la porta a sostituire un governo dittatoriale a favore di uno democratico e socialista.

 

Sergio Castellanos, Bea Segura, Iván Renedo, Iván Marcos, Begoña Vargas e José Luis de Madariaga
Sergio Castellanos, Bea Segura, Iván Renedo, Iván Marcos, Begoña Vargas e José Luis de Madariaga (Credits: Enrique Baro Ubach/4 Cats Pictures/Atresmedia)

Begoña Vargas
Begoña Vargas (Credits: Enrique Baro Ubach/4 Cats Pictures/Atresmedia)

Sulla scia di questo cambiamento e della ritrovata libertà individuale, Manolo (interpretato da Iván Marcos) e Candela Olmedo (interpretata da Beatriz Segura) si trasferiscono da un paesino di provincia verso la capitale Madrid. I coniugi hanno stipulato un mutuo per acquistare un appartamento situato nel quartiere Malasaña al civico 32, incentivati anche da un nuovo inizio in ambito lavorativo per entrambi proprio nella capitale. In questa nuova avventura portano con sé tutta la famiglia, cioè i tre figli e il nonno. Sin da subito all’interno dell’appartamento avvengono fatti strani che coinvolgono inizialmente la figlia Amparo (interpretata da Begoña Vargas) e Rafael (interpretato da Iván Renedo). Quest’ultimo, figlio minore, sparisce improvvisamente attirato da una presenza sinistra che alberga all’interno dell’appartamento, creando così scompiglio nella famiglia che si accorge ben presto di aver a che fare con qualcosa di soprannaturale.

 

Possession – L’appartamento del diavolo, diretto da Albert Pintó, conquista anzitutto stilisticamente grazie all’ottima fotografia di Daniel Sosa Segura (Élite), che in alcune scelte con le sue tinte scure ricorda lo stesso approccio usato con Veronica dal DOP Pablo Rosso. Anche in questo caso gli effetti speciali sono ridotti all’osso lasciando spazio più a buoni ritmi di suspense e ai colpi di scena sorprendenti. Il film ingrana bene soprattutto perché, nonostante l’apparenza, non è il classico horror sulle case infestate, ma anzi è una pellicola con una sceneggiatura curata e ricca che tratta diversi argomenti.
Pintó mette in campo una narrazione che si destreggia tra lo stato d’incertezza dovuta al mutamento sociale e politico del paese, alla diversità e alla precarietà lavorativa che genera nuovi poveri.

 

Begoña Vargas
Begoña Vargas (Credits: Enrique Baro Ubach/4 Cats Pictures/Atresmedia)

Iván Renedo in Malasaña 32
Iván Renedo in Malasaña 32 (Credits: 4 Cats Pictures/Atresmedia)

Davanti a tutte queste difficoltà mantenere gli impegni economici e sostenere nel tempo una famiglia crea un ambiente ideale per l’isolamento dei più giovani all’interno del nucleo abitativo. Ci sono conflitti famigliari, sacrificio e ovviamente dietro a questo terribile “diavolo” una storia di diversità e mancata accettazione, un tormento palpabile e visibile in ogni sua apparizione in scena. Pintò, dunque, cura e caratterizza perfettamente i personaggi e mette in piazza una sceneggiatura curata (soprattutto nel suo contesto storico), facendo un magistrale uso degli oggetti di scena, utilizzati sia per accrescere la suspense e l’atmosfera ansiogena che per lasciare indizi allo spettatore.

Possession – L’appartamento del diavolo racconta una storia nelle storie, in cui la vita dei personaggi si intreccia tra passato e presente mettendo in campo una pellicola che va oltre il classico horror trito e ritrito, ma che strizza l’occhio a narrazioni a sfondo sociale capaci di creare incubi e mostri veri e propri.

Begoña Vargas
Begoña Vargas (Credits: 4 Cats Pictures/Atresmedia)

Possession - L'appartamento del diavolo recensione film di Albert Pintó con Begoña Vargas
Possession – L’appartamento del diavolo recensione film di Albert Pintó con Begoña Vargas, Iván Marcos e Bea Segura (Credits: Enrique Baro Ubach/4 Cats Pictures/Atresmedia)

Iván Renedo in Malasaña 32
Iván Renedo in Malasaña 32 (Credits: 4 Cats Pictures/Atresmedia)

 

Sintesi

Albert Pintó con Possession - L’appartamento del diavolo realizza un'opera curata sia nella narrazione che nella tecnica, raccontando una storia nelle storie intrisa di elementi horror capace di intrattenere, terrorizzare ed emozionare strizzando l’occhio a tematiche a sfondo sociale che generano incubi e mostri veri e propri.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli