So cosa hai fatto

So cosa hai fatto recensione serie TV di Sara Goodman con Madison Iseman [Amazon Prime Video]

So cosa hai fatto recensione serie TV di Sara Goodman con Madison Iseman, Bill Heck, Brianne Tju, Ezekiel Goodman, Ashley Moore, Sebastian Amoruso, Fiona Rene, Cassie Beck e Brooke Bloom

Scritto e prodotto da Sara Goodman (già nota per Preacher, Gossip Girl e Outsiders), il mistery thriller So cosa hai fatto, ispirato al romanzo di Lois Duncan del 1973 e rifacimento del cult anni ’90 I Know What You Did Last Summer, si allontana da queste fonti letterarie e cinematografiche e lascia perplessi i più attenti al genere teen horror, sia per contenuti che obiettivi.

MadMass.it consiglia by Amazon

Il cartello di benvenuto che vediamo nel teaser della prima stagione racchiude la trama che, con alcune difficoltà, andrà a dispiegarsi nel corso delle puntate. “Congratulation graduate! Every ending is a new beginning”: si tratta di una fine di un ciclo adolescenziale, quello legato al percorso di studi e quindi alla festa dei diplomi e all’inizio di una serie di eventi legati a quell’ultima sera in cui un fatale incidente cambierà inesorabilmente le vite di tutti i protagonisti. 

Madison Iseman e Brianne Tju
Madison Iseman e Brianne Tju (Credits: Amazon Studios/Sony Pictures Television)

So cosa hai fatto recensione serie TV Amazon con Madison Iseman
Madison Iseman e Bill Heck (Credits: Amazon Studios/Sony Pictures Television)

Gli ingredienti ci sono tutti ma la sceneggiatura e le scelte stilistiche non si fondono e non creano quell’armonia e disarmonia propria del genere, si crea piuttosto un distacco e un disagio nel collocare la serie in un genere non ben definito. L’incipit non viene supportato da materiale abbastanza convincente: “Everyone is guilty, nobody is safe” si rivela una frase che dice tutto e non fa vedere nulla. Si mostra una città non così perfetta come appare – le Hawaii fanno da sfondo e creano ancora più distaccamento dal genere – ma piena di segreti come lo sono i personaggi che la popolano: la storia trainante non è sempre ben definita ma, a tratti, sembra fare da sfondo ad altre scelte che aprono parentesi sui misteri di cui sono avvolti i personaggi ma che non vengono trattate con l’obiettivo di aggiungere qualcosa. 

E così si vedono adolescenti ribelli perseguitati dall’ombra delle loro stesse azioni e adulti messi sullo stesso piano di quei ragazzi consapevoli e inermi allo stesso tempo. Il confronto adolescente-adulto non viene affrontato ma solo attraversato e lasciato in disparte come i segreti non svelati di una cittadina che sembra annoiare i ragazzi come lo spettatore. L’aspetto orrorifico non è così palpabile (se non per le scene tipiche che ricordano la sorte a cui stanno andando incontro i ragazzi) ed è più riconducibile alla realtà sociale ed emotiva di una generazione spenta e ferma e di una tessuto familiare e antropologico quasi inesistente. 

Ashley Moore in I Know What You Did Last Summer
Ashley Moore in I Know What You Did Last Summer (Credits: Amazon Studios/Sony Pictures Television)

La collaborazione nel cercare di dimenticare e nascondere a se stessi e agli altri un evento che li segnerà più di quello che avrebbero immaginato e pianificato delinea una gioventù non messa a fuoco che confonde se stessi e gli altri. Anche la cooperazione come elemento di unione crea un falso senso di sicurezza e non porta a nulla di creativo o di nuovo: ognuno di loro affronterà personalmente le conseguenze di questo segreto comune (alla fine risulterà l’unica cosa che veramente accomuna questi amici) attraverso le decisioni del misterioso killer che ci ricorda un po’ la fine dei protagonisti di Final Destination piuttosto che riportare alla mente i generi da cui vuole prendere spunto.

Questo alone di mistero ma in realtà povero di suspense influenza il carattere generale della serie: quest’ultima, come i personaggi, nell’intento di nascondere e dimenticare un fatto accaduto, non mette in scena una narrazione tangibile, allontanandosi puntata dopo puntata dall’idea iniziale. So cosa hai fatto è una serie in cui si vede tanto (forse troppo) e non si affronta realmente nulla.

Brianne Tju e Madison Iseman
Brianne Tju e Madison Iseman (Credits: Amazon Studios/Sony Pictures Television)

Sintesi

Remake seriale ispirato al romanzo di Lois Duncan e all'omonimo film degli Anni '90, So cosa hai fatto si allontana dalle sue fonti letterarie e cinematografiche e dal genere teen horror lasciando perplessi sia per contenuti che obiettivi, trascurando l'aspetto orrorifico per ritrarre la realtà sociale ed emotiva di una generazione spenta e ferma e di una tessuto familiare e antropologico quasi inesistente, senza tuttavia affrontarne con convinzione le problematiche.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli