One Second

One Second recensione film di Zhang Yimou con Liu Haocun e Zhang Yi [RomaFF16]

La recensione di One Second, film di Zhang Yimou con Liu Haocun e Zhang Yi, presentato alla 16° edizione della Festa del Cinema di Roma

One Second recensione film di Zhang Yimou con Zhang Yi, Liu Haocun, Fan Wei, Yu Ailei, Zhang Shaobo e Li Yan

La varietà di paesi presenti nella Selezione Ufficiale della 16° edizione della Festa del Cinema di Roma è veramente lodevole. Tra i film più attesi del versante asiatico troviamo One Second di Zhang Yimou con Liu Haocun e Zhang Yi.

MadMass.it consiglia by Amazon

La pellicola segue le vicende di un uomo disposto a tutto pur di andare a vedere un cinegiornale propagandistico, dato che gli è stato detto che vi appare sua figlia. Arrivato troppo tardi per la proiezione, vede una giovane ladruncola rubare uno dei rulli. Da qui inizierà un inseguimento per le desertiche e desolate regioni della Repubblica Popolare Cinese in piena rivoluzione culturale, per finire fino alla cittadina dove il cinegiornale verrà riproiettato da colui che è una sorta di divinità del luogo, Mr. Film (Fan Wei).

One Second recensione film di Zhang Yimou con Zhang Yi
One Second di Zhang Yimou con Zhang Yi e Liu Haocun (Credits: Huanxi Media Group/Edko Films)

One Second recensione film di Zhang Yimou con Zhang Yi
One Second di Zhang Yimou con Zhang Yi e Liu Haocun (Credits: Huanxi Media Group/Edko Films)

Senza spingerci troppo oltre, possiamo confermare che, a livello narrativo, One Second è un film in grado di intrigare con il suo deliberato amore per il mezzo cinematografico, la cui messa in scena fa tornare inevitabilmente la memoria al Tornatore di Nuovo Cinema Paradiso. Seppur caratterizzato da una forte natura meta cinematografica, enfatizzata dalle continue (e quasi ostentate) riprese dei vari processi filmici, dal montaggio alla proiezione, proprio quest’ultima rende complesso trovare qualcosa in più di una semplice lettera d’amore verso il cinema all’interno di questa piccola produzione.

Sicuramente, in One Second è l’aspetto visivo a spiccare, con delle inquadrature estremamente suggestive di quello che sembra essere il deserto del Gobi. Attraverso un sapiente utilizzo della composizione, il registro cinematografico riesce a trovare la sua intensità espressiva sia nei campi lunghissimi, quasi sconfinati, che nei piani ravvicinati.
Ciò nonostante, pur essendo una pellicola ben strutturata e girata, la pellicola di Zhang Yimou non riesce a colpire nel segno ed è difficile non sentire un retrogusto amaro alla fine della visione.

Sintesi

One Second è un film che vorrebbe essere pieno di calore, ma proprio nel seguire questo fantasma si taglia la strada, risultando niente più che un esercizio di stile ben eseguito, senza alcuna vera spinta che sia in grado di esaltare le sue qualità tecniche o il lodevole omaggio al medium che ha scelto di utilizzare per raccontare la sua storia.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli