Mothering Sunday

Mothering Sunday recensione film di Eva Husson con Odessa Young e Josh O’Connor [RomaFF16]

La recensione di Mothering Sunday, film di Eva Husson con Odessa Young e Josh O'Connor presentato alla 16° edizione della Festa del Cinema di Roma.

Mothering Sunday recensione film di Eva Husson con Odessa Young, Josh O’Connor, Colin Firth, Olivia Colman, Sope Dìrísù e Glenda Jackson

Ogni festival che si rispetti ha la sua opera introspettiva, dai forti toni melodrammatici, intenzionata a stupire e provocare. Anche la 16° edizione della Festa del Cinema di Roma ne ha uno e risponde al nome di Mothering Sunday. Il film, tratto dal romanzo di Graham Swift, ripercorre la vita di una scrittrice di fama mondiale, Jane Fairchild (Odessa Young) che, durante gli anni ’20 del Novecento, ha servito come cameriera per una facoltosa famiglia inglese.

Attraverso una messa in scena che ha più il sapore del ricordo discontinuo che non della narrazione didascalica, la pellicola tenta di esplorare la figura enigmatica di questa donna, dalla sua relazione “proibita” con Paul Sheringham (Josh O’Connor) al rapporto con il problematico concetto di famiglia.
Il tutto è portato su schermo in modo simbolico, con scene spinte molto più dalla casualità che dalla causalità. Gli eventi si susseguono nella maniera di un pensiero offuscato, un effettivo ricordo mutato dalla mente e dalla distanza temporale.

Olivia Colman e Odessa Young
Olivia Colman e Odessa Young (Credits: BFI/Film4/Lipsync Productions)
Sope Dìrísù e Odessa Young
Sope Dìrísù e Odessa Young (Credits: BFI/Film4/Lipsync Productions)

Seppur proponendo un comparto tecnico lodevole (erede diretto di una tradizione cinematografica britannica che affonda le sue radici molto in profondità) e sfoggiando spudoratamente il suo modo quasi onirico nel narrare questa storia di resilienza e perdita, il film sembra smarrirsi, dando fin troppo risalto al suo aspetto formale e lasciando leggermente in disparte l’intensità delle vicende narrate. Risulta, in definitiva, più evocativo che coeso, cosa che ne dimezza l’impatto significante, spingendo lo spettatore a svolgere egli stesso un lavoro di associazione e comprensione (il che non è affatto un male, ma Mothering Sunday sembra abusare di questo approccio in maniera fin troppo ruffiana).

La pellicola di Eva Husson procede convulsa e scissa, esattamente come un ricordo, proponendo visioni e tensioni che aumentano fino ad arrivare al finale, scandito dalle seducenti e sognanti note di Nils Frahm. Il comparto visivo, però, non cerca di spiccare su tutto, attuando, al contrario, una profonda e significativa collaborazione con le prove d’attore, i cui corpi svestiti scivolano sullo schermo bidimensionale, tra scenografie e paesaggi lontani, quasi distanti dal tempo stesso.

Mothering Sunday recensione film di Eva Husson con Odessa Young
Mothering Sunday di Eva Husson con Odessa Young, Josh O’Connor, Colin Firth e Olivia Colman (Credits: BFI/Film4/Lipsync Productions)
Odessa Young e Colin Firth
Odessa Young e Colin Firth (Credits: BFI/Film4/Lipsync Productions)

Sintesi

Seppur non sempre convincente, Mothering Sunday contiene delle intuizioni molto affascinanti, capaci di catturare. Peccato per le piccole deviazioni che hanno offuscato le intenzioni della pellicola di Eva Husson, portandola su sentieri eccessivamente lirici.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Mothering Sunday recensione film di Eva Husson con Odessa Young e Josh O'Connor [RomaFF16]Seppur non sempre convincente, Mothering Sunday contiene delle intuizioni molto affascinanti, capaci di catturare. Peccato per le piccole deviazioni che hanno offuscato le intenzioni della pellicola di Eva Husson, portandola su sentieri eccessivamente lirici.