Nido di vipere

Nido di vipere recensione film di Kim Yong-hoon con Jeon Do-yeon [Anteprima]

Nido di vipere recensione film di Kim Yong-hoon con Jeon Do-yeon, Jung Woo-sung, Youn Yuh-jung, Sung-Woo Bae e Hyeon-bin Shin

Nido di vipere è il film di debutto alla scrittura e alla regia di Kim Yong-hoon, basato sul romanzo giapponese di Keisuke Sone dallo stesso titolo. La pellicola spazia dal genere della dark comedy a quelli crime e thriller seguendo le vicende di tre personaggi in particolare, su uno sfondo che si muove tra la città di Pyeongtaek e la capitale del paese, Seoul: Joong-man, impiegato in una sauna, Tae-young, che lavora come doganiere, e Mi-ran, escort in un night club.

A far incrociare le loro vite è una misteriosa borsa contenente molto denaro che fa la sua comparsa in uno degli armadietti della sauna dove lavora Joong-man, dimenticata da un cliente. L’uomo non rivela a nessuno del prezioso contenuto e la ripone nel magazzino tra gli oggetti smarriti. Sarà proprio la borsa che guiderà lo spettatore all’interno delle vicende che animano la narrazione, portandolo a conoscere ovviamente anche altri personaggi, come il signor Park, col quale Tae-young è indebitato e Yeon-hee, proprietaria del night in cui lavora Mi-ran, nel tentativo di capire a chi appartenga originariamente la borsa, il motivo del suo prezioso contenuto e chi l’abbia lasciata lì e perché.

Jeon Do-yeon
Jeon Do-yeon (Credits: Officine UBU)
Jeon Do-yeon, Man-sik Jeong e Sung-woo Bae
Jeon Do-yeon, Man-sik Jeong e Sung-woo Bae (Credits: Officine UBU)

I tre personaggi principali sembrano non avere nulla in comune, ma in realtà condividono la volontà di cambiare la propria vita, per motivi diversi: Mi-ran è vittima di violenza domestica e psicologica da parte del marito, Tae-young rischia di pagare il suo debito con la vita e Joong-man fa un lavoro miserabile e non guadagna abbastanza per pagare l’università della figlia mentre deve anche prendersi cura della madre. Per farlo, tuttavia, si affidano alle persone sbagliate e il baratro nel quale si ritrovano non farà altro che allargarsi fino ad inghiottirli completamente.

Nido di vipere è diviso in sei capitoli, struttura che ricorda tantissimo quella di un libro ed esattamente come all’interno di un romanzo la narrazione prosegue avanti e indietro nel tempo. Oscillando tra i vari flashback e fast forward ci si ritrova a prestare attenzione anche ai minimi dettagli, come i servizi al telegiornale che compaiono in sottofondo e gli aneddoti che raccontano i personaggi.

Jeon Do-yeon
Jeon Do-yeon (Credits: Officine UBU)
Nido di vipere recensione film di Kim Yong-hoon con Jeon Do-yeon
Jung Woo-sung, Jin-Woong Bae e Man-sik Jeong (Credits: Officine UBU)

Kim Yong-hoon costruisce la sua opera prima con grande astuzia, stuzzica la mente e spinge a fare collegamenti, accattivante nei suoi risvolti di trama e con situazioni anche particolarmente comiche. È interessante vedere la rappresentazione a volte cruda, a volte ironica, dell’animo umano e il modo coinvolgente in cui scrittura e regia lavorano sinergicamente insieme per creare un film appassionante, perfetto per chi ama i thriller.

Questa sapiente costruzione si conferma anche nel gran finale rivelatorio, in modo ironico e un po’ irrisorio, quasi a sottolineare il caso dell’esistenza, dal quale non si può scappare, ma semplicemente sperare che giochi a nostro favore.

Sintesi

Esordio del regista coreano Kim Yong-hoon, Nido di vipere è una rappresentazione coinvolgente ed astuta e dell'animo umano, a volte cruda a volte ironica, che sottolinea il caso dell'esistenza, dal quale non si può scappare ma semplicemente sperare che giochi a nostro favore.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Nido di vipere recensione film di Kim Yong-hoon con Jeon Do-yeon [Anteprima]Esordio del regista coreano Kim Yong-hoon, Nido di vipere è una rappresentazione coinvolgente ed astuta e dell'animo umano, a volte cruda a volte ironica, che sottolinea il caso dell'esistenza, dal quale non si può scappare ma semplicemente sperare che giochi a nostro favore.