Mortal Engines – La città errante di Londra

La città di Londra insegue una città più piccola e la fagocita. Non è uno spot politico, ma il trailer di Mortal Engines, il film tratto dall’omonimo romanzo di Philip Reeve, che a sua volta inaugura la tetralogia Predator Cities. In questo universo, a causa di una guerra nucleare che ha sconvolto il mondo, la capitale britannica è stata ammassata di sana pianta su un macchinario che le permette di vagare per il mondo alla ricerca di nuove risorse, che consentano ai suoi abitanti di sopravvivere. La tecnologia si è presto diffusa, e come risultato la Terra è solcata da giganteschi macchinari urbani, che combattono in un processo denominato « Darwinismo Urbano ». Se ciò non bastasse, tutta la tecnologia moderna è andata perduta, e si è dovuti tornare ai macchinari di fine ottocento. In altri termini, il caro vecchio steampunk. La società si è anche suddivisa in ‘gilde’, tra le quali gli Ingegneri, gli Storici, i Navigatori, i Mercanti.

Se la vostra riserva di ‘sospensione dell’incredulità’ regge, siete pronti per il teaser trailer.

La storia comincia come mostrato nel filmato, con la cattura della città di Salthook da parte di Londra. Una degli abitanti di Salthook, Hester Shaw (Hera Hilmar, attrice islandese che ha partecipato a Anna Karenina), cerca di uccidere il capo degli Storici, Thaddeus Valentine (Hugo Weaving), ma il tentativo è sventato da tale Tom Natsworthy (Robert Sheehan, che conosciamo dalla serie Misfits e dalla trilogia Red Riding). Le cose si fanno complicate quando Hester rivela una cicatrice ed il suo passato… e peraltro, quello Hugo Weaving lì, non ispira niente di buono.

Mortal Engines è diretto dal debuttante Christian Rivers ma fa parlare di sé soprattutto per la produzione e sceneggiatura ad opera di Peter Jackson, Philippa Boyens e Fran Walsh: Rivers sarà al suo debutto come regista, ma ha lavorato con la Weta per tutti i film recenti di Jackson (Anelli e Hobbit), ed ha vinto un Oscar per gli effetti speciali di King Kong (sempre edizione Jackson).

L’uscita di Mortal Engines è prevista per il dicembre 2018.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

The Old Guard recensione [Netflix]

The Old Guard recensione film di Gina Prince-Bythewood con Charlize Theron, Matthias Schoenaerts, KiKi Layne, Chiwetel Ejiofor, Marwan Kenzari, Luca Marinelli e Harry Melling Continuare...

My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]

My Sweet Grappa Remedies recensione film di Akiko Ohku con Yasuko Matsuyuki, Haru Kuroki, Hiroya Shimizu, Kanji Furutachi e Katsuya Koiso Mi chiedo se la...

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]

A Beloved Wife recensione film di Shin Adachi con Gaku Hamada, Asami Mizukawa, Chise Niitsu, Kaho e Eri Fuse presentato al Far East Film...

Rassegna stampa 10 luglio

Rassegna stampa 10 luglio: Michelle Williams e Oscar Isaac protagonisti di Scenes From a Marriage, Zendaya e John David Washington sono Malcolm & Marie,...

Life Finds a Way recensione [FEFF 22]

Life Finds a Way recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Takanori Kurosaki, Marika Matsumoto, Minori Hagiwara, Yako Koga, Sakiko Kato e Honoka Nel corso...

The Captain recensione [FEFF 22]

The Captain recensione film di Andrew Lau con Hanyu Zhang, Hao Ou, Jiang Du, Quan Yuan, Tian’ai Zhang, Qin Li, Yamei Zhang e Qiru...

Buon compleanno Tom Hanks: le sue migliori interpretazioni

Oggi 9 luglio Tom Hanks compie 64 anni: nella sua più che prolifica carriera ci ha deliziato con tantissime performance eccezionali. Le sue migliori...

Rassegna stampa 9 luglio

Rassegna stampa 9 luglio: Paolo Sorrentino dirige È stata la mano di Dio, Leigh Whannell e Ryan Gosling per The Wolfman, i trailer degli...

Rassegna stampa 8 Luglio

Rassegna stampa 8 luglio: il ritorno di Josh Hartnett, Hilary Swank Away per Netflix, un war movie per Dylan O’Brien e Viggo Mortensen diretti...

Rassegna stampa 7 luglio

Rassegna stampa 7 luglio: addio al maestro Ennio Morricone, tutti i vincitori dei Nastri d'Argento 2020, Borderland con John Boyega e Felicity Jones, Brad...