Marianne

Marianne recensione serie TV con Victoire Du Bois [Netflix]

Marianne recensione serie TV Netflix di Samuel Bodin con Victoire Du Bois, Lucie Boujenah, Tiphaine Daviot, Aurélia Poirier e Mireille Herbstmeyer

Quando pensiamo ad un prodotto di genere horror europeo di qualità non possiamo far altro che guardare alla Spagna. È indiscutibile che il cinema horror spagnolo si sia ritagliato, nel corso del tempo, un posto di rilievo nella filmografia europea, ed è forse considerato l’unico a poter sfornare film di genere in grado di unire elementi del terrore a quelli sociali-culturali. Per citarne alcuni tra i più importanti ricordiamo Darkness (di Jaume Balaguerò – 2002), La spina del diavolo (di Guillermo del Toro – 2001), The Orphanage (di Jaun Antonio Bayona – 2007) e infine tra i più recenti il terrificante Veronica (di Paco Plaza – 2017). Proprio quando abbiamo queste certezze arriva il colpo di scena: Marianne.

In una produzione europea di genere catalizzata dall’attenzione dei registi spagnoli, ecco emergere un’atipicità: un piccolo gioiello horror d’origine francese. Marianne è una serie prodotta da Netflix e ideata da Samuel Bodin, purtroppo prematuramente cancellata dopo la prima stagione composta da otto episodi. Marianne narra la storia di Emma Larsimon (interpretata da Victoire Du Bois), scrittrice di una serie di romanzi di genere horror la cui antagonista è Marianne, un’entità malvagia che viene sconfitta, nell’ultimo capitolo della saga, dall’impavida protagonista Lizzie Lark.

Victoire Du Bois
Victoire Du Bois

Mireille Herbstmeyer
La signora Daugeron, interpretata da Mireille Herbstmeyer

Tuttavia, nel contesto della serie tv, Marianne non è solo un personaggio di fantasia, ma è il demone che infesta gli incubi dell’autrice: Emma, ossessionata sin da quando era piccola, ha reso questa entità malvagia reale sia per sé stessa che per tutti coloro che le stanno vicino. I veri tormenti di Emma cominciano proprio con la conclusione dell’ultimo capitolo della saga, scelta che non pare essere di gradimento alla malefica Marianne. Inizia così il viaggio della nostra protagonista nella sua città natale per confrontarsi con la posseduta (dal demone) e terrificante Signora Daugeron (interpretata da Mireille Herbstmeyer), ed è a quel punto che tutto riaffiora, i ricordi e il ritrovo dei vecchi amici.

La storia presenta una narrazione ben delineata, con alcune digressioni temporali che vengono inserite puntualmente senza appesantire lo svolgimento degli eventi. Le atmosfere soft dark conferiscono il giusto impatto visivo tra alta tensione, effetti speciali e colpi di scena ad effetto e mai banali, perché là dove sembra che un episodio possa svilupparsi prevedibilmente, giunge un fattore determinante che spiazza lo spettatore.

Victoire Du Bois in Marianne
Victoire Du Bois in Marianne

Victoire Du Bois
Victoire Du Bois

Marianne è una serie ricca di mistero e imprevedibilità i cui personaggi sono ben costruiti e caratterizzati. La protagonista, interpretata da Victoire Du Bois, è dotata di una sua propria dimensione caratteriale, che permette allo spettatore di scoprire volta per volta il suo modo di agire e presentarsi nelle varie situazioni. Palesi i riferimenti ai classici dell’orrore, come Misery non deve morire (di Rob Reiner – 1990) –  la signora Daugeron ricorda la Annie Wilkes di Kathy Bates usando ogni suo mezzo a disposizione per convincere Emma a continuare la saga di Lizzie Lark -, The Conjuring (di James Wan – 2013) per il tema della stregoneria e le cupe atmosfere, e L’esorcista (di William Friedkin – 1973) per il riferimento alla possessione demoniaca.

La serie ideata da Samuel Bodin è ben strutturata, convincente, terrificante e originale in ogni sua sfumatura. Ciò che colpisce maggiormente è l’interpretazione di Mireille Herbstmeyer che, nelle vesti della vittima posseduta da Marianne, risulta tanto terrorizzante quanto Linda Blair ne L’esorcista, e questo senza dover ricorrere a estenuanti ore di makeup e trucco prostetico.

Marianne non tocca solo tematiche prettamente horror, ma scava nel profondo dei rapporti umani, dell’amicizia e dei vecchi amori, tra adolescenza, maturità e crescita personale. Una piccola perla tutta europea che gli amanti del genere non potranno che apprezzare.

Sintesi

Marianne è un'intrigante e grottesca serie horror capace di tenere inchiodato lo spettatore dal primo sino all'ultimo episodio. Strutturata in modo quasi impeccabile, presenta numerosi elementi tipici del genere senza tuttavia scadere nei cliché, cercando piuttosto di cogliere sfumature di spessore.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El Dorado recensione film con John Wayne e Robert Mitchum

El Dorado recensione del film di Howard Hawks con John Wayne, Robert Mitchum, James Caan e Charlene Holt Era il 1959 quando Howard Hawks, con Un...

Cinema News del 20 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 20 ottobre: i trailer dei film Ma Rainey's Black Bottom con Viola Davis e Chadwick Boseman, Qualcuno salvi il Natale:...

BFI London Film Festival 2020: i vincitori della 64esima edizione virtuale del Festival del Cinema di Londra

BFI London Film Festival 64: vince Another Round (Un altro giro) di Thomas Vinterberg con Mads Mikkelsen come Miglior Film. Miglior Documentario a The...

Cinema News del 19 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 19 ottobre: L'Arminuta il nuovo film di Giuseppe Bonito, Kate Hudson e Octavia Spencer insieme nella seconda stagione di Truth Be...

To the Lake recensione serie TV di Pavel Kostomarov [Netflix]

To the Lake recensione serie TV di Pavel Kostomarov con Viktoriya Isakova, Kirill Käro, Aleksandr Robak, Maryana Spivak e Natalya Zemtsova su Netflix Oggi, in piena...

I Am Greta recensione film su Greta Thunberg di Nathan Grossman [Venezia 77]

I Am Greta recensione film documentario di Nathan Grossman con Greta Thunberg presentato alla Mostra del Cinema di Venezia Presentato ai Festival di Venezia e...

Cinema News del 18 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 18 ottobre: il supereroe Static Shock arriva sul grande schermo, Sacha Baron Cohen su Borat 2, buon compleanno Jean-Claude Van Damme! CINEMA...

Sul più bello recensione film di Alice Filippi con Ludovica Francesconi [Anteprima]

Sul più bello recensione film di Alice Filippi con Ludovica Francesconi, Giuseppe Maggio, Eleonora Gaggero, Gaja Masciale e Jozef Gjura Sul più bello è una...

Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti [Anteprima]

Una classe per i ribelli recensione film di Michel Leclerc con Leïla Bekhti, Edouard Baer, Ramzy Bedia, Tom Levy, Baya Kasmi e Eye Haidara L’ultimo lavoro...

Destino recensione cortometraggio Disney di Walt Disney e Salvador Dalí [Disney+]

Destino recensione cortometraggio Disney di Walt Disney e Salvador Dalí diretto da Dominique Monféry su sceneggiatura di Salvador Dalí e John Hench Nel lontano 1945...