Maniac recensione della serie Netflix

Maniac di Netflix: recensione della miniserie televisiva statunitense diretta da Cary Fukunaga con Emma Stone, Jonah Hill e Justin Theroux

Quattro anni fa True Detective decretava Cary Joji Fukunaga tra i migliori registi del momento e, da allora, le aspettative per ogni suo progetto sono altissime. Maniac (disponibile su Netflix, rifacimento americano della serie norvegese) ha attirato molta curiosità soprattutto per gli attori: Emma Stone e Johan Hill.

Lei interpreta Annie Landsberg, una tossicodipendente con un passato doloroso alle spalle; è perfetta nel ruolo e si impossessa di ogni inquadratura in cui appare. La telecamera la ama e anche noi la amiamo. Lui invece è Owen Milgrim, un giovane squilibrato, la pecora nera della famiglia, che parla spesso con suo fratello immaginario e pensa di dover salvare il pianeta. Commovente è la perenne lotta contro il suo peggior nemico: la propria mente.

Maniac di Netflix: la recensione della serie con Emma Stone e Jonah Hill
Maniac di Netflix: recensione della miniserie televisiva

Owen ed Annie entrano a far parte di un gruppo di “cavie” per testare un nuovo farmaco, una specie di “Grande Fratello” in una clinica privata, nella quale devono rimanere per tre giorni. Sotto l’effetto di queste pasticche le loro menti penetrano in un mondo immaginario creato a metà da Terry Gilliam e Michel Gondry. Il regista è molto bravo a mettere in evidenza gli antri più bui dell’essere umano ed infatti ogni puntata ricorda un qualsiasi episodio di Black Mirror.

Maniac è ambientata in un futuro distopico con un tocco abbastanza retrò. Gli enormi computer ricordano HAL 9000 e la disumanizzazione della società strizza l’occhio a Blade Runner e a Brazil. I fatti si svolgono in un tempo bislacco, un futuro in cui l’evoluzione tecnologica sembra essersi bloccata negli anni ’80. È una serie ricca di misteri dove accade molto più di quello che vediamo o ascoltiamo. Preparatevi a non capire nulla perché i continui flashback rendono difficile intuire il vero dal falso e non si ha una spiegazione logica: si passa dal caos all’ordine, dalla sanità mentale alla pazzia e dalla pace alla violenza.

Maniac di Netflix: la recensione della serie con Emma Stone e Jonah Hill
Emma Stone e Jonah Hill in Maniac

Maniac è bizzarra ma ha una personalità ed una originalità al di sopra della media. Tutti i personaggi sono disturbati eppure ci identifichiamo con loro, i traumi che hanno vissuto sono simili ai nostri e pertanto li comprendiamo. Per guarire bisogna affrontare la propria realtà ma loro ci riusciranno soltanto grazie alle pillole che procurano loro sogni e fantasie indotte.

È una serie per gli amanti del dramma, dell’humour nero, per i nostalgici degli anni ’80 e per i fan del cinema classico.

Ma non è per tutti. Poco importa se non riusciamo a capire. Tuttavia ne rimaniamo affascinati mentre ci arrovelliamo cercando le risposte.

Gabriela

Maniac di Netflix: la recensione della serie con Emma Stone e Jonah Hill
Emma Stone e Jonah Hill in Maniac

Maniac di Netflix: la recensione della serie con Emma Stone e Jonah Hill
Maniac, la miniserie televisiva targata Netflix

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...