mother!

Madre! recensione

And you may find yourself in a beautiful house
With a beautiful wife
And you may ask yourself
Am I right? Am I wrong?
And you may say yourself, “My God! What have I done?”

E’ difficile scrivere di Madre! senza rovinare al lettore quell’aura di pura aspettativa che dà andare a vedere un nuovo film di un apprezzato regista, soprattutto quando il marketing che ne ha preceduto l’uscita è stato così vago ed imperscrutabile che veramente non si sa a cosa andare incontro.

E’ come essere sul trenino del tunnel degli orrori al luna park. Entrando, c’è trepidazione perché tutto può succedere. Ci si abitua, piano piano, al buio, e si riflette che, per fortuna o purtroppo, non fa poi così paura. E appena ci si comincia a rilassare, è allora che l’esperienza comincia davvero: una sequenza di eventi deliranti che provocano una sensazione di spaesamento, e di pause, durante le quali non si può fare a meno di porsi domande, e di fare congetture.

Ad un certo punto del delirio, arriva un momento in cui il percorso comincia a sembrare familiare. Non è lo stesso momento per tutti, ma quando arriva, senza volerlo siamo costretti a prendere una decisione: fare finta di non avere mangiato la foglia, restare coinvolti nel film e prolungare lo sgomento, oppure diventare spettatori coscienti, che, avendo scoperto i fili invisibili che muovono gli eventi, finiranno per guardare i prossimi cenni di follia con un misto di ammirazione per l’idea di fondo e di derisione per una realizzazione che non va tanto per il sottile.

Darren Aronofsky, regista e sceneggiatore, cerca di realizzare un film surreale ed horror, in un modo che può ricordare autori del calibro di Buñuel e Polanski. Purtroppo però sull’aspetto fantastico vince la volontà del regista di far comprendere un messaggio, e, come già successo in The Fountain, la tendenza alla solennità finisce per rasentare il ridicolo.

I protagonisti Jennifer Lawrence e Javier Bardem, pur bravissimi, non riescono a dare spessore a due personaggi che sostanzialmente si limitano a ripetere le stesse azioni e reazioni.

Madre! non è un’esperienza gradevole, ma per chi conosce i lavori precedenti di Aronofsky, questa è parte dell’attrattiva. Se non siete suoi fan, e in particolare se non vi è piaciuto Il Cigno Nero, entrate a vostro rischio e pericolo. Se lo siete, è vivamente consigliato: potreste amarlo, potreste odiarlo, ma in ogni caso non vi lascerà freddi.

Tre gemme e mezza (su cinque).

Sintesi

mother! non è un’esperienza gradevole, ma per chi conosce i lavori precedenti di Aronofsky, questa è parte dell’attrattiva. Se siete suoi fan, è vivamente consigliato: potreste amarlo, potreste odiarlo, ma in ogni caso non vi lascerà freddi.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria [TFF 38]

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria con Antonio Pitanga e Ana Flavia Cavalcanti al Torino Film Festival 38 Memory...

Cinema News del 24 novembre [Rassegna Stampa]

Luca Guadagnino produce un biopic su Tennesee Williams Mark Ruffalo papà di Ryan Reynolds in The Adam Project Anthony Mackie in versione Liam...

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini [TFF 38]

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini, Marcelo Alonso, Davide Iacopini, Anita Caprioli e Paolo Pierobon al Torino Film Festival Parla...

Antidisturbios recensione serie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña Episodi 1-2 [TFF 38]

Antidisturbios recensione miniserie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña con Vicky Luengo, Raúl Arévalo e Álex García al Torino Film Festival 38 Sono stati presentati...

Mi chiamo Francesco Totti recensione film documentario di Alex Infascelli [Sky Now TV]

Mi chiamo Francesco Totti recensione documentario di Alex Infascelli scritto da Francesco Totti con Paolo Condò disponibile su Sky e Now TV Alex Infascelli nella sua...

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit [TFF 38]

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit con Fazlur Rahman Babu, Shatabdi Wadud e Titas Zia al Torino Film Festival 38 Si...