Lucky Chan-sil

Lucky Chan-sil recensione [FEFF 22]

Lucky Chan-sil recensione film di Kim Kyoung Hee con Yoo-ram Bae, Mal-Geum Kang, Young-min Kim (II), Seung-ah Yoon e Yuh Jung Youn

Spesso i cineasti asiatici riescono ad esprimere al meglio qualsiasi genere con il quale si cimentino, in genere ci riesce soprattutto il cinema sud coreano, che annovera al momento maestri di fama mondiale quali il premio Oscar Bong Joon-ho e l’acclamato e violentissimo Kim Ji-woon, che con il suo I Saw The Devil, nel 2010, rivoluzionò il genere revenge movie.
È un pezzo di mondo sempre pronto a sfornare sorprese, ma non è purtroppo questo il caso di Lucky Chan-sil.

Una vita votata al cinema quella della produttrice cinematografica Chan-sil, protagonista di questa commedia abbastanza carina ma al contempo banale, che cerca il suo spazio nel catalogo del Far East Film Festival 2020 risultando però poco coinvolgente.

Mal-Geum Kang e Yoo-ram Bae
Mal-Geum Kang e Yoo-ram Bae
Yoo-ram Bae
Yoo-ram Bae

Spesso nella vita niente va come previsto e le tragedie possono farci sentire in colpa bloccandoci e mettendoci davanti a pensieri esistenziali, se per lo più si prova il senso di colpa che si porta dietro Chan-sil, la si finisce per non saper più quale sia il proprio posto nel mondo, si inizia a scavare nel profondo di noi stessi e spesso si cerca nell’altro una figura che possa confortarci (in questo caso l’insegnante di francese di sua sorella Sophie, aspirante attrice) e al contempo condividere con noi qualcosa con la speranza che essa diventi migliore di quanto già non lo sia.

Si può vivere senza fare film? Quando si ha una passione così profonda come la sua?

Si può vivere senza fare film?
(Lucky Chan-sil)

Ci sarebbero tutte le premesse per creare una pellicola romantica, bella e interessante ma come già detto in apertura la risoluzione finale risulta debole anche se la narrazione è a tratti piacevole, con diverse citazioni cinefile e un simpatico intervento del “fantasmatico”, forse rappresentazione della propria coscienza, dove il fantasma di Leslie Cheung (uno dei padri fondatori della Cantopop, che prima di morire suicida nel 2003 interpretò film di enorme successo) si presenta alla protagonista per dispensare consigli e ascoltarla.

Lucky Chan-sil recensione [FEFF 22]
Lucky Chan-sil di Kim Kyoung Hee
Lucky Chan-sil recensione [FEFF 22]
Mal-Geum Kang

Sintesi

Cerca il suo spazio nel catalogo del Far East Film Festival 2020 Lucky Chan-sil, commedia di Kim Kyoung Hee a tratti piacevole la cui risoluzione finale appare tuttavia debole e poco coinvolgente.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Cerca il suo spazio nel catalogo del Far East Film Festival 2020 Lucky Chan-sil, commedia di Kim Kyoung Hee a tratti piacevole la cui risoluzione finale appare tuttavia debole e poco coinvolgente.Lucky Chan-sil recensione [FEFF 22]