Little Joe

Little Joe recensione

Little Joe è un buon film indipendente, ma c'è qualcosa nella sua messa in scena che non permette di entrare nella narrazione. La nostra recensione.

Little Joe recensione del film di Jessica Hausner con Emily Beecham, Ben Whishaw, Kerry Fox, Kit Connor, David Wilmot, Sebastian Hülk e Lindsay Duncan

Presentato al Festival di Cannes 2019, dove ha vinto il premio per la miglior attrice protagonista con Emily Beecham, Little Joe è un film estremamente particolare; una di quelle miscele molto promettenti che il cinema indipendente continua a sfornare senza sosta. Solitamente non molte di queste pellicole riescono a lasciare il segno. Little Joe è in grado di farlo? Scopriamolo in questa recensione.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Il concept di Little Joe è molto interessante. Un gruppo di ricercatori sta cercando di creare una pianta in grado di rilasciare un profumo che muti l’umore delle persone e le renda felici. La dottoressa Alice Woodward (Emily Beecham) sembra essere riuscita nell’intento, ma in poco tempo le cose iniziano a diventare un po’ sinistre.
Non ci addentriamo oltre perché non vogliamo rovinarvi la trama, ma confermiamo che diventa man mano sempre più interessante, fino al punto in cui non si riesce più a capire dove giaccia la verità.

Emily Beecham e Ben Whishaw
Emily Beecham (Alice) e Ben Whishaw (Chris) sintetizzano “Little Joe”, la pianta che rende felici

MadMass.it consiglia (by Amazon)

La piantagione di Little Joe
La piantagione di Little Joe è sostanzialmente uno dei personaggi principali della storia

Quindi, a livello narrativo, il film è estremamente ispirato, con anche un intreccio abbastanza convincente, però c’è qualcosa che non torna. La storia non riesce a catturare come (crediamo) speravano gli autori; è come se si stesse guardando la pellicola da dietro una barriera protettiva che non permette di farci immergere all’interno delle vicende.

La colpa, probabilmente, è della regia. Sobria ed elegante dall’inizio alla fine, la direzione di Jessica Hausner è ipnotica, stilisticamente immacolata, ma proprio questa attenzione per i movimenti di macchina, questa ostentazione dei carrelli laterali, fanno sembrare il racconto chiuso all’interno di un “serra”.
Forse era proprio il risultato che speravano di ottenere (cosa che risulta ancora più evidente dal reiterato soffermarsi su di un formicaio che il figlio di Alice tiene in una teca di vetro), ma il tutto risulta estremamente freddo e distaccato, così tanto da discostare anche l’immersione dello spettatore.

Emily Beecham
Emily Beecham è Alice, la ricercatrice che riesce a trovare la “formula perfetta” in grado di creare i fiori “Little Joe”

Little Joe recensione
Ben Whishaw in una scena del film

Un discorso simile va fatto per la direzione della fotografia, affidata a Martin Gschlacht, estremamente colorata e con dei toni che si legano bene tra loro, ma anche questa molto canonica, molto scolastica.

Ciò non significa che il film non sia visivamente valido. Tutt’altro. Sono presenti diverse sequenze degne di nota, specialmente quelle ambientate dentro la serra. Inoltre, anche la costruzione della tensione attraverso la componente visiva e sonora (inquietante al punto giusto) convince il più delle volte, senza sfociare nell’orrore più classico, ma mantenendo un certo tono di mistero per tutto lo svolgimento del film. Tuttavia, la sensazione finale è quella di un grande esercizio di stile che non convince mai appieno.

Little Joe: il poster
Little Joe: il poster

Sintesi

Little Joe è un buon film indipendente. Ha i suoi alti e bassi, ma, rispetto a molte altre produzioni che tentano vie così particolari, riesce comunque a spiccare dalla massa per alcune sue peculiarità. Tuttavia, soffre molto di una certa mancanza di coesione. Seppur lavorando insieme, i vari elementi sembrano scollegati l'uno dall'altro. Ci si sente distaccati dalla narrazione, come se la si stesse guardando da dietro un vetro. Come se stessimo ammirando una teca di vetro contenente una comunità di formiche con le quali, pur volendo, non riusciamo a identificarci.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Cine Rassegna Stampa del 10 agosto

Cine Rassegna Stampa del 10 agosto: Ben Affleck alla regia di The Big Goodbye sulla storia della realizzazione di Chinatown, Jonas Cuarón dirige un...

Caleb recensione [Anteprima]

Caleb recensione del film diretto ed interpretato da Roberto D'Antona con Annamaria Lorusso, Francesco Emulo, Alex D'Antona, Nicole Blatto e Natalia Moro Quello di Roberto D'Antona...

Il buono, il brutto, il cattivo recensione

Il buono, il brutto, il cattivo recensione del terzo capitolo della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone con Clint Eastwood, Lee Van Cleef ed Eli...

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...

Coffee and Cigarettes recensione (versione restaurata)

Coffee and Cigarettes recensione film di Jim Jarmusch in edizione restaurata con Roberto Benigni, Steven Wright, Joie Lee, Tom Waits, Cinqué Lee, Steve Buscemi,...

Buon compleanno M. Night Shyamalan: i suoi migliori film [Throwback Thursday]

M. Night Shyamalan compie 50 anni: ripercorriamo i migliori successi del regista dai finali a sorpresa Il 6 agosto del 1970 nasceva M. Night Shyamalan,...

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto

Cine Rassegna Stampa del 6 agosto: Tom Hanks Geppetto per Pinocchio di Robert Zemeckis, Ryan Reynolds a caccia di mostri in Everyday Parenting Tips,...

Il dottor Stranamore recensione

Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba recensione del film di Stanley Kubrick con Peter...

Burning – L’amore brucia recensione

Burning - L'amore brucia recensione film di Chang-dong Lee con Ah-In Yoo, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Soo-Kyung Kim e Seong-kun Mun Nel panorama letterario contemporaneo...