Line Walker 2: Invisible Spy

Line Walker 2: Invisible Spy recensione [FEFF 22]

Line Walker 2: Invisible Spy recensione film di Jazz Boon con Nick Cheung, Louis Koo, Francis Ng, Peiyao Jiang, Zhi-zhong Huang e Jacky Cai

Chi ti credi di essere, Tom Cruise?
(Line Walker 2: Invisible Spy)

Seguito dell’avventura cinematografica nata dall’adattamento dell’omonimo serial trasmesso dall’emittente TVB di Hong Kong, Line Walker 2: Invisible Spy ritrova al timone Jazz Boon e gli interpreti del primo episodio, Louis Koo, Nick Cheung e Francis Ng, capaci di bissare il successo di incassi del primo film e raggiungere con il secondo capitolo i 100 milioni di dollari al botteghino mondiale.

Quello che potrebbe apparire in principio un thriller poliziesco si tramuta rapidamente in un action serrato e frenetico che mette in risalto il folle amore della cinematografica asiatica per l’azione, accompagnata di pari passo da una messa in scena sempre efficace e poderosa, dalla quale anzi il cinema occidentale, affascinato, si è ritrovato ad attingere nell’ultimo ventennio.

Louis Koo, Zhi-zhong Huang e Nick Cheung
Louis Koo, Zhi-zhong Huang e Nick Cheung

Line Walker 2: Invisible Spy recensione [FEFF 22]
Louis Koo
Allo stesso modo Line Walker 2 strizza l’occhiolino alle missioni impossibili di Tom Cruise, simpaticamente citato nel film, costruendo un’intricata spy story fatta di agenzie rivali e agenti infedeli, doppi giochi e verità nascoste, terrorismo e complotti globali, dove al posto della Impossible Missions Force (IMF) troviamo la Invisible Frontline Force (IFF).

Un legame autentico è per la vita e, andando oltre il contorno drammatico del rapimento e dello sfruttamento di adolescenti, i nostri Line Walker, agenti in bilico tra il bene e il male, interpretati dalla consolidata ed affiatata coppia Nick Cheung e Louis Koo, oltre al primo Line Walker più volte insieme davanti alla macchina da presa come in Overheard, The White Storm e Out of Inferno, testimoniano sullo schermo l’importanza delle radici e e del percorso che ci segna e permette di diventare ciò che siamo.

Nick Cheung
Nick Cheung
Peiyao Jiang in Line Walker 2: Invisible Spy
Peiyao Jiang in Line Walker 2: Invisible Spy

Dopo il meccanismo di “rivelazione”, a due terzi della pellicola Line Walker 2 perde grinta ed energia, riducendosi a mistero svelato ad un action non più molto coinvolgente, pur mantenendosi tecnicamente solido, dalla fotografia satura e coloratissima.

A climax ormai svanito e senza la rappresentazione di un villain di peso – laddove i cattivi rimangono poteri forti indefiniti e celati nell’ombra – a perdere entusiasmo è anche la resa dei conti, immersa nell’infame corsa dei tori durante la festa di San Firmino in Spagna, fiaccando così l’opera probabilmente oltre i suoi effettivi demeriti. Tuttavia le esigenze del genere sono pressanti e non ammettono sconti.

Sintesi

Line Walker 2: Invisible Spy strizza l'occhiolino alle missioni impossibili di Tom Cruise costruendo un'intricata spy story fatta di agenzie rivali e agenti infedeli, doppi giochi e verità nascoste, terrorismo e complotti globali. La pellicola di Jazz Boon svela tuttavia troppo presto le sue carte, perdendo grinta ed energia e riducendosi ad un finale poco entusiasmante.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Line Walker 2: Invisible Spy strizza l'occhiolino alle missioni impossibili di Tom Cruise costruendo un'intricata spy story fatta di agenzie rivali e agenti infedeli, doppi giochi e verità nascoste, terrorismo e complotti globali. La pellicola di Jazz Boon svela tuttavia troppo presto le sue carte, perdendo grinta ed energia e riducendosi ad un finale poco entusiasmante.Line Walker 2: Invisible Spy recensione [FEFF 22]