La Tenuta (A herdade)

La Tenuta (A herdade) recensione [Venezia 76]

La Tenuta (A herdade) recensione film di Tiago Guedes con Albano Jerónimo, Sandra Faleiro, Victória Guerra, Ana Vilela da Costa e Beatriz Brás

Le vicende di una famiglia dagli anni ’40 fino al 1991 sullo sfondo di un Portogallo che viene attraversato dalla Rivoluzione dei Garofani. Tiago Guedes, per la prima volta senza il solidale Federico Serra, racconta attraverso la storia di Joao la vita politica, economica e sociale di un Paese. Una scelta che non può non riecheggiare Novecento di Bernardo Bertolucci e che è figlia di un’adesione a un cinema classico che fa dello stile magniloquente e della ricerca dell’immagine perfetta uno dei suoi obiettivi principali.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

La Tenuta (A herdade)
La Tenuta (A herdade) di Tiago Guedes

Dopo un incipit molto breve in cui viene descritto un passaggio chiave nella definizione del carattere di Joao, La Tenuta (A herdade) si sposta nel 1973 per quella che è la porzione narrativa più ampia del film. Divenuto il proprietario di una delle più grandi tenute europee, sulla riva sud del fiume Tago, il protagonista governa la terra e i contadini che la lavorano con idee fintamente progressiste ma che celano, in realtà, un autoritarismo e un dispotismo di fondo che è lo stesso che caratterizza la sua conduzione familiare.

MadMass.it consiglia (by Amazon)

Albano Jerónimo
Albano Jerónimo in La Tenuta (A herdade)

La Tenuta (A herdade) di Tiago Guedes
La Tenuta (A herdade) di Tiago Guedes

Joao è un pater familias molto poco empatico, incapace di sopportare la debolezza del figlio, impunemente fedifrago e non disposto a scendere a patti nemmeno con la politica. Questo arco temporale racconta il suo apogeo, la stabilità conquistata, la possibilità di governare come un vecchio monarca i suoi possedimenti, anche se nelle retrovie cominciano a palesarsi e alla fine si manifesteranno le prime avvisaglie del cambiamento, quella Rivoluzione dei Garofani che pose fine al regime autoritario fondato da António de Oliveira Salazar.

Albano Jerónimo
Albano Jerónimo in La Tenuta (A herdade)

Guedes si serve di tutto il tempo che gli serve per caratterizzare i personaggi, per insistere sulle loro contraddizioni, per creare quei conflitti che esploderanno nella parte finale. Il film, infatti, fa un salto in avanti di quasi 20 anni e arriva al 1991 per raccontare il declino di Joao, la sua sconfitta e la fine di un latifondismo che ha lasciato gradualmente spazio alla democrazia. In questo segmento, il regista portoghese forse eccede nei toni melodrammatici ma riesce sempre a mantenere il livello della suspense, creando un orizzonte narrativo che è perfettamente coerente con il messaggio che vuole comunicare.

La potenza delle immagini lo aiuta, soprattutto in una sequenza notturna di grande impatto. A herdade è quindi un film dalle ambizioni importanti, coraggioso, che si perde forse nelle sue lungaggini, ma che ha un respiro unico, tipico delle grandi epopee.

Sergio

Sintesi

Tiago Guedes racconta attraverso la storia di Joao la vita politica, economica e sociale del Portogallo attraversato dalla Rivoluzione dei Garofani, riecheggiando Novecento di Bernardo Bertolucci con una scelta che è figlia di un’adesione a un cinema classico che fa dello stile magniloquente e della ricerca dell’immagine perfetta uno dei suoi obiettivi principali. La Tenuta (A herdade) è un film dalle ambizioni importanti, coraggioso, che si perde forse nelle sue lungaggini, ma che ha un respiro unico, tipico delle grandi epopee.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Siberia recensione film di Abel Ferrara [Venezia 77]

Siberia recensione film di Abel Ferrara con Willem Dafoe, Dounia Sichov, Simon McBurney, Cristina Chiriac e Valentina Rozumenko Voglio vedere se possiamo raffigurare cinematograficamente...

Il re di Staten Island recensione

Il re di Staten Island recensione film di Judd Apatow con Pete Davidson, Marisa Tomei, Steve Buscemi, Bill Burr, Bel Powley, Maude Apatow e...

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto

Cine Rassegna Stampa del 12 agosto: il prequel drammatico di Willy il Principe di Bel-Air, la trilogia Fear Street sbarca su Netflix, il trailer...

Lovecraft Country recensione serie TV Episodi 1-5 [Anteprima]

Lovecraft Country recensione della serie TV di Misha Green con Jurnee Smollett, Jonathan Majors, Courtney B. Vance, Aunjanue Ellis, Abbey Lee, Jada Harris, Wunmi Mosaku,...

Cine Rassegna Stampa 11 agosto

Cine Rassegna Stampa 11 agosto: Jared Leto protagonista del terzo capitolo di Tron e del biopic su Andy Warhol, Madonna e Diablo Cody per...

Cine Rassegna Stampa del 10 agosto

Cine Rassegna Stampa del 10 agosto: Ben Affleck alla regia di The Big Goodbye sulla storia della realizzazione di Chinatown, Jonas Cuarón dirige un...

Caleb recensione [Anteprima]

Caleb recensione del film diretto ed interpretato da Roberto D'Antona con Annamaria Lorusso, Francesco Emulo, Alex D'Antona, Nicole Blatto e Natalia Moro Quello di Roberto D'Antona...

Il buono, il brutto, il cattivo recensione

Il buono, il brutto, il cattivo recensione del terzo capitolo della Trilogia del Dollaro di Sergio Leone con Clint Eastwood, Lee Van Cleef ed Eli...

Mio zio recensione [Flashback Friday]

Mio zio recensione del film diretto e interpretato da Jacques Tati con Alain Bécourt, Jean-Pierre Zola e Adrienne Servantie Il cinema di Jacques Tati (Giorno di...

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto

Cine Rassegna Stampa del 7 agosto: i trailer di Sto pensando di finirla qui di Charlie Kaufman e di Judas and the Black Messiah...