La Tenuta (A herdade)

La Tenuta (A herdade) recensione [Venezia 76]

La Tenuta (A herdade) recensione film di Tiago Guedes con Albano Jerónimo, Sandra Faleiro, Victória Guerra, Ana Vilela da Costa e Beatriz Brás

Le vicende di una famiglia dagli anni ’40 fino al 1991 sullo sfondo di un Portogallo che viene attraversato dalla Rivoluzione dei Garofani. Tiago Guedes, per la prima volta senza il solidale Federico Serra, racconta attraverso la storia di Joao la vita politica, economica e sociale di un Paese. Una scelta che non può non riecheggiare Novecento di Bernardo Bertolucci e che è figlia di un’adesione a un cinema classico che fa dello stile magniloquente e della ricerca dell’immagine perfetta uno dei suoi obiettivi principali.

La Tenuta (A herdade)
La Tenuta (A herdade) di Tiago Guedes

Dopo un incipit molto breve in cui viene descritto un passaggio chiave nella definizione del carattere di Joao, La Tenuta (A herdade) si sposta nel 1973 per quella che è la porzione narrativa più ampia del film. Divenuto il proprietario di una delle più grandi tenute europee, sulla riva sud del fiume Tago, il protagonista governa la terra e i contadini che la lavorano con idee fintamente progressiste ma che celano, in realtà, un autoritarismo e un dispotismo di fondo che è lo stesso che caratterizza la sua conduzione familiare.

Albano Jerónimo
Albano Jerónimo in La Tenuta (A herdade)

La Tenuta (A herdade) di Tiago Guedes
La Tenuta (A herdade) di Tiago Guedes

Joao è un pater familias molto poco empatico, incapace di sopportare la debolezza del figlio, impunemente fedifrago e non disposto a scendere a patti nemmeno con la politica. Questo arco temporale racconta il suo apogeo, la stabilità conquistata, la possibilità di governare come un vecchio monarca i suoi possedimenti, anche se nelle retrovie cominciano a palesarsi e alla fine si manifesteranno le prime avvisaglie del cambiamento, quella Rivoluzione dei Garofani che pose fine al regime autoritario fondato da António de Oliveira Salazar.

Albano Jerónimo
Albano Jerónimo in La Tenuta (A herdade)

Guedes si serve di tutto il tempo che gli serve per caratterizzare i personaggi, per insistere sulle loro contraddizioni, per creare quei conflitti che esploderanno nella parte finale. Il film, infatti, fa un salto in avanti di quasi 20 anni e arriva al 1991 per raccontare il declino di Joao, la sua sconfitta e la fine di un latifondismo che ha lasciato gradualmente spazio alla democrazia. In questo segmento, il regista portoghese forse eccede nei toni melodrammatici ma riesce sempre a mantenere il livello della suspense, creando un orizzonte narrativo che è perfettamente coerente con il messaggio che vuole comunicare.

La potenza delle immagini lo aiuta, soprattutto in una sequenza notturna di grande impatto. A herdade è quindi un film dalle ambizioni importanti, coraggioso, che si perde forse nelle sue lungaggini, ma che ha un respiro unico, tipico delle grandi epopee.

Sergio

Sintesi

Tiago Guedes racconta attraverso la storia di Joao la vita politica, economica e sociale del Portogallo attraversato dalla Rivoluzione dei Garofani, riecheggiando Novecento di Bernardo Bertolucci con una scelta che è figlia di un’adesione a un cinema classico che fa dello stile magniloquente e della ricerca dell’immagine perfetta uno dei suoi obiettivi principali. La Tenuta (A herdade) è un film dalle ambizioni importanti, coraggioso, che si perde forse nelle sue lungaggini, ma che ha un respiro unico, tipico delle grandi epopee.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Thor: Love and Thunder: Cate Blanchett ritorna Hela per consegnare la spada All-Black the Necrosword a Gorr di Christian Bale

Thor: Love and Thunder rivela la dimora del villain Gorr the God Butcher interpretato da Christian Bale ed il ritorno di Cate Blanchett come...

Cinema News del 23 gennaio [Rassegna Stampa]

Liam Neeson nel remake di Una pallottola spuntata Brie Larson in Lessons in Chemistry Peaky Blinders: il film di Steven Knight che concluderà...

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...

21° Anniversario American Beauty [Throwback Thursday]

Ventuno anni fa usciva nelle sale italiane American Beauty: ricordiamo insieme l'acclamato film premio Oscar di Sam Mendes con Kevin Spacey Il 21 gennaio del...

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...

Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

Wonka Quello che non ti uccide/Boss Level Fate: The Winx Saga Libra Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio The Walled City La miniserie su...

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...