La casa di carta 4

La casa di carta 4 recensione [Netflix]

La casa di carta 4 recensione serie Netflix creata da Álex Pina con Pedro Alonso, Álvaro Morte, Úrsula Corberó, Alba Flores, Jaime Lorente, Miguel Herrán, Esther Acebo, Itziar Ituño e Darko Peric

“La vita è questo: divertirsi fino alla fine della festa.”
(Pedro Alonso, La casa di carta 4)

Aggrapparsi disperatamente ai flashback che vedono protagonista lo straordinario Pedro Alonso (Berlino), in una serie ormai alla deriva creativa sin dalla precedente, terza stagione, tra snodi grossolani e fantascienza hacking, asservita ad un fan service maldestro che vede gli amatissimi personaggi creati da Álex Pina immergersi a fatica in una storia ridotta ai minimi termini, tra conflitti pretestuosi, fiumi di pallottole ed esplosioni, empietà delle forze dell’ordine divenute i cattivi e buoni talmente fragili da sconfessare se stessi in un battito di ciglia, come nelle più classiche telenovelas latine.

Ti amo Berlino (Pedro Alonso)
Ti amo Berlino (Pedro Alonso)

Perso Il Professore (Álvaro Morte), ridotto ad una figurina inerme in un’accoppiata con Lisbona (Itziar Ituño) che non funziona disperdendone l’essenza del personaggio, recuperata sul finale proprio quando la coppia si separa, persi ingegno e sofisticatezza del piano e del colpo grosso a favore di una guerra armata stordente che cerca con il suo frastuono di coprire le debolezze narrative, persi i punti di riferimento nella distinzione tra buoni e cattivi che hanno caratterizzato l’arco narrativo della serie originale – con i buoni tra le forze dell’ordine e i cattivi dentro la Zecca di Stato a conquistarci con la loro empatia e le loro gesta – adesso Polizia, Servizi Segreti, l’intero establishment politico ed economico sono ricondotti ad un Male assoluto macchiettistico, violento, falso, prevaricatore e pericoloso, che merita di essere sepolto dall’anarchia e dall’insurrezione del popolo in una escalation sospinta da vaghi rimandi filosofici a Moore.

La casa di carta 4 recensione
Il Professore, Álvaro Morte

Nairobi (Alba Flores) tra la vita e la morte
Nairobi (Alba Flores) tra la vita e la morte

Contenuti sessuali sempre più espliciti, tanto scorretti e volgari quanto futili, fuori contesto persino nella caratterizzazione di un personaggio instabile come Tokyo (Úrsula Corberó), che sfociano addirittura nelle molestie e nello stupro più immotivato, disturbante e nonsense, come se in preda ad un delirio creativo Álex Pina abbia cercato di mettere dentro al calderone qualsiasi cosa eccetto una buona storia, l’elemento chiave che ha fatto innamorare Italia, Francia, Argentina, Cile, Brasile, Portogallo, Nord Africa, Medio Oriente e Turchia dei suoi personaggi facendo diventare La casa di carta il titolo Netflix più visto di sempre in tutti questi Paesi, vincitore nel 2018 di un International Emmy Award.

Gandía (José Manuel Poga)
Gandía (José Manuel Poga)

La casa di carta 4 decade all’ingegnosità della rapina alla guerriglia armata, dal romanticismo e dalla forza dei legami al bum bum ciao senz’anima e senza storia, da buoni vs cattivi che però si fanno amare all’attacco al potere malvagio e corrotto da B-Movie di basso rango, dalla rapina alla guerra, sfociando poi all’improvviso nello slasher puro dove il maniaco omicida Gandía (José Manuel Poga), praticamente immortale come da canone classico del genere, semina sangue e terrore diventando l’incubo dei nostri beniamini che lo crivellano inutilmente con armi automatiche e bombe, in contemporanea frontalmente, lateralmente e alle spalle, persino in sei contro uno, difendendosi a suon di pistole e capriole, ricordandoci tristemente l’esordio malaugurante della terza stagione, quando la strategia ed il piano avevano già abdicato in favore degli scenari da videogame alla Hitman.

Pur continuando ad amare Berlino che ci canta Ti amo e i suoi Dalì, e riconoscendo che anche i nuovi personaggi come Palermo (Rodrigo De la Serna), Bogotá (Hovik Keuchkerian) e Marsiglia (Luka Peros) avrebbero meritato ben altro trattamento, è difficile riconoscere attenuanti ad un fan service maldestro, povero nella scrittura e disonesto negli intenti.

Lisbona (Itziar Ituño) e Alicia Serra (Najwa Nimri)
Lisbona (Itziar Ituño) e Alicia Serra (Najwa Nimri)

La casa di carta 4 recensione
Stoccolma, Nairobi, Lisbona e Tokyo fanno festa

Helsinki (Darko Peric) e Tokyo (Úrsula Corberó)
Helsinki (Darko Peric) e Tokyo (Úrsula Corberó)

La casa di carta 4 recensione
Rio (Miguel Herrán)

Sintesi

Gli amatissimi personaggi creati da Álex Pina nell'arco narrativo originale de La casa de papel sprofondano in un fan service maldestro, povero nella scrittura e disonesto negli intenti, che rischia di sbiadire il ricordo del primo incontro e della bella avventura trascorsa insieme a Berlino e ai Dalí.

Articoli Correlati

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

I cinque migliori film sul razzismo [Throwback Thursday]

Il tema del razzismo è molto presente nel cinema. In tempi difficili come quelli che stiamo vivendo, ripercorriamo insieme i migliori film sul razzismo È...

Curon: il trailer della serie TV Netflix in attesa della recensione

Curon: in attesa della recensione in anteprima, vi mostriamo il trailer della serie TV italiana Netflix disponibile dal 10 giugno in streaming Nei prossimi giorni...

Sandman: la serie TV sta arrivando su Netflix!

Sandman di Neil Gaiman, una delle migliori saghe a fumetti mai stampata, sta finalmente arrivando su Netflix Neil Gaiman, autore di American Gods e Good...

L’immensità della notte – The Vast of Night: gli Easter Egg del film su Prime Video

L'immensità della notte - The Vast of Night, opera prima di Andrew Patterson con Sierra McCormick e Jake Horowitz, disponibile su Amazon Prime Video L'immensità...

Snowpiercer Netflix recensione prima stagione completa serie TV Episodi 6-10

Snowpiercer Netflix: recensione serie TV con Jennifer Connelly, Daveed Diggs, Mickey Sumner, Iddo Goldberg, Alison Wright, Sheila Vand e Lena Hall Keep the faith, and you...

The 100 recensione stagione 7 episodio 2 7×2 Il giardino

The 100 recensione 7x2 episodio 2 stagione 7 Il giardino - The Garden con Eliza Taylor, Bob Morley, Marie Avgeropoulos e Shelby Flannery Prosegue...

The 100: perché vedere la serie TV di fantascienza su Netflix

The 100: perché vale la pena vedere la serie TV di Jason Rothenberg basata sui romanzi di Kass Morgan con Eliza Taylor e Bob...

Snowpiercer, il treno della vita: il film di Bong Joon-ho prima della serie Netflix [Throwback Thursday]

In occasione dell'uscita della serie TV Netflix ricordiamo Snowpiercer, il film di fantascienza post-apocalittica di Bong Joon-ho che ci ricorda che non siamo tutti uguali Il...

Giffoni Film Festival presenta la 50esima edizione: ospiti, date e programma 2020

Giffoni Film Festival ritorna dal 18 al 22 e dal 25 al 29 agosto 2020 e dal 26 al 30 dicembre 2020: ospiti e programma...

Space Force recensione serie TV [Netflix Anteprima]

Space Force recensione serie TV di Greg Daniels e Steve Carell con Steve Carell, John Malkovich, Diana Silvers, Tawny Newsome, Ben Schwartz, Lisa Kudrow Boots...