La casa di carta 4

La casa di carta 4 recensione [Netflix]

La casa di carta 4 recensione serie Netflix creata da Álex Pina con Pedro Alonso, Álvaro Morte, Úrsula Corberó, Alba Flores, Jaime Lorente, Miguel Herrán, Esther Acebo, Itziar Ituño e Darko Peric

“La vita è questo: divertirsi fino alla fine della festa.”
(Pedro Alonso, La casa di carta 4)

Aggrapparsi disperatamente ai flashback che vedono protagonista lo straordinario Pedro Alonso (Berlino), in una serie ormai alla deriva creativa sin dalla precedente, terza stagione, tra snodi grossolani e fantascienza hacking, asservita ad un fan service maldestro che vede gli amatissimi personaggi creati da Álex Pina immergersi a fatica in una storia ridotta ai minimi termini, tra conflitti pretestuosi, fiumi di pallottole ed esplosioni, empietà delle forze dell’ordine divenute i cattivi e buoni talmente fragili da sconfessare se stessi in un battito di ciglia, come nelle più classiche telenovelas latine.

Ti amo Berlino (Pedro Alonso)
Ti amo Berlino (Pedro Alonso)

Perso Il Professore (Álvaro Morte), ridotto ad una figurina inerme in un’accoppiata con Lisbona (Itziar Ituño) che non funziona disperdendone l’essenza del personaggio, recuperata sul finale proprio quando la coppia si separa, persi ingegno e sofisticatezza del piano e del colpo grosso a favore di una guerra armata stordente che cerca con il suo frastuono di coprire le debolezze narrative, persi i punti di riferimento nella distinzione tra buoni e cattivi che hanno caratterizzato l’arco narrativo della serie originale – con i buoni tra le forze dell’ordine e i cattivi dentro la Zecca di Stato a conquistarci con la loro empatia e le loro gesta – adesso Polizia, Servizi Segreti, l’intero establishment politico ed economico sono ricondotti ad un Male assoluto macchiettistico, violento, falso, prevaricatore e pericoloso, che merita di essere sepolto dall’anarchia e dall’insurrezione del popolo in una escalation sospinta da vaghi rimandi filosofici a Moore.

La casa di carta 4 recensione
Il Professore, Álvaro Morte

Nairobi (Alba Flores) tra la vita e la morte
Nairobi (Alba Flores) tra la vita e la morte

Contenuti sessuali sempre più espliciti, tanto scorretti e volgari quanto futili, fuori contesto persino nella caratterizzazione di un personaggio instabile come Tokyo (Úrsula Corberó), che sfociano addirittura nelle molestie e nello stupro più immotivato, disturbante e nonsense, come se in preda ad un delirio creativo Álex Pina abbia cercato di mettere dentro al calderone qualsiasi cosa eccetto una buona storia, l’elemento chiave che ha fatto innamorare Italia, Francia, Argentina, Cile, Brasile, Portogallo, Nord Africa, Medio Oriente e Turchia dei suoi personaggi facendo diventare La casa di carta il titolo Netflix più visto di sempre in tutti questi Paesi, vincitore nel 2018 di un International Emmy Award.

Gandía (José Manuel Poga)
Gandía (José Manuel Poga)

La casa di carta 4 decade all’ingegnosità della rapina alla guerriglia armata, dal romanticismo e dalla forza dei legami al bum bum ciao senz’anima e senza storia, da buoni vs cattivi che però si fanno amare all’attacco al potere malvagio e corrotto da B-Movie di basso rango, dalla rapina alla guerra, sfociando poi all’improvviso nello slasher puro dove il maniaco omicida Gandía (José Manuel Poga), praticamente immortale come da canone classico del genere, semina sangue e terrore diventando l’incubo dei nostri beniamini che lo crivellano inutilmente con armi automatiche e bombe, in contemporanea frontalmente, lateralmente e alle spalle, persino in sei contro uno, difendendosi a suon di pistole e capriole, ricordandoci tristemente l’esordio malaugurante della terza stagione, quando la strategia ed il piano avevano già abdicato in favore degli scenari da videogame alla Hitman.

Pur continuando ad amare Berlino che ci canta Ti amo e i suoi Dalì, e riconoscendo che anche i nuovi personaggi come Palermo (Rodrigo De la Serna), Bogotá (Hovik Keuchkerian) e Marsiglia (Luka Peros) avrebbero meritato ben altro trattamento, è difficile riconoscere attenuanti ad un fan service maldestro, povero nella scrittura e disonesto negli intenti.

Lisbona (Itziar Ituño) e Alicia Serra (Najwa Nimri)
Lisbona (Itziar Ituño) e Alicia Serra (Najwa Nimri)

La casa di carta 4 recensione
Stoccolma, Nairobi, Lisbona e Tokyo fanno festa

Helsinki (Darko Peric) e Tokyo (Úrsula Corberó)
Helsinki (Darko Peric) e Tokyo (Úrsula Corberó)

La casa di carta 4 recensione
Rio (Miguel Herrán)

Sintesi

Gli amatissimi personaggi creati da Álex Pina nell'arco narrativo originale de La casa de papel sprofondano in un fan service maldestro, povero nella scrittura e disonesto negli intenti, che rischia di sbiadire il ricordo del primo incontro e della bella avventura trascorsa insieme a Berlino e ai Dalí.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit [TFF 38]

The Salt in Our Waters recensione film di Rezwan Shahriar Sumit con Fazlur Rahman Babu, Shatabdi Wadud e Titas Zia al Torino Film Festival 38 Si...

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu [TFF 38]

Mickey on the Road recensione film di Mian Mian Lu con Pao-Wen Yeh, Ya-Ling Chang, Ke-Li Miao, Yu Chieh Hsu presentato al Torino Film...

The Disaster Artist recensione film di e con James Franco

The Disaster Artist recensione del film diretto e interpretato da James Franco con Dave Franco, Alison Brie e Seth Rogen Nell'ormai lontano 2003, per la promozione del...

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu [TFF 38]

A Shot Through The Wall recensione film di Aimee Long con Kenny Leu, Ciara Renée, Tzi Ma, Fiona Fu e Lynn Chen Fuori Concorso al...

Cinema News del 22 novembre [Rassegna Stampa]

Joaquin Phoenix protagonista del prossimo film di Ari Aster Channing Tatum mostro Universal con Phil Lord e Chris Miller Sia alla regia di...

Uncle Frank recensione film di Alan Ball con Paul Bettany e Sophia Lillis [Amazon Prime Video Anteprima]

Uncle Frank recensione film di Alan Ball con Paul Bettany, Sophia Lillis, Peter Macdissi, Judy Greer, Steve Zahn, Lois Smith e Margo Martindale Delicato road...

Identifying Features (Sin señas particulares) recensione film di Fernanda Valadez [TFF 38]

Identifying Features (Sin señas particulares) recensione film di Fernanda Valadez con Mercedes Hernández, David Illescas e Ana Laura Rodríguez “Tierra de oportunidades”: Magdalena riconosce in una...