La Bambola Assassina trailer

La Bambola Assassina trailer Chucky ritorna nel reboot di Child's Play diretto da Lars Klevberg con Aubrey Plaza, Gabriel Bateman, Brian Tyree Henry, Beatrice Kitsos, Ty Consiglio e Carlease Burke

Il mio rapporto con Chucky e La Bambola Assassina si limita all’autentico terrore che a notte fonda e senza preavviso mi suscitò La Bambola Assassina 2, con Alex Vincent, Brad Dourif e la Christine Elise nota al grande pubblico come la bella e pazza Emily Valentine di Beverly Hills 90210.

MadMass.it consiglia by Amazon

Da allora, grande ammirazione a distanza per La Bambola Assassina – Child’s Play, che MGM e Orion riportano sul grande schermo con un reboot che non coinvolge il creatore Don Mancini, il produttore David Kirschner nè l’originale Chucky stesso, il veterano Brad Dourif che eppure un cameo l’avrebbe meritato. Sembra che i tre continueranno sul piccolo schermo le vicende del loro Chucky, nato nel 1988 con il primo Child’s Play diretto da Tom Holland, seguito da sei sequel tra il 1990 ed il 2017.

Diversa anche la origin story – altrimenti assecondando le nuove mode del momento si tratterebbe di remake e non di reboot – con La Bambola Assassina che non sarà più la reincarnazione di uno spietato serial killer a seguito di un rito vodoo, bensì una ipertecnologica bambola da compagnia che, a causa del software hackerato, dimostra di non aver limiti nell’apprendimento e di avere una irrefrenabile tendenza alla violenza.

Prodotto da David Katzenberg e Seth Grahame-Smith, già a segno con il remake di IT, horror dai più grandi incassi di sempre con 700 milioni di dollari, La Bambola Assassina – Child’s Play proverà a bissare il successo di Pennywise con Chucky, character che non è da meno.

La Bambola Assassina
La Bambola Assassina – Child’s Play, il primo poster

La Bambola Assassina
Chucky, ipertecnologica bambola da compagnia

La Bambola Assassina
Chucky – La Bambola Assassina

La Bambola Assassina
Chucky ritorna per un regalo indimenticabile

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli