La ballata di Buster Scruggs

La ballata di Buster Scruggs recensione

Il mito della frontiera americana e la volontà di realizzare 6 episodi di ambientazione western che siano una rappresentazione del loro modo di intendere il cinema e il genere. Si può racchiudere in questa semplificazione The Ballad of Buster Scruggs, nuova fatica dei fratelli Coen, che tornano in Concorso con un film apparentemente rétro ma in realtà di grande fascino.

L’occasione dell’antologia consente infatti ai due registi di portare sul grande schermo un ventaglio di sfumature non indifferente, passando dalla commedia sgangherata al dramma. Come sempre, i Coen rivisitano il genere inserendo il loro umorismo beffardo, l’iper-violenza e momenti nostalgici.

La ballata di Buster Scruggs
Il film a episodi dei fratelli Coen con Tim Blake Nelson, Liam Neeson, James Franco, Zoe Kazan e Tom Waits

The Ballad of Buster Scruggs si apre al meglio, con due episodi che sono una summa del loro magico tocco: ironici, taglienti, calibrati alla perfezione e fortemente riconoscibili. Nel film funzionano più i momenti di pura commedia, le trovate portate all’eccesso, il grand guignol dilagante. Nella prima parte ritroviamo i due autori al massimo della loro forma. Quando si passa, invece, agli episodi più drammatici ed esistenziali, si nota un lieve calo del ritmo e una maggiore omologazione a quanto già superbamente mostrato dal western in passato.

La ballata di Buster Scruggs
I Coen tornano in Concorso a Venezia con un film apparentemente rétro ma di grande fascino

Nel suo complesso, però, The Ballad of Buster Scruggs emoziona proprio perché ha un cuore cinefilo e uno spirito postmoderno. Siamo lontani dai grandi film che hanno costellato la carriera dei due registi ma è ancora forte in loro la capacità di differenziarsi e di scegliere strade perigliose e poco battute. Come una ballata che si affievolisce, forse diventa malinconica, ma non smette mai di affascinare.

Sergio

Sintesi

La ballata di Buster Scruggs dei fratelli Coen emoziona perché ha un cuore cinefilo e uno spirito postmoderno.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli