L'uomo invisibile

L’uomo invisibile recensione

L’uomo invisibile recensione film di Leigh Whannell con Elisabeth Moss, Oliver Jackson-Cohen, Storm Reid, Aldis Hodge e Harriet Dyer

Scritto e diretto da Leigh Whannell, sceneggiatore anche dei primi quattro capitoli della saga di Saw e di Insidious, L’uomo invisibile fa parte di quell’insolito gruppo di pellicole che, non avendo trovato una distribuzione nelle sale cinematografiche a causa dell’emergenza sanitaria, sono stati resi disponibili in streaming sulle principali piattaforme.

Elisabeth Moss diretta da Leigh Whannell
Elisabeth Moss diretta da Leigh Whannell

Aldis Hodge, Elisabeth Moss e Storm Reid
Aldis Hodge, Elisabeth Moss e Storm Reid

Liberamente tratto dall’omonimo romanzo scritto da H.G. Wells nel 1881, L’uomo invisibile, di cui fu realizzato un ulteriore adattamento cinematografico nel 2000 per la regia di Paul Verhoeven, racconta la storia di Cecilia Kass, interpretata da un’incredibile Elisabeth Moss, vittima delle violenze e dei soprusi dello scienziato Adrian Griffin (Oliver Jackson-Cohen) tanto ricco e brillante quanto subdolo e mentalmente disturbato. Esausta da quel rapporto malato, Cecilia scappa via abbandonando l’uomo nel cuore della notte. Viene aiutata nella fuga dalla sorella Emily (Harriet Dyer) e da un amico di vecchia data, James (Aldis Hodge), padre della piccola Sydney (Storm Reid), riuscendo grazie a loro a cancellare le tracce del suo allontanamento. Scioccato dalla rottura, Adrian si suicida lasciando a Cecilia un’ingente fortuna, vincolata ad una trappola ben più terribile e pericolosa del loro matrimonio.

L’uomo invisibile è un film che non va classificato all’interno di una singola etichetta di genere ma è un prodotto sui generis capace di raggruppare sapientemente il meglio degli elementi del cinema thriller, horror, action e del revenge movie all’interno di una narrazione efficace e coinvolgente, che già nelle primissime tese sequenze d’apertura struttura con precisione e perizia assolute, dopo i titoli di testa, gli spazi della narrazione definendo con una chiarezza insolita i personaggi e i toni che la vicenda andrà assumendo.

Elisabeth Moss ne L'uomo invisibile
Elisabeth Moss ne L’uomo invisibile

Elisabeth Moss ne L'uomo invisibile
Elisabeth Moss ne L’uomo invisibile

Ad un incipit accattivante – strutturato quasi con la stessa palpabile suspense che John Krasinski ricreò in A Quiet Place (2018) – segue un intreccio non convenzionale, dove la storia narrata sembra volersi costantemente ribellare alle prove oggettive raccolte dalla protagonista, costretta ad affrontare un percorso di crescita ed autoconsapevolezza senza eguali, in un disperato ed interminabile calvario che la trascinerà ad affrontare prove estreme di coraggio per riscattare, con astuzia e ingegno, quella lucidità e quell’equilibrio mentale che le erano stati sottratti da una vita trascorsa all’interno di un’invidiabile “prigione hi-tech”.

La regia di Leigh Whannell, giunto al suo terzo film dopo Upgrade e Insidious 3 – L’inizio, attraverso un montaggio rapido e a tratti soffocante – complice anche la cupa colonna sonora – si cala negli spazi dell’azione consapevole dei propri limiti e potenzialità, descrivendo gli ambienti con dovizia di particolari. Non mancano sequenze ad alto grado di spettacolarizzazione, ma queste sono decisamente contenute e, sebbene in alcuni casi possano risultare eccessive, non compromettono il giudizio complessivo sull’opera.

Nicola

Sintesi

L'uomo invisibile si rivela un film accattivante che, attraverso una trama coinvolgente e ricca di suspense, dimostra il grande talento alla regia di Leigh Whannell e la capacità di rinnovarsi portando sullo schermo una storia originale e dagli sviluppi imprevedibili.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...