L'inizio del cammino

L’inizio del cammino recensione

L’inizio del cammino (Walkabout) recensione film di Nicolas Roeg con Jenny Agutter, David Gulpilil, Luc Roeg e John Meillon

Non c’è niente di meglio di un picnic sereno e tranquillo in famiglia, un padre e i suoi due figli, una sedicenne Jenny Agutter (scelta poi da John Landis per il suo Un lupo mannaro americano a Londra), e il figlioletto del cineasta stesso, Luc Roeg (interprete per puro caso vista la crescita esponenziale dei fratelli durante il progetto e la loro conseguente impossibilità del ricoprire il ruolo di un bimbo di 7 anni). Una giornata finita in tragedia, un omicidio-suicidio riuscito a metà e che è Walkabout, L’inizio del cammino, della “grande prova” (come recita il titolo del romanzo del 1959, di James Vance Marshall, dal quale è tratto il soggetto), di un viaggio formativo e inusuale nelle terre desolate dell’outback australiano, in un mondo primitivo da realismo magico, alla riscoperta di sé stessi e dell’innocenza perduta.

Jenny Agutter
Jenny Agutter

Jenny Agutter e Luc Roeg
Jenny Agutter e Luc Roeg

È un debutto alla regia fenomenale quello di Roeg, che fino a poco prima si dilettava nel fotografare film passati alla storia come il Fahrenheit 451 di Truffaut, un debutto che osa rappresentare con grandissimo coraggio la morte in ogni sua forma, con reali e crude esecuzioni di animali e rettili in nome della settima arte (dibattito etico e spinoso che divide da sempre il pubblico); il primo progetto di un cineasta che da vero maestro utilizza qualsiasi tecnica che il cinema possa offrire: sono numerose le lenti usate, i simbolismi, il montaggio intellettuale di Sergej Michajlovič Ėjzenštejn, come nelle scene di contrapposizione tra la caccia sportiva e la macellazione di canguri e bovini e quella di puro spirito di sopravvivenza del ragazzino aborigeno, terzo protagonista della pellicola (il ballerino e attore David Gulpilil, di etnia Yolngu, un mix tra primitivismo tribale e presente, dall’età sconosciuta, trovato per caso quasi fosse un miracolo, interprete dal naturale talento attoriale, visto poi in Mr. Crocodile Dundee (1986) e Australia (2008)), che sta intraprendendo la sua prova del fuoco, il suo viaggio interiore nella natura selvaggia alla ricerca di qualsiasi fonte di cibo, mantenendo e non ricercando la sua innocenza ed umanità, mostrata in maniera dolcissima nel rapporto interpersonale con il piccolo protagonista, come nella scena improvvisata quando dopo aver preso del sangue dalle interiora di un piccolo cinghiale scuoiato, massaggia e cura la reale scottatura sulla schiena di Luc Roeg.

L'inizio del cammino recensione
David Gulpilil e Luc Roeg

È quasi impossibile non restare ammaliati dalla bellezza delle immagini, delle musiche (tra le quali spicca la sigla della serie tv Outlander, il celebre brano scozzese The Skye Boat Song, fischiettato dalla giovane protagonista), fondamentale appare la scelta delle location, l’oasi naturale che fa da giardino dell’Eden, luoghi completamente lontani e per nulla corrotti dalla civiltà occidentale e non, che predomina il resto del mondo, fatto di regole e burocrazia, dignità morale e scalate sociali, un mondo che asfissia e rende impossibile il ritorno ad una totale innocenza dell’animo umano.

Jenny Agutter
Jenny Agutter

L'inizio del cammino recensione
Luc Roeg

Forse l’unico appunto a L’inizio del cammino potrebbe scaturire nel momento in cui le reazioni della Agutter non sembrano essere del tutto naturali, più volte appare passiva (fortunatamente non sempre) agli eventi anche tragici che le accadono, ed è protagonista di un finale veloce e che potrebbe non convincere del tutto in fatto di messa in scena, dipende dai punti vista; d’altronde Roeg è da sempre uno dei maggiori esponenti della cut-up (o fishbowling), una tecnica che prevede l’aleatorietà di alcune immagini o riprese montate in modo da riarrangiare le sequenze originali con conseguenti storylines non convenzionali dalle forme quasi semicoerenti, con un totale riallacciamento al resto del film nei suoi attimi finali, dove elementi addizionali diventano cruciali per il significato d’insieme del tutto.

Sta allo spettatore scegliere, noi ve ne consigliamo assolutamente la visione, viste le torride giornate estive che ci stanno e continueranno ad accompagnare nei prossimi mesi.

Sintesi

È un debutto alla regia fenomenale quello di Nicolas Roeg che da vero maestro utilizza qualsiasi tecnica che il cinema possa offrire e osa rappresentare con grandissimo coraggio la morte in ogni sua forma. Impossibile non restare ammaliati dalla bellezza delle immagini, delle musiche e delle location, lontane dalla corruzione della civiltà occidentale che rende impossibile il ritorno ad una totale innocenza dell’animo umano.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Better Days recensione [FEFF 22]

Better Days recensione film di Derek Kwok-cheung Tsang con Zhou Dongyu, Jackson Yee, Yin Fang, Huang Jue, Wu Yue, Zhou Ye e Zhang Yifan Vincitore del...

Far East Film Festival 2020 vincitori: Better Days vince #FEFF22

Far East Film Festival 2020: vince Better Days (Cina) di Derek Kwok-cheung Tsang, secondo Victim(s) (Malaysia) di Layla Zhuqing Ji, terzo I WeirDO (Taiwan)...

Beasts Clawing at Straws recensione [FEFF 22]

Beasts Clawing at Straws recensione film di Young-hoon Kim con Do-yeon Jeon, Woo-sung Jung, Sung-woo Bae, Yeo-jeong Yoon e Man-sik Jeong Premiere italiana anche per il...

#HandballStrive recensione [FEFF22]

#HandballStrive recensione film di Daigo Matsui con Seishiro Kato, Kotaro Daigo, Himi Sato, Ryota Bando, Fuku Suzuki, Seimu Iwamoto e Miku Tanaka Daigo Matsui ha una...

The President’s Last Bang recensione [FEFF 22]

The President’s Last Bang recensione film di Sang-soo Im con Yoon-sik Baek, Suk-kyu Han, Jae-ho Song, Eung-soo Kim e Won-joong Jeong Per il bene della...

The Closet recensione [FEFF 22]

The Closet recensione film di Kwang-bin Kim con Jung-woo Ha, Nam-gil Kim, Yool Heo, Si-ah Kim, Hyun-bin Shin e Soo-jin Kim Prendendo The Closet come...

Dance with Me recensione [FEFF 22]

Dance with Me recensione film di Shinobu Yaguchi con Ayaka Miyoshi, Akira Takarada, Takahiro Miura e Yū Yashiro al Far East Film Festival 2020 Nei...

Romance Doll recensione [FEFF 22]

Romance Doll recensione film di Yuki Tanada con Issey Takahashi, Yū Aoi, Yasuhiro Koseki e Taki Pierre al Far East Film Festival 2020 Fa il suo...

i-Documentary of the Journalist recensione [FEFF 22]

i-Documentary of the Journalist recensione documentario di Tatsuya Mori presentato al Far East Film Festival 2020 "Isoko Mochizuki sono io. Isoko Mochizuki è tutti noi. Un po'...

Cry recensione [FEFF 22]

Cry recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Misao Hirayama e Riko Hisatsugu presentato in anteprima internazionale al Far East Film Festival 2020 Quanti...