Goldstone - Dove i mondi si scontrano

Goldstone – Dove i mondi si scontrano recensione

Goldstone - Dove i mondi si scontrano è il sequel di Mystery Road: Ivan Sen torna a seguire le vicende del detective aborigeno. La recensione.

Goldstone – Dove i mondi si scontrano recensione film di Ivan Sen con Aaron Pedersen, Alex Russell, David Wenham, Jacki Weaver e Michelle Lim Davidson

Goldstone – Dove i mondi si scontrano è un lungometraggio di Ivan Sen, che si occupa del film a trecentosessanta gradi curando: regia, fotografia, sceneggiatura, montaggio e musica. Due anni dopo Mystery Road, Sen torna a raccontare del detective aborigeno Jay Shaw (Aaron Pedersen).

Nel deserto australiano la città più arida è Goldstone, sfruttata dagli uomini bianchi per le sue miniere d’oro e luogo privilegiato per lo sfruttamento di donne per la prostituzione.

Jay viene convocato a Goldstone per investigare sulla scomparsa di una ragazza asiatica avvenuta mesi prima. Qui incontrerà subito Josh Waters (Alex Russell), poliziotto bianco della cittadina; fra i due non c’è una simpatia reciproca eppure riusciranno a collaborare e a scovare un traffico di prostitute asiatiche.

Goldstone - Dove i mondi si scontrano recensione
Michelle Lim Davidson
Jay Shaw (Aaron Pedersen) e il sindaco Maureen (Jacki Weaver)
Jay Shaw (Aaron Pedersen) e il sindaco Maureen (Jacki Weaver) in Goldstone – Dove i mondi si scontrano

Goldstone ha la particolarità di fondere al suo interno diversi generi, e di ognuno non ne prende i cliché, anzi li abolisce. Un noir, un thriller, un poliziesco e un western 2.0 ma senza rocambolesche scene di sparatorie, senza cadaveri e senza sproloqui.

La pellicola di Ivan Sen anzi, procede molto lentamente, anche troppo. Il motivo è quello di potersi soffermare sull’incredibile location che fornisce al film la sua vera personalità. Goldstone è l’arido deserto, le rocce rossastre, l’assenza di case e di civiltà. L’ambientazione perfetta per uno stile di vita puro e semplice, dedito alla contemplazione dei paesaggi e al culto della povertà. Invece, nonostante ciò, l’uomo bianco riesce sempre a eclissare la natura e sfruttare la terra per far valere i propri interessi economici.

Ivan Sen, anch’egli di origini aborigene, mette in Goldstone diversi temi molto profondi come lo sfruttamento della terra e delle persone deboli ma anche quello razziale, lasciando in secondo piano l’azione. Ciò che sicuramente colpisce nell’opera è la fotografia: la luce naturale fa risaltare i colori dell’ambientazione e i campi lunghi permettono allo spettatore di cogliere l’immensità del luogo in confronto alla piccolezza dell’essere umano.

Michelle Lim Davidson in Goldstone
Michelle Lim Davidson in Goldstone
Goldstone - Dove i mondi si scontrano recensione
Kate Beahan

Sintesi

Goldstone - Dove i mondi si scontrano è un sapiente mix di generi, dal noir al western, che ricerca l’umanità anche dove sembra non esserci. La narrazione del sequel di Mystery Road è piuttosto dilatata e non particolarmente appassionante, ma allo stesso tempo la pellicola di Ivan Sen affascina attraverso l'esaltazione delle ambientazioni immerse nel deserto australiano.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Goldstone - Dove i mondi si scontrano recensioneGoldstone - Dove i mondi si scontrano è un sapiente mix di generi, dal noir al western, che ricerca l’umanità anche dove sembra non esserci. La narrazione del sequel di Mystery Road è piuttosto dilatata e non particolarmente appassionante, ma allo stesso tempo la pellicola di Ivan Sen affascina attraverso l'esaltazione delle ambientazioni immerse nel deserto australiano.