Kevin Can F**k Himself

Kevin Can F**k Himself recensione serie TV di Valerie Armstrong con Annie Murphy [Amazon Prime Video Anteprima]

Kevin Can F*** Himself è una miniserie di prossima uscita su Amazon Prime Video. Ne abbiamo visto in anteprima i primi 4 episodi e questa è la nostra recensione

Kevin Can F**k Himself recensione serie TV Amazon Original di Valerie Armstrong e Craig DiGregorio con Annie Murphy, Mary Hollis Inboden, Eric Petersen, Alex Bonifer, Brian Howe e Raymond Lee

Disponibile dal 27 agosto su Amazon Prime Video, la serie tv Kevin Can F**k Himself è ideata da Valerie Armstrong e vede come protagonista Annie Murphy (Schitt’s Creek). Composta di otto episodi, diretti da Anna Dokoza e Oz Rodriguez, la serie ci trasporta nel mondo delle sit-com americane, in cui la coppia formata da Allison (Annie Murphy) e Kevin McRoberts (Eric Petersen) vive un’apparentemente divertente e spensierata vita matrimoniale, in una deliziosa casa dall’arredamento chintz e con la compagnia del padre di Kevin, Pete McRoberts (Brian Howe), e di Neal (Alex Bonifer), migliore amico di Kevin, e di sua sorella Patty (Mary Hollis Inboden).

La storia segue il punto di vista di Allison, la perfetta moglie da sit-com americana: bionda, bianca, bella e che sembra stare al gioco, sposata con un uomo che più e più volte si mette in ridicolo, ma che ha un buon cuore e deve amarla tanto. Ma, per Allison questo matrimonio somiglia ogni giorno che passa a una trappola in cui è costretta a subire piccole umiliazioni e in cui gli atteggiamenti infantili e sprovveduti del marito diventano sempre più insostenibili. Quando la donna scopre che tutti i risparmi messi da parte nel loro conto in banca durante i tanti anni di matrimonio – e destinati ad acquistare una nuova e più confortevole casa – sono stati spesi da Kevin in investimenti poco considerati, per Allison arriva il momento di prendere una decisione: Kevin deve morire, solo così lei potrà finalmente liberarsi di un legame abusivo e privo di felicità.
E nel tentativo di creare l’omicidio perfetto, Allison andrà incontro a una serie di disavventure e alleanze inaspettate…

Annie Murphy e Eric Petersen
Annie Murphy e Eric Petersen (Credits: Amazon Studios)

Un passo in avanti, al di fuori del mondo confortante delle sit-com

Da Roseanne a Tutti amano Raymond, passando per Friends, Due uomini e mezzo, La vita secondo Jim, fino a The Big Bang Theory e How I Met Your Mother, le sit-com in multicam con track laugh hanno invaso per anni le nostre case, facendoci immergere nei salotti e nelle vite di strampalate famiglie disfunzionali, con personaggi che a lungo andare diventavano dei veri e propri stereotipi. Con gli anni ’10 l’evoluzione del genere ha portato a esemplari come Modern Family, in cui la rottura della quarta parete costituiva un elemento innovativo ed esilarante, o a The Middle, in cui al centro della storia c’è protagonista una famiglia della media borghesia e in cui la mediocrità dei suoi componenti diventava oggetto di riflessione della società americana e del concetto di successo che da sempre la caratterizza.

Per assurdo, una riflessione sul genere della sit-com e sulla rappresentazione della tipica famiglia americana è stato affrontato dalla miniserie WandaVision, che ha aperto la Fase 4 del MCU. I riferimenti e omaggi alle sit-com delle diverse epoche della serialità statunitense non erano soltanto puro citazionismo, ma diventavano a loro volta riflessione sul complesso ruolo della donna all’interno del mondo televisivo e una critica alla televisione stessa: il mondo illusorio di Wanda, con la sua perfezione prima in bianco e nero e poi a colori, rispecchia l’illusione in cui per anni ci siamo rifugiati noi spettatori e spettatrici. Un’illusione che ormai non è più in grado di reggere ai contraccolpi del mondo contemporaneo e che proprio per la sua natura resta confinato nell’apparecchio televisivo, incapace tuttavia di donare sicurezza e comfort in chi guarda.

Kevin Can F**k Himself recensione serie TV Amazon con Annie Murphy
Kevin Can F**k Himself serie TV Amazon Original di Valerie Armstrong con Annie Murphy (Credits: Amazon Studios)

Kevin Can F**k Himself: una dramedy a tinte oscure che gioca con i cliché del genere

Con Kevin Can F**k HimselfArmstrong sembra voler fare un ulteriore passo in avanti e raccontare la ribellione della ‘perfetta moglie da sit-com’, mostrandoci un ritratto della vita matrimoniale, dei ruoli tradizionali di uomo e donna che, lontani dalle luci sfavillanti dei set e delle finte risate, si colora di grigio e mostra le manipolazioni e le umiliazioni subite da Allison nel corso della storia. Quando, infatti, Kevin esce di scena, la fotografia e il setting della serie cambiano totalmente e la camera segue Allison con numerosi primi piani per mostrare la sua continua insofferenza e le difficoltà di portare avanti un matrimonio con un uomo che non si preoccupa dei suoi desideri e delle sue necessità. Come Wanda, anche Allison tenta di sopprimere il dolore rifugiandosi nei suoi sogni di casalinga, in cui l’acquisto di una nuova e più moderna casa diventa simbolo di un miglioramento del proprio stile di vita e della personale felicità. Veder sfumare questo sogno sarà la goccia che farà traboccare il vaso e scatenerà la rabbia della donna verso Kevin.

Tuttavia, proprio perché Allison è abituata da anni a compiacere gli altri e ad apparire sottomessa e mansueta, non sarà facile uscire fuori dagli schemi abituali e fare dei concreti passi avanti. Ecco perché a lei si affianca Patty, unica altra presenza femminile nella serie, e che rappresenta la versione più cinica e disillusa di Allison, la sua controparte ideale e partner in crime perfetta. La loro coppia, diversa tanto nell’aspetto fisico quanto nel carattere, non costituisce una particolare novità sullo schermo, ma introduce una riflessione interessante sulla sorellanza femminile e sui rapporti di amicizia che le mogli da sit-com non intrattengono affatto all’interno delle diverse serie, troppo impegnate a risolvere i pasticci in cui i loro mariti le cacciano e totalmente immerse e relegate nei ruoli di mogli e madri, al punto che nella sit-com del 2017 Kevin Can Wait, la moglie del protagonista viene eliminata nella seconda stagione.

Annie Murphy e Mary Hollis Inboden
Annie Murphy e Mary Hollis Inboden (Credits: Amazon Studios)
Kevin Can F**k Himself recensione serie TV Amazon con Annie Murphy
Kevin Can F**k Himself serie TV Amazon Original di Valerie Armstrong con Annie Murphy (Credits: Amazon Studios)

In Kevin Can F**k Himself, invece, al centro della storia c’è la rivalsa di una donna che per anni si è annullata in funzione del marito, che ha perso amicizie e un lavoro che amava sempre a causa delle scenate infantili e dei pregiudizi misogini di Kevin. La serie cerca così di allontanare Allison e Patty dai ruoli che tradizionalmente hanno sempre rivestito all’interno del genere: moglie adorabile e devota e amica cinica.  A Patty viene dedicato il terzo episodio che mostra l’altrettanto squallore in cui si trova la donna: convive con un uomo che non ama e gestisce un traffico illegale di farmaci per arrotondare lo stipendio e mandare avanti il suo salone di bellezza, unendo così alla dramedy elementi alla Breaking Bad, con tanto di road trip e di visite agli spacciatori di fiducia.

Spiccano la bravura di Annie Murphy, lanciatissima dopo il successo di Schitt’s Creek, che adatta magnificamente le proprie espressioni, corpo e volto a seconda se si ritrovi in presenza di Kevin e quindi all’interno di una sit-com o nel mondo grigio e infelice che è davvero la sua vita. A ciò si aggiunge la sceneggiatura che riesce a calibrare bene i passaggi tra i vari generi, grazie anche a un comparto tecnico di prim’ordine. Ben calati nella parte risultano anche gli altri personaggi, sebbene Kevin e i suoi co-protagonisti siano sempre presenti solo nel salotto di casa, sull’onnipresente divano dal rivestimento di primi anni 2000. Dopo aver debuttato per AMC negli USA il 13 giugno, Kevin Can F**k Himself arriva anche da noi per mostrarci i retroscena di un matrimonio infelice e di una donna che, dopo ripetute manipolazioni, commenti sessisti e rinunce ha deciso di riprendere in mano la sua vita e di cui, ora, nessuno può più azzardarsi a ridere.

Sintesi

Kevin Can F**k Himself è una serie ideata e scritta da Valerie Armstrong e con protagonista Annie Murphy nel ruolo della perfetta moglie da sit-com, la cui vita, tuttavia, lontana dai riflettori e dalla presenza del marito Kevin racconta di manipolazioni e infelicità. La serie riesce, al di là di qualche sbavatura nel ritmo, a generare una riflessione sul ruolo delle donne e del matrimonio all'interno del genere della sit-com, mostrandoci la rivalsa della sua protagonista.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Kevin Can F**k Himself recensione serie TV di Valerie Armstrong con Annie Murphy [Amazon Prime Video Anteprima]Kevin Can F**k Himself è una serie ideata e scritta da Valerie Armstrong e con protagonista Annie Murphy nel ruolo della perfetta moglie da sit-com, la cui vita, tuttavia, lontana dai riflettori e dalla presenza del marito Kevin racconta di manipolazioni e infelicità. La serie riesce, al di là di qualche sbavatura nel ritmo, a generare una riflessione sul ruolo delle donne e del matrimonio all'interno del genere della sit-com, mostrandoci la rivalsa della sua protagonista.