Junk Head

Junk Head recensione film d’animazione di Takahide Hori [TSPLUSF 21]

Junk Head recensione film d’animazione scritto, diretto e animato da Takahide Hori presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2021

Da corto in stop motion interamente realizzato nel 2013 dal suo autore, il designer e artista giapponese Takahide Hori, a lungometraggio d’animazione che ha richiesto quattro anni di lavorazione prima della sua uscita nel 2017, sempre ad opera di Hori che si è occupato di tutti gli aspetti artistici e tecnici, dalla sceneggiatura alla regia, dall’animazione al montaggio, dagli effetti visivi e sonori alle musiche, Junk Head ci trasporta in un incredibile universo cyberpunk di personaggi, creature e mostri in un’opera definita da Guillermo del Toro di “folle brillantezza e monumentale immaginazione“.

MadMass.it consiglia by Amazon

Il one-man band Takahide Hori, che considera la sua opera ancora work in progress e in continua evoluzione, stupisce con un immaginario visivo strabiliante e una tecnica di realizzazione straordinaria, impreziositi da una narrazione distopica accattivante, irriverente e arguta.

Takahide Hori omaggia RoboCop di Paul Verhoeven
Takahide Hori omaggia RoboCop di Paul Verhoeven (Credits: Yamiken)

Le creature mostruose di Takahide Hori
Le creature mostruose di Takahide Hori (Credits: Yamiken)

Dai tempi di 9, lungometraggio animato del 2009 diretto da Shane Acker e prodotto da Tim Burton e Timur Bekmambetov, anch’esso nato da un corto, candidato agli Oscar nel 2005, il mondo dell’animazione non ci regalava una storia così unica e fuori dagli schemi, capace di indagare sul futuro della nostra società oltre il velo della finzione di un mondo post-apocalittico.

Junk Head è animato da un’ironia affilata e dirompente, sin dal risveglio del suo protagonista che omaggia RoboCop di Paul Verhoeven, alle interazioni con le creature del sottosuolo, tra rimandi ai più classici vermi giganti, a Il labirinto del fauno, Minions e agli Xenomorfi di Alien.

Dopo il primo cambio “d’abito”, o sarebbe meglio scrivere di junk head (testa ricavata da rottami, prodotti di scarto), l’opera di Takahide Hori sembra dirigersi verso traiettorie più marginali e meno brillanti rispetto alla narrazione principale – l’uomo non può più riprodursi a causa delle continue manipolazioni genetiche a cui si è sottoposto per regalarsi l’elisir di lunga vita, e il nostro protagonista viene inviato negli Inferi del sottosuolo per indagare sulla fertilità dei Marigani, i discendenti delle vecchie generazioni di cloni umani ormai dimenticati da 1600 anni, un tempo utilizzati per il lavoro sottoterra prima che si ribellassero – pur rimanendo coerente a se stessa, seppur eccessivamente innamorata del proprio bestiario e protesa nel raffigurare le dinamiche del mondo mostruoso che ha meravigliosamente portato alla luce sullo schermo.

Junk Head recensione film d'animazione di Takahide Hori
Junk Head film d’animazione di Takahide Hori (Credits: Yamiken)

Junk Head: l'irresistibile trio di guerrieri in stile Minions
L’irresistibile trio di guerrieri in stile Minions (Credits: Yamiken)

Nonostante qualche sequenza d’azione di troppo che va a colmare il disperdersi del cuore della storia che rimane oltretutto incompiuta – tra mostri di ogni tipo e in costante pericolo di vita, nel sottosuolo il nostro protagonista torna eppure a sentirsi vivo come non gli capitava più da tempo nella società evoluta dei piani alti – Junk Head si dimostra un’opera geniale frutto di un talento straordinario, che magari vuole ricordarci che i criteri della felicità cambiano e si stravolgono in base a come e dove viviamo e che prevaricazione e violenza non conoscono confini tra gli uomini, o più semplicemente rappresenta uno sfoggio d’arte e forza di volontà assolutamente unico e autoreferenziale, regalandoci in ogni caso un capolavoro visionario scolpito tra le vette dell’animazione contemporanea.

Con l’augurio che Takahide Hori possa completare la sua immaginifica opera donandole una degna conclusione, alla quale non esiteremo a riconoscere il massimo gradimento.

Junk Head recensione film d'animazione di Takahide Hori
Junk Head film d’animazione di Takahide Hori (Credits: Yamiken)

Junk Head: l'irresistibile trio di guerrieri in stile Minions
Junk Head: l’irresistibile trio di guerrieri in stile Minions (Credits: Yamiken)

Le creature mostruose di Takahide Hori
Le creature mostruose di Takahide Hori (Credits: Yamiken)

Junk Head recensione film d'animazione di Takahide Hori
Junk Head film d’animazione di Takahide Hori (Credits: Yamiken)

Junk Head: l'irresistibile trio di guerrieri in stile Minions
Junk Head: l’irresistibile trio di guerrieri in stile Minions (Credits: Yamiken)

Sintesi

Il talento sconfinato di Takahide Hori ci regala un'opera immaginifica e di folle brillantezza che ci trasporta in un incredibile universo cyberpunk di personaggi, creature e mostri, stupendo con un immaginario visivo strabiliante e una tecnica di realizzazione straordinaria, impreziositi da una narrazione distopica accattivante, irriverente e arguta.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli