Jumanji: Benvenuti nella Giungla

Jumanji: Benvenuti nella Giungla – la recensione

Diciamo le cose come stanno: nessuno veramente sentiva il bisogno di un Jumanji: Benvenuti nella Giungla.

L’originale Jumanji uscì nel 1995 come una trasposizione più o meno fedele dell’omonimo libro illustrato di Chris Van Allsburg, ed è ricordato, oltre che per il talento di Robin Williams, per le scene in computer graphics nelle quali elefanti e rinoceronti uscivano dal tabellone di un gioco in scatola per scorrazzare liberamente nella cittadina di Brantford, New Hampshire.

Come il board game, abbandonato su una spiaggia, adesca i passanti con il suono di tamburi, ci dev’essere un copione ad Hollywood che irretisce i produttori con un ritmato tintinnio di monete. Seguendo la regola che nessun film è intoccabile – e Jumanji è oggi considerato più un guilty pleasure che un mostro sacro – svariati sceneggiatori si sono succeduti per riportare efficacemente in auge il concetto di un mondo selvaggio parallelo che può – in un modo o nell’altro – mescolarsi con il nostro.

Per quanto possa sembrare incredibile, ci sono riusciti.

Brantford, New Hampshire, 2016: niente scuote la vita tranquilla di una cittadina nella quale l’ultimo rilevante fatto di cronaca era stata, vent’anni prima, la sparizione dell’adolescente Alex , la notte dopo che il padre gli aveva regalato un gioco in scatola che aveva trovato abbandonato su una spiaggia. Quattro studenti stereotipati – con nomi dimenticabili ma che, prendendo spunto da Quella Casa nel Bosco, chiameremo Lo Studioso, L’Atleta, La Vergine e La Sgualdrina – si ritrovano, per punizione, a dover mettere in ordine lo scantinato della scuola. Sepolto sotto uno spesso strato di polvere, trovano un vecchio videogame, Jumanji. Incuriositi, lo mettono in funzione e, appena selezionati i rispettivi personaggi, i quattro si ritrovano risucchiati all’interno del gioco, con le fattezze e le abilità dei loro avatar: Lo Studioso si sorprende nel muscoloso corpo di Dwayne Johnson, L’Atleta arranca nel goffo involucro di Kevin Hart, La Vergine fatica a riconoscersi sotto le sembianze di una Karen Gillan in stile Lara Croft e La Sgualdrina si ritrova senza Instagram e con i ‘formosi’ lineamenti di Jack Black.
Per poter tornare a casa, dovranno completare il gioco, ma per riuscirci dovranno prima imparare a conoscere se stessi e a collaborare gli uni con gli altri.

Se, leggendo la trama, avete pensato che Jumanji: Benvenuti nella Giungla non abbia nulla da offrirvi, non posso darvi torto: una sottilissima metafora sulle difficoltà dell’adolescenza, per di più avvolta nella trama di un videogame, correva il rischio di tradursi in due ore di noia tra scene trite e ritrite, effetti speciali e colori ultravivaci.

Non è così. Il film, diretto da Jake Kasdan (figlio di Lawrence e già regista di Bad Teacher e Sex Tape), pur senza lesinare in computer graphics, intrattiene per tutta la sua durata, grazie ad una sceneggiatura vivace che mette in risalto le doti del cast: Dwayne Johnson alterna con ottimi tempi comici la personalità insicura dello Studioso e la leadership del ‘dottor Smolder Bravestone’; Karen Gillan diverte con la sua interpretazione della timida Vergine alla scoperta della propria sensualità; e Jack Black… sappiamo tutti di cosa sia capace Jack Black con il materiale giusto (‘da quando ho perso il mio cellulare mi sembra che tutti gli altri sensi si siano acuiti’). Di minor effetto il personaggio di Kevin Hart, chiassosa mascotte troppo slegata dal carattere ombroso del suo omologo Atleta.

Jumanji: Benvenuti nella Giungla è concepito come reboot, nel quale l’affiatamento tra i membri del cast è l’arma segreta che potrebbe garantire futuri episodi: non è difficile immaginare i quattro attori trasportati in altre dinamiche da videogame (un gioco di ruolo fantasy? un’avventura grafica alla Monkey Island? O, perché no, un ritorno al gioco da tavolo in stile Cluedo?).

Ma il film non si tira indietro dall’essere anche un sequel, pur sapendo che legarsi alla versione precedente non può prescindere dal menzionare Alan Parrish, il personaggio interpretato da Robin Williams. Con ancora vivo il dolore per la morte dell’attore, si rischiava un omaggio troppo stucchevole, o una citazione forzata (o, peggio, un cameo alla Rogue One’). Jumanji 2 trova invece una soluzione elegante, che si sposa bene con l’idea, tutt’altro che banale, che, a volte, per essere vincenti bisogna anche farsi forza delle proprie debolezze.

Qui sotto, il trailer in lingua originale…

… e quello in Italiano

Sintesi

Jumanji: Benvenuti nella Giungla, reboot e sequel allo stesso tempo, nonostante le scarse aspettative sorprende grazie ad un cast affiatato pronto a mettersi in gioco e ad una sensibilità non scontata.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Zac Efron: con i piedi per terra recensione miniserie documentario [Netflix]

Zac Efron: con i piedi per terra recensione della miniserie documentario con Zac Efron e Darin Olien disponibile su Netflix Zac Efron parte per un viaggio...

Cinema News del 28 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 28 settembre: i trailer dell'horror italiano Il legame con Riccardo Scamarcio e Mia Maestro e della serie d'animazione da incubo Resident...

Heath Ledger e Joaquin Phoenix: due Joker da Oscar [Oltre lo Schermo]

Heath Ledger e Joaquin Phoenix: due Joker da Oscar da Il cavaliere oscuro di Christopher Nolan al Joker di Todd Phillips tra amicizia, carriera...

The Midnight Sky: trama e cast del film di e con George Clooney e Felicity Jones su Netflix

The Midnight Sky: trama e cast del film diretto ed interpretato da George Clooney con Felicity Jones, David Oyelowo, Tiffany Boone e Kyle Chandler Dopo Spiderhead...

Cinema News del 27 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 27 settembre: Chris Hemsworth, Miles Teller e Jurnee Smollett nel film di fantascienza Spiderhead, M. Night Shyamalan sul set del suo...

Marianne recensione serie TV con Victoire Du Bois [Netflix]

Marianne recensione serie TV Netflix di Samuel Bodin con Victoire Du Bois, Lucie Boujenah, Tiphaine Daviot, Aurélia Poirier e Mireille Herbstmeyer Quando pensiamo ad un...

Cinema News del 26 settembre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 26 settembre: Tom Holland e Ciara Bravo protagonisti di Cherry dei fratelli Anthony e Joe Russo, Aldis Hodge è Hawkman in...

Netflix ottobre 2020 programmazione: cosa vedere tra serie TV e film

Netflix ottobre 2020 programmazione: tantissime novità in catalogo, da The Haunting of Bly Manor a Emily in Paris, La regina degli scacchi e Rebecca....

MASH recensione film di Robert Altman con Donald Sutherland [Flashback Friday]

MASH recensione del film di Robert Altman con Donald Sutherland, Elliott Gould, Tom Skerritt, Robert Duvall, David Arkin e Sally Kellerman Il cinema di Robert...

Enola Holmes recensione film con Millie Bobby Brown e Henry Cavill [Netflix]

Enola Holmes recensione film di Harry Bradbeer con Millie Bobby Brown, Henry Cavill, Sam Claflin, Helena Bonham Carter, Louis Partridge e Burn Gorman Quanti di...