Illusioni perdute

Illusioni perdute recensione film di Xavier Giannoli con Benjamin Voisin [Venezia 78]

Illusioni perdute è un viaggio nel capolavoro di Balzac che riesce a rendere conto della grandezza del testo di riferimento: la recensione del film di Xavier Giannoli

Illusioni perdute recensione film di Xavier Giannoli con Benjamin Voisin, Vincent Lacoste, Cecil De France, Xavier Dolan, Gerard DepardieuSalomé Dewaels

E’ difficile immaginare, per La Comédie humaine di Honoré de Balzac, una dimensione diversa dall’immensa mole di carta stampata necessaria a contenerla. La folla di personaggi che vive nelle sue pagine emula la grandezza della Parigi ottocentesca che la contiene e l’ha generata. Raccontando le virtù e i vizi di quella stagione della vita, lo scrittore francese si è imbattuto negli interstizi più reconditi dell’umanità e nessuno, ad oggi, ha saputo avvicinarcisi. Evocare Balzac è una prassi, scomodarlo un errore che difficilmente viene perdonato, figurarsi se viene scomodato Illusioni perdute.

MadMass.it consiglia by Amazon

Xavier Giannoli si è cautelato, ha circoscritto con accortezza il campo di azione. Irretito dall’aura cinematografica di quello che Marcel Proust ha definito un capolavoro, ha delimitato in sceneggiatura le aree di interesse di un romanzo che è in realtà una corposa trilogia e scelto artisticamente la direzione più valida per valorizzarlo al meglio. Davanti ad uno stile corposo, traboccante e minuzioso, il regista francese ha scelto di puntellare le immagini con i brandelli del testo originale per procedere allo stesso ritmo di Balzac. Una velocità controllata con molti momenti di marcia ridotta per ottenere scene potenziate e inspessite dalle parole che le orientano.

Benjamin Voisin e Vincent Lacoste
Benjamin Voisin e Vincent Lacoste (Credits: Roger Arpajou/CURIOSA FILMS/GAUMONT/FRANCE 3 CINEMA/GABRIEL INC./UMEDIA)

Benjamin Voisin e Cecil De France
Benjamin Voisin e Cecil De France (Credits: Roger Arpajou/CURIOSA FILMS/GAUMONT/FRANCE 3 CINEMA/GABRIEL INC./UMEDIA)

LEGGI ANCORA: Sundown di Michel Franco con Tim Roth, la recensione

Si ha come la sensazione di potere leggere e vedere simultaneamente l’ascesa e la caduta di Lucien de Rubemprè (Benjamin Voisin) nel suo folle volo verso le impervie vette letterarie e sentimentali. Un viaggio in cui è necessario fare la conoscenza del potere e del denaro, del giornalismo e della menzogna, di oche e applausi finti. Balzac, attraverso la macchina da presa di Giannoli, ne ha ancora per tutti senza accusare minimamente i quasi due secoli di distanza. La brillantezza e il cinismo con cui viene sviscerata la complicata rete di rapporti e relazioni diverte e incuriosisce prima di realizzare quanto determinate meccaniche, più che della Francia alle prese con la Restaurazione, siano se non universali connaturate all’essere umano.

Lucien è andato a Parigi per suonare ed è stato suonato
(Honoré de Balzac)

Illusioni perdute è una bella sorpresa. Il coefficiente di difficoltà con cui Giannoli ha voluto sfidarsi non ha compromesso un’esecuzione solida e senza sbavature. C’è tutto il necessario per assaporare una pietra angolare della letteratura, c’è tutto per godere un film capace di scendere nelle pieghe dell’uomo con acume e disincanto.

Salomé Dewaels
Salomé Dewaels (Credits: Roger Arpajou/CURIOSA FILMS/GAUMONT/FRANCE 3 CINEMA/GABRIEL INC./UMEDIA)

Illusioni perdute recensione film di Xavier Giannoli con Benjamin Voisin
Benjamin Voisin (Credits: Roger Arpajou/CURIOSA FILMS/GAUMONT/FRANCE 3 CINEMA/GABRIEL INC./UMEDIA)

Sintesi

Illusioni perdute è una bella sorpresa: il coefficiente di difficoltà con cui Xavier Giannoli ha voluto sfidarsi non ha compromesso un'esecuzione solida e senza sbavature. C'è tutto il necessario per assaporare una pietra angolare della letteratura, c'è tutto per godere un film capace di scendere nelle pieghe dell'uomo con acume e disincanto.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli