Identifying Features (Sin señas particulares)

Identifying Features (Sin señas particulares) recensione film di Fernanda Valadez [TFF 38]

Identifying Features (Sin señas particulares) recensione film di Fernanda Valadez con Mercedes Hernández, David Illescas e Ana Laura Rodríguez

“Tierra de oportunidades”: Magdalena riconosce in una foto che le viene mostrata dalle autorità messicane la borsa che aveva cucito per il figlio, scomparso. In queste tre semplici parole, che arrivano dopo una sequela di immagini di oggetti logori, sta buona parte del significato di Sin señas particulares (Identifying Features), opera prima della giovane regista messicana Fernanda Valadez che apre il concorso del 38esimo Torino Film Festival, quest’anno fruibile totalmente online. Del cinema di frontiera si è detto e si è scritto molto, al punto che si potrebbe delineare persino un genere di riferimento, dato l’interesse che si è sviluppato negli anni per questa tematica. Affrontare un argomento così delicato senza cadere nel cliché, senza rifarsi a quanto è stato raccontato in precedenza e senza intenti didascalici è quindi un’impresa non da poco.

MadMass.it consiglia by Amazon

Fernanda Valadez insegue, sin dalla prima inquadratura, una rappresentazione della frontiera molto personale. Immergendosi nelle atmosfere quasi magiche di una terra abbandonata da Dio, si prende i suoi tempi per creare una tensione emotiva che cresce progressivamente, senza accelerazioni improvvise. Il suo è un on the road che fa della lentezza, della sospensione e dell’elaborazione del pensiero una cifra stilistica. La regista messicana lascia gli Stati Uniti continuamente fuori campo, sia fisicamente che nei contenuti, come se rappresentassero un sogno echeggiato ma irraggiungibile, una possibilità (impossibile) di fuga dalla realtà. Non ci sono riferimenti al trumpismo, né una presa di posizione contro le politiche di regolarizzazione dell’immigrazione che vengono dall’altra parte del confine. A Fernanda Valadez interessa il ruolo giocato dal Messico, il suo sguardo è completamente immerso nella situazione interna, nelle problematiche di un Paese che spinge i più giovani a scappare e non si preoccupa nemmeno di sapere quale sarà la loro fine.

Identifying Features (Sin señas particulares) recensione film di Fernanda Valadez
Identifying Features (Sin señas particulares) di Fernanda Valadez

Sin señas particulares è un film che lascia poche speranze, durissimo nel ritrarre una terra tanto bella quanto feroce. Il viaggio di Magdalena alla ricerca del figlio scomparso mentre tentava di oltrepassare il confine si carica di una disperazione che è quella di chi si sente abbandonato da tutti e da tutto. Da una parte, le autorità messicane che hanno l’unico obiettivo di chiudere al più presto le pratiche e tornare a non fare nulla. Dall’altra parte, la situazione di caos totale che favorisce la germogliazione della criminalità, della guerra tra poveri, della mors tua vita mea. Fernanda Valadez riesce a raccontare tutto questo senza sovraesporlo, senza farne l’elemento di rilievo della sua storia, mantenendo un’adesione e un’attenzione ai personaggi che presenta una maturità non comune per un’esordiente. Nell’incontro tra Magdalena e Miguel, un giovane costretto a rimpatriare dagli Stati Uniti dopo aver assaporato il sogno senza mai raggiungerlo, c’è tutta la sofferenza di una nazione. I figli non hanno futuro, le madri un presente pieno di dolore.

Sin señas particulares
Sin señas particulares

In un contesto come questo, fanno ancora più male le bellissime inquadrature di una natura che sembra quasi essere estranea al patimento di chi la abita. In Sin señas particulares l’ambiente è parte integrante della costruzione narrativa, del crescendo emotivo e dell’ossimorica rappresentazione che vuole dare la regista. Soprattutto nella parte finale, il film si serve del contesto fisico per ricollegare in maniera non banale tutti i fili tessuti nell’arco del racconto, arrivando al climax in una sequenza molto suggestiva, anche nella crudezza del messaggio che vuole veicolare.

Quello di Fernanda Valadez è quindi un esordio che ha il merito di prendere una via alternativa nella narrazione della frontiera. Un’opera immersiva che gioca con il tempo e con la suspense per dare ancora più significato al racconto. Un ottimo incipit per questo Torino Film Festival, forse azzoppato dall’emergenza ma pronto a trovare soluzioni diverse per resistere. Perché la cultura deve andare avanti.

Fernanda Valadez
Fernanda Valadez

Sintesi

L'esordio di Fernanda Valadez ha il merito di prendere una via alternativa nella narrazione della frontiera. Un’opera immersiva che gioca con il tempo e con la suspense per dare ancora più significato al racconto, completamente immerso nella situazione interna del Messico e nelle problematiche di un Paese che spinge i suoi giovani a scappare.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Buon compleanno Pinocchio: l’81esimo anniversario del capolavoro Disney

Buon compleanno Pinocchio: l'81esimo anniversario del capolavoro dell'animazione di Walt Disney tratto dal romanzo di Carlo Collodi Buon compleanno Pinocchio non è il solito articolo...

Tutta colpa di Freud recensione del film di Paolo Genovese con Marco Giallini [Netflix]

Tutta colpa di Freud recensione film di Paolo Genovese con Marco Giallini, Alessandro Gassmann, Claudia Gerini, Anna Foglietta e Vittoria Puccini Inizia così Tutta colpa...

Cinema News: il cast di The Outfit, i trailer di Natural Light e di A Week Away e Il grande Gatsby serie animata

Cinema News by Day su MadMass.it The Outfit: il cast del film di Graham Moore Natural Light: il trailer del film di Dénes Nagy...

Hanno crocifisso Jared Leto: nuove foto di Gal Gadot & Co. da Zack Snyder’s Justice League e il cameo segreto di un supereroe

Zack Snyder ci mostra alcuni nuovi scatti del dietro le quinte dei reshoot di Justice League, con Gal Gadot, Amber Heard, Ben Affleck e...

Alien recensione film di Ridley Scott con Sigourney Weaver [Disney+ Star]

Alien recensione del film di Ridley Scott, con Sigourney Weaver, Tom Skerritt, John Hurt, Ian Holm, Harry Dean Stanton, Yaphet Kotto e Veronica Cartwright "In...

Cinema News: Ethan Hawke spiega perché ha scelto Moon Knight e Gillian Anderson entra nel cast di First Lady

Cinema News by Day su MadMass.it Ethan Hawke spiega perché ha accettato di girare Moon Knight, la nuova serie Marvel Anche Gillian Anderson si...

Città invisibile recensione serie TV di Carlos Saldanha con Alessandra Negrini e Marco Pigossi [Netflix]

Città invisibile recensione serie TV di Carlos Saldanha con Alessandra Negrini, Marco Pigossi, Jéssica Córes, Julia Konrad, Wesley Guimarães e Fábio Lago Disponibile su Netflix, Città...

Your Honor recensione serie TV di Peter Moffat con Bryan Cranston [Sky Anteprima]

Your Honor recensione serie TV di Peter Moffat con Bryan Cranston, Michael Stuhlbarg, Hope Davis, Hunter Doohan, Carmen Ejogo, Isiah Whitlock Jr., Sofia Black-D'Elia e...

Zack Snyder, non solo Justice League: Army of the Dead e il film su Re Artù

Zack Snyder, non solo Justice League: la data di uscita di Army of the Dead su Netflix e il film su Re Artù Non c'è...

La mappa delle piccole cose perfette recensione film con Kathryn Newton [Amazon Prime Video]

La mappa delle piccole cose perfette recensione film di Ian Samuels con Kathryn Newton, Kyle Allen, Jermaine Harris, Anna Mikami e Jorja Fox Disponibile su...