I'm Your Man

I’m Your Man recensione film di Maria Schrader con Maren Eggert e Dan Stevens [Anteprima]

I’m Your Man recensione film di Maria Schrader con Maren EggertDan Stevens, Sandra Hüller, Hans Löw, Annika Meier, Jürgen Tarrach e Helena Hentschel

Siamo abituati da decenni alle riflessioni cinematografiche sul difficile rapporto essere umano-macchina: quasi sempre, però, l’immaginario messo in scena è a tinte oscure e distopiche. I’m Your Man, invece, propone alcuni interrogativi attraverso la via della commedia sofisticata.

Da un lato una giovane donna a cui sembra sempre mancare qualcosa, dall’altro un robot costruito ad immagine e somiglianza di un uomo e programmato per rendere il più felice possibile la protagonista. È questa la strana coppia che Maria Schrader mette in scena nel suo ultimo film, presentato allo scorso Festival del Cinema di Berlino. Piacevole e con i giusti ritmi, I’m Your Man riesce nelle proprie intenzioni di divertire lo spettatore senza però dimenticare le considerazioni che una storia come questa può suscitare. A colpire è soprattutto l’evoluzione del rapporto tra i protagonisti, difficilmente definibile poiché la regista sceglie – giustamente – di non trasformare il film in una sorta di commedia romantica sdolcinata; difatti il racconto ci suggerisce fin da subito che tra i due non può nascere qualcosa, o perlomeno non quel “qualcosa” così prevedibile.

Dan Stevens e Sandra Hüller
Dan Stevens e Sandra Hüller (Credits: Christine Fenzl/Koch Media)
Maren Eggert e Dan Stevens
Maren Eggert e Dan Stevens (Credits: Christine Fenzl/Koch Media)

Premiata con l’Orso d’Argento per la miglior interpretazione alla Berlinale, Maren Eggert si trova decisamente a suo agio nella parte dando vita ad un personaggio appassionante e credibile capace di farsi tanto amare quanto odiare. Quello di Alma è un ruolo volutamente paradossale poiché tra i due è lei quella meno sentimentale, a differenza del replicante Tom (Dan Stevens) che cerca di simulare le emozioni umane. Alma è un’archeologa che cerca la poesia all’interno degli antichi documenti di epoca Sumera, ecco quindi che un passato molto remoto si scontra con un futuro possibile; il film sottolinea con efficacia il contrasto tra uno dei più profondi risultati dell’estro creativo umano, la poesia, e uno dei più grandi risultati dell’intelletto e della scienza, la robotica.

È possibile trovare un punto di incontro tra questi due mondi? Un robot teoricamente studiato per esaudire ogni nostro desiderio può renderci più felici? Tra un sorriso e l’altro, sono solo alcune delle domande che si (e ci) pone I’m Your Man.

Dan Stevens in I'm Your Man
Dan Stevens (Credits: Christine Fenzl/Koch Media)
I'm Your Man recensione film di Maria Schrader con Maren Eggert e Dan Stevens
Maren Eggert e Dan Stevens (Credits: Benedict Neuenfels/Koch Media)

Sintesi

Attraverso una sofisticata commedia Maria Schrader indaga il complesso rapporto tra uomo e macchina, dove un passato molto remoto si scontra con un futuro possibile, cercando un punto di incontro tra questi due mondi e interrogandosi sul senso ultimo della felicità.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

I'm Your Man recensione film di Maria Schrader con Maren Eggert e Dan Stevens [Anteprima]Attraverso una sofisticata commedia Maria Schrader indaga il complesso rapporto tra uomo e macchina, dove un passato molto remoto si scontra con un futuro possibile, cercando un punto di incontro tra questi due mondi e interrogandosi sul senso ultimo della felicità.