The Sisters Brothers

I Fratelli Sisters recensione

Jacques Audiard torna in Concorso a Venezia con un film anomalo nella sua produzione autoriale. Tratto da un romanzo del canadese Patrick DeWitt, ambientato nell’Oregon del 1850, I Fratelli Sisters è un western che non ha l’ambizione di cambiare i codici del genere ma lavora sulla profondità dei temi e dei personaggi.

In un’edizione che ha dato spazio a storie femminili di grande spessore, il regista francese punta sulla fratellanza, sull’amicizia virile e su un cast di attori in stato di grazia. Quello di Charlie ed Eli Sisters (cognome non casuale) è un viaggio iniziatico, nato dalla necessità di trovare un uomo e ucciderlo. Sono due killer a pagamento con un’attitudine ben diversa: il fratello minore (Joaquin Phoenix) ama il suo lavoro e non aspira a niente di diverso, il maggiore (John C. Reilly) sogna invece di ritirarsi a vita privata.

The Sisters Brothers
Joaquin Phoenix in The Sisters Brothers

Audiard racconta il campo e il controcampo del western, giocando con gli stilemi del genere e soffermandosi prevalentemente sul rapporto tra i due protagonisti. La sua regia è, come sempre, orchestrata alla perfezione, senza inutili esibizioni e vezzi. Il film ha un andamento incalzante e alterna con la giusta sapienza i momenti più crepuscolari con quelli ironici. Si torna, quindi, a respirare il grande western del passato ed è un affare non di poco conto, soprattutto vista la poca familiarità col genere di Audiard, avvezzo a un cinema più vicino alle problematiche sociali della banlieue.

The Sisters Brothers
The Sisters Brothers con John C. Reilly, Joaquin Phoenix, Jake Gyllenhaal e Riz Ahmed

Il regista francese dimostra invece la sua versatilità, adeguando il suo stile al contesto ma senza modificarlo, anzi ravvivandolo (pur convincente, Dheepan cominciava a mostrare qualche piccolo logorio nella sua formula classica). Dopo la ballata dei fratelli Coen, il mito della frontiera torna a pulsare e John C. Reilly si prenota un posto tra i favoriti per la Coppa Volpi.

Sergio

Sintesi

Audiard racconta il campo e il controcampo del western, giocando con gli stilemi del genere e soffermandosi prevalentemente sul rapporto tra i due protagonisti. Con The Sisters Brothers si torna a respirare il grande western del passato.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Audiard racconta il campo e il controcampo del western, giocando con gli stilemi del genere e soffermandosi prevalentemente sul rapporto tra i due protagonisti. Con The Sisters Brothers si torna a respirare il grande western del passato.I Fratelli Sisters recensione