Greyhound - Il nemico invisibile

Greyhound – Il nemico invisibile recensione [Apple TV+]

Greyhound – Il nemico invisibile recensione film di Aaron Schneider con Tom Hanks, Elisabeth Shue, Stephen Graham, Matt HelmRob Morgan, Eva Krause e Manuel Garcia-Rulfo

Partiamo dalla fine.
Mentre scorrono i titoli di coda di Greyhound, arriva probabilmente la notizia più interessante riguardante l’ultimo grande successo in casa Apple TV+. Non si tratta del ritorno dietro la macchina da presa di Aaron Schneider (The Get Low) dopo quasi vent’anni, ma quel Tom Hanks che spunta alla voce sceneggiatura di un film di guerra ambientato durante la seconda guerra mondiale.

Ispirato a The Good Shepherd di C.S. Forester, l’attore americano si cuce addosso un film di una pulizia e precisione disarmante su un filone che ha visto molte grandi produzioni fallire miseramente. Non è facilissimo riprodurre una battaglia navale tra cacciatorpedinieri americani e U-Boot tedeschi e contemporaneamente metter su un film che non sia solo CGI e frastuono bellico, a prescindere dal budget a disposizione. Tom Hanks, in questo caso, accompagna e sorregge in continuazione il film senza però mai sconfinare nell’ingombrante o nella mania di protagonismo, ma instaurando una simbiosi decisiva per il risultato finale.

Tom Hanks
Tom Hanks

Esclusiva SVOD su Apple TV+
La pellicola di Aaron Schneider è in esclusiva SVOD su Apple TV+

Cosa rende Greyhound una chicca? Tom Hanks. Come lo ha reso tale? Con un processo di attenta sottrazione del superfluo che ha mostrato la carne viva di un’operazione navale. Scegliendo l’attenzione piuttosto che la sensazionalità, in una scarsa ora e mezza di film si assiste ad un forsennato scambio di comandi, rotte, latitudini e rotte di navigazioni che altrove avrebbero potuto dare il voltastomaco. In questo film, invece, ogni elemento concorre ad una liturgia civile che rende sacro persino le frequenze su cui trasmettere le comunicazioni per sottrarsi all’intercettazione nemica.

A metà tra una maratona e una via crucis, la necessità con cui è stato costruita ogni sequenza di Greyhound impone di avere sempre chiaro l’obiettivo da raggiungere: un racconto puntuale e lungo il tempo necessario come ogni operazione militare che si rispetti. Non ci si può permettere di distogliere l’attenzione, anche a costo di sanguinare per il troppo tempo passato in posizione eretta e al comando. Meglio indossare calzature più comode e stringere i denti perché il riposo è concesso solo una volta portata a termine la propria missione, solo dopo aver reso il dovuto omaggio a un pezzetto di storia del recente passato.

Come sceneggiatore, come attore, come ispiratore dell’intero film, Tom Hanks conduce Greyhound ad una rivisitazione del war movie che è finalmente libera dall’eroismo esasperato del genere e piena di dignitosa umanità, fornendo un risultato sorprendente e incoraggiante in un genere abusato e di per sé controverso.

Greyhound - Il nemico invisibile recensione
Greyhound – Il nemico invisibile

Greyhound - Il nemico invisibile recensione
Greyhound – Il nemico invisibile di Aaron Schneider con Tom Hanks

Sintesi

Come sceneggiatore, come attore, come ispiratore dell'intero film, Tom Hanks conduce Greyhound ad una rivisitazione del war movie che è finalmente libera dall'eroismo esasperato del genere e piena di dignitosa umanità, fornendo un risultato sorprendente e incoraggiante in un genere abusato e di per sé controverso.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...

21° Anniversario American Beauty [Throwback Thursday]

Ventuno anni fa usciva nelle sale italiane American Beauty: ricordiamo insieme l'acclamato film premio Oscar di Sam Mendes con Kevin Spacey Il 21 gennaio del...

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...

Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

Wonka Quello che non ti uccide/Boss Level Fate: The Winx Saga Libra Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio The Walled City La miniserie su...

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...

I cancelli del cielo recensione film di Michael Cimino con Kris Kristofferson e Isabelle Huppert

I cancelli del cielo recensione del film di Michael Cimino con Kris Kristofferson, Isabelle Huppert, Christopher Walken, Jeff Bridges, John Hurt e Sam Waterston Dalle stelle...

Intervista ad Alessandro Grande regista del film Regina

Intervista ad Alessandro Grande, regista di Regina, film in concorso al 38° Torino Film Festival Lo abbiamo visto e recensito in occasione della 38esima edizione...