Girl

Girl recensione [Indie]

Girl recensione film di Lukas Dhont con Victor Polster, Arieh Worthalter, Oliver Bodart, Tijmen Govaerts, Katelijne Damen e Valentijn Dhaenens

Girl, migliore opera prima al Festival di Cannes 2018 del giovane emergente Lukas Dhont, è un film che conquista dalla prima inquadratura.
Ispirata ad una storia vera, questa perla cinematografica belga è un vero e proprio inno alla bellezza, ma anche alla sofferenza gridata dal silenzio dell’esile ed elegantissima protagonista Lara, una ragazza adolescente transgender.

Interpretata in maniera quasi simbiotica da Victor Polster, ballerino e altrettanto talentuoso attore esordiente con questo film, Lara è un’adolescente che combatte disperatamente con il suo corpo, rifiutandolo in un modo talmente radicale da provocarsi un autolesionismo estremo. A soli 15 anni decide che quello che ha non è il suo corpo e come una vera guerriera non vuole perdere tempo per raggiungere il suo obiettivo. Un ruolo fondamentale nella sua scelta lo svolge il suo comprensivo papà, un eccellente Arieh Worthalter, perfetto nel ruolo di giovane padre pronto a tutto per rendere felice sua figlia.

Entrambe le recitazioni, magicamente, riescono a trasmettere la sensibilità e l’educazione dei loro personaggi. Victor attraverso la sua disperata voglia di cambiare e Mathias con la sua paterna voglia di proteggere. Quello che colpisce è soprattutto l’intensità delle loro emozioni, a volte in contrasto ma che riescono a fondersi sempre in un’unica forza empatica. Un rapporto caratterizzato da una comprensione così giusta e corretta che commuove, facendo sperare e sognare.

Victor Polster
Victor Polster

Girl recensione film di Lukas Dhont
Girl di Lukas Dhont

Promettente ballerina con una determinazione e serietà che di solito non si hanno alla sua età, Lara vuole sentirsi una donna fino in fondo. Con la stessa volontà affronta sia la fase più delicata del suo processo di cambiamento fisico e ormonale, sia la sua nuova esperienza con la rigida scuola di ballo per la quale è disposta a tutto pur di farne parte. É quasi percepibile il suo duplice dolore, che prova contemporaneamente quando si allena fino allo sfinimento e quando si guarda nello specchio della sua camera.

La sua sofferenza preferisce però non mostrarla. Lara non si piega mai, né di fronte alla severa maestra né tantomeno davanti alle sue compagne di ballo. Lara non si arrende mai, né dopo gli estenuanti allenamenti né a seguito degli effetti delle medicine, che inevitabilmente indeboliscono il suo corpo. Lara accetta in silenzio il dolore provocato delle strette scarpette di ballo e leggiadra e imperterrita continua a ballare, non curante dell’inevitabile crollo fisico. Non mostra alcuna sofferenza nemmeno quando si applica il nastro adesivo per nascondere i genitali, anzi per lei sembra quasi essere un rito punitivo per quell’ultima parte di virilità rimasta. È pronta a tutto per essere una ballerina perfetta. È disposta a tutto per diventare una donna.

Victor Polster e Arieh Worthalter
Victor Polster e Arieh Worthalter

Girl di Lukas Dhont con Victor Polster
Girl di Lukas Dhont con Victor Polster

Straziante quanto bella, sincera quanto spiazzante, la pellicola belga, accolta dalla critica cinematografica con grande soddisfazione, riesce a togliere il fiato fino all’ultimo. Nulla è lasciato al caso. I lunghi primi piani dei silenti protagonisti, le loro lacrime, la sofferenza nascosta e raccontata con delicatezza, le scene di danza con le infinite piroette attraverso le quali Lukas Dhont riesce quasi riproporre un senso di vertigine, la musica classica che accompagna una fotografia la quale ricorda i quadri rinascimentali di Raffaello e Botticelli per il suo uso particolare della diffusione della luce.

Quando non si vuole che un film finisca perché si sente che passerà del tempo prima di incontrare un’opera altrettanto bella, significa che il regista ha fatto decisamente bene il suo lavoro.

Arianna

Sintesi

Ispirato alla vera storia di una giovane ballerina transgender, Girl è un inno alla bellezza, ma anche alla sofferenza. Straziante quanto bella, sincera quanto spiazzante, la pellicola di Lukas Dhont raccontata con intensità e delicatezza la disperata lotta di un’adolescente che combatte con il suo corpo, tra volontà di cambiare, danza, lacrime e silenzi.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...