Estate di morte

Estate di morte recensione serie TV [Netflix]

Estate di morte recensione serie TV Netflix di Harlan Coben con Grzegorz Damięcki, Hubert Miłkowski, Agnieszka Grochowska e Wiktoria Filus

Netflix continua ad arricchire il suo catalogo di serie intriganti con titoli che colpiscono l’attenzione come nel caso della miniserie polacca Estate di morte (The Woods). Creata dallo scrittore americano Harlan Coben (Safe, The Stranger) e ispirata al suo libro The Forest, spostando però la trama dal New Jersey a Varsavia.

MadMass.it consiglia by Amazon

Questo “noir” si svolge in due distinte unità di tempo, nel 1994 e nel 2019, e racconta la storia del procuratore Pawel Kopinski. Lui non riesce a riprendersi dalla perdita dell’amata sorella Natalia scomparsa più di venticinque anni prima in circostanze inspiegabili durante un campo estivo.

Dopo una festa, infatti, la giovane donna entrò in una foresta e non fu mai più rivista e nella stessa occasione ebbe luogo un duplice omicidio. Per Pawel la scoperta di un cadavere, la cui morte sembra essere correlata alla scomparsa della ragazza, alimenta nuovamente la speranza che Natalia sia viva e inizia ad indagare per sapere cosa sia realmente successo.

Grzegorz Damięcki
Grzegorz Damięcki

Estate di morte recensione serie TV Netflix
Estate di morte di Harlan Coben

La storia viene raccontata da diversi punti di vista con sottotrame sovrapposte creando una rete complessa e coinvolgente. I personaggi sono così complessi e ben interpretati da risultare a volte più interessanti del mistero stesso, soprattutto per gli amanti delle trame elaborate. Chiunque conosca il tipo di narrativa di Coben saprà del suo mix unico di personaggi, di ritmo frenetico e di colpi di scena.

La narrazione parallela in due spazi temporali risulta efficace, con personaggi egregiamente collegati, sia da giovani che da adulti, che operano al meglio nel costruire i meccanismi dell’intrigo piuttosto che nel risolverlo.

Alcuni aspetti funzionano alla perfezione come la scelta della colonna sonora e la fotografia che cambia alternativamente la luce e l’ambiente. Nel racconto del passato i toni risultano più caldi mentre nella narrazione del presente si rivelano molto più freddi, riuscendo a differenziare le due linee temporali in cui la storia si svolge.

Hubert Milkowski
Hubert Milkowski

Estate di morte recensione serie TV Netflix
Estate di morte di Harlan Coben

Altro punto di forza è sicuramente il cast, grazie ad interpreti intensi che, con poche parole, instaurano quella chimica essenziale per l’empatia dello spettatore.

Estate di morte è una serie che si adatta bene alla sua durata e al suo format, non avendo nulla da invidiare alle produzioni anglosassoni dello stesso tipo. Funziona meglio come un dramma che analizza la perdita e l’abbandono, piuttosto che come mero enigma poliziesco offrendo una risoluzione un po’ sbrigativa e forse un po’ “debole” nei confronti della storia stessa e dello spettatore.

Sintesi

Estate di morte raggiunge il suo obiettivo di tenere lo spettatore interessato fino alla fine. La narrazione parallela in due spazi temporali risulta efficace grazie anche all'ottimo cast e alla qualità della produzione.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli