Dunkirk di Christopher Nolan: capolavoro o film noioso? [Oltre lo Schermo]

Dunkirk: capolavoro o film noioso? La storia come andrebbe raccontata nel film di Christopher Nolan

Christopher Nolan è uno dei migliori registi di questa generazione, un artista controverso che tende a spaccare in due le opinioni del pubblico. Escludendo la trilogia dedicata al Cavaliere Oscuro (che pare abbia messo tutti d’accordo), Nolan ha quasi sempre optato per film complessi con trame molto articolate, e di fatto tale spaccatura di pubblico è dovuta principalmente ad una mancata comprensione dei suoi film. Tuttavia, nel 2017, sorprende tutti realizzando Dunkirk, film distante dai generi precedentemente trattati, war movie storico che racconta la famosissima battaglia ed evacuazione di Dunkerque avvenuta tra fine maggio e inizio giugno del 1940.

L’imprevedibilità del regista non manca nemmeno in quest’opera, distanziandosi a nostro avviso dai classici del genere. Nolan assume un approccio estremamente realistico alla guerra, fattore che ha spinto parte degli spettatori a considerare Dunkirk “noioso all’inverosimile”, una prova tecnica priva di una sceneggiatura che dia un corposo sostegno allo svolgimento. Ma la guerra non è mai avvincente!

Kenneth Branagh
Kenneth Branagh

Dunkirk di Christopher Nolan
La storia come andrebbe raccontata nel film di Christopher Nolan

Per comprendere al meglio Dunkirk bisogna avere delle nozioni storiche su ciò che è successo e su quel momento critico per la Gran Bretagna, che nel 1939-40 fu l’unica nazione in Europa ad opporsi all’invasione nazista, che ormai stava conquistando buona parte del vecchio continente. Proprio per opporsi ad Hitler gli inglesi andarono in supporto alla Francia, al fine di respingere l’attacco tedesco e avere altresì un alleato nella lotta contro il dominio nazista. Tuttavia la Germania si stava dimostrando altamente superiore in forza bellica, capace di attaccare in qualsiasi campo di battaglia, per terra, aria e mare.

I soldati inglesi e francesi si trovarono in una specie di trappola mortale nella spiaggia di Dunkerque, circondati dai tedeschi che presto o tardi li avrebbero annientati. Per gli inglesi sarebbe stato un problema enorme perdere tutti quei soldati dato che i nazisti avevano palesato l’intenzione di invadere l’Inghilterra, unica nazione in Europa a non essere stata ancora conquistata. Proprio per questo l’allora primo ministro, Winston Churchill, autorizzò la famosa Operazione Dynamo, alla base degli eventi narrati nel film, con l’obiettivo di portare in salvo il maggior numero di soldati inglesi e francesi, chiedendo aiutato a qualsiasi imbarcazione navale civile e militare che potesse attraversare la Manica e portare in salvo più soldati possibili. La Gran Bretagna era consapevole di avere bisogno di forze militari in grado di opporsi alla possibile invasione nazista in patria, ma allo stesso tempo voleva lottare fino all’ultimo in suolo francese.

Dunkirk di Christopher Nolan

La battaglia di Dunkerque
La battaglia di Dunkerque

L’Operazione Dynamo venne anche denominata il “miracolo di Dunkerque”, poiché vennero salvati circa 340mila uomini, di cui 240mila inglesi e 100mla francesi. Numeri che superarono di gran lunga le aspettative del Primo Ministro che sperava di salvare almeno 30mila uomini. Dunkirk descrive questi drammatici eventi, non edulcora o romanza gli avvenimenti, non fa proclami, e attraverso la visione di diversi campi di battaglia cerca di trasmettere allo spettatore la morsa infernale in cui si trovarono i soldati inglesi e francesi.

Dunkirk mostra ciò che è realmente successo, grazie anche alle informazioni che Nolan ha ottenuto dai veterani che hanno vissuto in prima persona tale operazione, elemento che ha aiutato ad accentuare il realismo che è principe ideologico dell’opera.

Probabilmente siamo abituati a vedere film alquanto romanzati quando si tratta di eventi storici, soprattutto se l’epoca trattata è quella della Seconda Guerra Mondiale, ma a volte ci dimentichiamo del fatto che, dal punto di vista militare, la guerra è sempre un accadimento traumatizzante e sconfortante. Tutto questo è magistralmente mostrato in Dunkirk, vero film storico capace di farci fare un viaggio nel tempo e farci vivere in modo palpabile uno dei momenti cruciali della Seconda Guerra Mondiale.

Per questo motivo noi lo consideriamo un capolavoro, un sostanzioso passo in avanti nel mondo del cinema, poiché a volte non c’è bisogno di romanzare la storia per rendere interessante un film, a volte basta semplicemente mostrare le cose esattamente per come sono andate.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un [TFF 38]

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un, Yang Heung-ju, Park Hyeon-yeong e Park Seung-jun in concorso al Torino Film Festival 38 Crescere, cambiare,...

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria [TFF 38]

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria con Antonio Pitanga e Ana Flavia Cavalcanti al Torino Film Festival 38 Memory...

Cinema News del 24 novembre [Rassegna Stampa]

Luca Guadagnino produce un biopic su Tennesee Williams Mark Ruffalo papà di Ryan Reynolds in The Adam Project Anthony Mackie in versione Liam...

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini [TFF 38]

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini, Marcelo Alonso, Davide Iacopini, Anita Caprioli e Paolo Pierobon al Torino Film Festival Parla...

Antidisturbios recensione serie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña Episodi 1-2 [TFF 38]

Antidisturbios recensione miniserie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña con Vicky Luengo, Raúl Arévalo e Álex García al Torino Film Festival 38 Sono stati presentati...

Mi chiamo Francesco Totti recensione film documentario di Alex Infascelli [Sky Now TV]

Mi chiamo Francesco Totti recensione documentario di Alex Infascelli scritto da Francesco Totti con Paolo Condò disponibile su Sky e Now TV Alex Infascelli nella sua...

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...