Driving Animals

Driving Animals recensione film di Florian Bardet [RNFF 20]

Driving Animals recensione film di Florian Bardet presentato al Ravenna Nightmare Film Festival 2020

I dilemmi esistenziali e la poesia sono una combinazione vincente e variegata da portare sul grande schermo. L’orrore e il grottesco fanno parte dell’esistenza umana e proprio su queste basi si fonda il lungometraggio francese Driving Animals presentato in anteprima al Ravenna Nightmare Film Festival 2020.

MadMass.it consiglia by Amazon

Diretto e scritto da Florian Bardet, Driving Animals racconta cinque vite che attraversano strade differenti nella campagna provenzale. Queste cinque vite sono, a loro volta, suddivise in quattro parti: Allevamento, Corteggiamento, Sopravvivenza e Catena Alimentare. Durante il percorso solitario di ognuno dei protagonisti, le loro vite si incrociano tra angoscia, omicidi e allucinazioni.

Driving Animals recensione film di Florian Bardet
Driving Animals di Florian Bardet

Driving Animals incentra la narrazione su tre tematiche importanti legate ai nostri istinti primordiali, ossia il cibo, il sesso e il desiderio. Elementi che ai protagonisti appaiono distanti e quasi irraggiungibili, e ciò scatena nella loro mente uno stato di frustrazione.

Interessante la scelta di Bardet di usare come mezzo la poesia per raccontare questo psicologico ed esistenzialistico road trip che accompagna elementi di disperazione con musiche suggestive. Driving Animals, tuttavia, non coinvolge e non crea il tanto agognato senso di angoscia e ansia, risulta infatti difficile immedesimarsi nei personaggi che non hanno né un nome né una vera e propria caratterizzazione.

Ravenna Nightmare Film Festival 2020
Il lungometraggio di Florian bardet

Il lungometraggio di Florian bardet presentato al Ravenna Nightmare Film Festival 2020
Il lungometraggio di Florian bardet presentato al Ravenna Nightmare Film Festival 2020

Quattro racconti che ci vengono presentati sotto forma di poesia, ma che non creano l’effetto sperato sia a livello visivo che narrativo. Palpabile è lo stato d’animo dei personaggi, tra isolamento, desolazione e dubbio esistenziale, immersi nella cornice calda e desolante delle campagne francesi, tuttavia ciò non basta a suscitare il necessario coinvolgimento nello spettatore.

Driving Animals è privo dei classici elementi horror in grado di creare suspense e montare la tensione narrativa, mentre il grottesco è appena accennato. Bardet mette in scena un lungometraggio poetico incentrato sui nostri istinti più primordiali, lasciando il dubbio esistenziale sul resistere o cedere all’appagamento, mancando tuttavia di strutturare il racconto e di dare spessore ad una narrazione che non si pone domande e non convince.

Sintesi

Scritto e diretto da Florian Bardet, Driving Animals è un road trip interiore e psicologico in cui i protagonisti percorrono strade destinate ad incrociarsi nelle campagne provenzali. Incubo poetico ed esistenziale sull’animo umano e i suoi istinti primordiali, l'opera di Bardet si rivela tuttavia povera di elementi del terrore e non convince a causa della mancanza di suspense e tensione narrativa.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli