Diego Maradona

Diego Maradona recensione del documentario di Asif Kapadia

Diego Maradona recensione del documentario di Asif Kapadia distribuito da Nexo Digital

Dopo l’Oscar nel 2016 per Amy, Asif Kapadia torna a raccontare un’icona del ‘900 e questa volta al centro dell’indagine c’è uno dei calciatori più amati, famosi e dibattuti della storia del calcio. Presentato ed applaudito allo scorso festival di Cannes, il documentario arriva nelle nostre sale per soli tre giorni, dal 23 al 25 settembre, grazie a Nexo Digital.

Per raccontare la discussa e discutibile figura del “Pibe de Oro” il regista sceglie di analizzare i suoi sette intensissimi anni a Napoli, i più rappresentativi della carriera del fuoriclasse argentino. Minuto dopo minuto il cineasta inglese delinea due personalità nella stessa persona: da una parte Maradona, dall’altra Diego. Il primo è l’idolo amato dai suoi tifosi sia per i suoi gol sia per il suo carattere eccentrico e viene narrato attraverso immagini pubbliche; il secondo, invece, viene raccontato attraverso video e foto concesse per la prima volta da Maradona e dalla sua famiglia in cui vediamo semplicemente Diego, un uomo attanagliato dalle sue debolezze ed insicurezze.

Diego Maradona documentario di Asif Kapadia
Maradona nell’opera di Asif Kapadia

Il Pibe de Oro accolto al San Paolo nel 1984
Il Pibe de Oro accolto al San Paolo nel 1984

Il rischio di un documentario di questo tipo è quello di scadere nella mera celebrazione del personaggio, fortunatamente Diego Maradona non è niente di tutto questo. Il regista infatti ci racconta non solo i trionfi e i gol più importanti (come la doppietta contro l’Inghilterra) della straordinaria carriera di uno dei più grandi calciatori della storia, ma anche la sua rapida discesa negli inferi in cui più che la sua vita sul campo di calcio si discuteva della sua condotta privata. Il suo rapporto con la famiglia Giuliano, uno dei clan più potenti della camorra nella Napoli degli anni ’80, e la sua dipendenza dalla cocaina arrivano crudi e senza patinature allo spettatore, che si trova davanti ad una Napoli molto diversa rispetto a quella festosa che ogni domenica corre allo stadio. Senza ergersi a giudice supremo, Kapadia viaggia all’interno della mente e dell’anima di un uomo: gol e droga, trofei e casi giudiziari, arrivato come un dio e scacciato come un demonio, in poco più di due ore viene delineata una vita intera.

Maradona nel documentario di Asif Kapadia
Maradona nel documentario di Asif Kapadia

La doppietta contro l'Inghilterra
La doppietta contro l’Inghilterra

Raccontando gli anni di Napoli, il documentario riesce ad essere doppiamente interessante per il pubblico italiano. Non è solo Diego ad essere oggetto di studio, ma tutto quello gira intorno a lui, a partire dai suoi tifosi: nel 1984, l’anno di acquisto del campione, Napoli era una città gravemente in crisi e controllata dalla criminalità organizzata e dunque l’arrivo di quel giocatore che poteva portare al Napoli una gloria mai arrivata rappresentava una possibilità di riscatto per la città e per tutti i suoi cittadini. Tutto questo riesce a farci fare un balzo indietro nel tempo, riportandoci nella difficile atmosfera degli anni ’80 italiani e a raccontarci chi eravamo e chi, forse, siamo destinati ad essere per sempre. Quell’Italia purtroppo non era molto diversa da quella attuale, sia negli usi e costumi e sia nell’approccio al mondo del calcio.

Descrivere i trionfi sportivi e le disavventure personali in 130 minuti non era semplice, ma Kapadia riesce nell’impresa senza mai annoiare o risultare scontato. Il film non è semplicemente dedicato a chi ama il calcio o Diego Armando Maradona, ma anche a chi non sopporta il gioco del pallone e vuole conoscere i segreti di un uomo diventato mito per moltissime persone. Come nella famosa canzoncina a lui dedicata, Diego Maradona fa battere il corazón.

Andrea P.

Diego Maradona documentario di Asif Kapadia
Diego Maradona: Il Poster del documentario di Asif Kapadia

Sintesi

Dopo l'Oscar nel 2016 al miglior documentario per Amy, Asif Kapadia torna a raccontare un'icona del '900 con Diego Maradona, scegliendo di raccontare il Pibe de Oro delineando due personalità nella stesso individuo: da una parte Maradona, l'idolo calcistico amato per i suoi gol ed il carattere eccentrico, dall'altra Diego, l'uomo attanagliato dalle sue debolezze ed insicurezze. In mezzo, la Napoli degli anni '80 che ci mostra chi eravamo e forse siamo ancora oggi. Con maestria Kapadia viaggia all'interno della mente e dell'anima di Maradona: gol e droga, trofei e casi giudiziari, arrivato come un dio e scacciato come un demonio, in poco più di due ore viene delineata la vita intera di un mito in un'opera che fa battere il corazón.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Thor: Love and Thunder: Cate Blanchett ritorna Hela per consegnare la spada All-Black the Necrosword a Gorr di Christian Bale

Thor: Love and Thunder rivela la dimora del villain Gorr the God Butcher interpretato da Christian Bale ed il ritorno di Cate Blanchett come...

Cinema News del 23 gennaio [Rassegna Stampa]

Liam Neeson nel remake di Una pallottola spuntata Brie Larson in Lessons in Chemistry Peaky Blinders: il film di Steven Knight che concluderà...

Tutto in una notte recensione film di John Landis con Jeff Goldblum e Michelle Pfeiffer [Flashback Friday]

Tutto in una notte recensione del film di John Landis con Jeff Goldblum, Michelle Pfeiffer, Dan Aykroyd, David Bowie, Paul Mazursky e David Cronenberg Gli anni...

Cinema News del 22 gennaio [Rassegna Stampa]

Sony cede Superconnessi a Netflix Risincronizziamo i calendari Michelle Pfeiffer e Viola Davis sono The First Lady Epic Games si dà al cinema ...

21° Anniversario American Beauty [Throwback Thursday]

Ventuno anni fa usciva nelle sale italiane American Beauty: ricordiamo insieme l'acclamato film premio Oscar di Sam Mendes con Kevin Spacey Il 21 gennaio del...

L’inferno di cristallo recensione film con Paul Newman e Steve McQueen

L'inferno di cristallo recensione del film diretto da John Guillermin e Irwin Allen con Paul Newman, Steve McQueen, Faye Dunaway, William Holden, Fred Astaire...

Cinema News del 21 gennaio [Rassegna Stampa]

Lei mi parla ancora Il primo giorno della mia vita meravigliosa Heartstopper Brevissime Cinema News 21 gennaio Lei mi parla ancora Arriva su Sky Cinema l’8...

Cinema News del 20 gennaio [Rassegna Stampa]

Wonka Quello che non ti uccide/Boss Level Fate: The Winx Saga Libra Nikolaj Coster-Waldau vs Il Ghiaccio The Walled City La miniserie su...

Cinema News del 19 gennaio [Rassegna Stampa]

La prima immagine di Luca James Gunn inizia le riprese di Peacemaker Matt Damon apparentemente in Thor: Love and Thunder Brevissime Il Martin Luther...

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain e John Malkovich [Netflix]

Ava recensione film di Tate Taylor con Jessica Chastain, John Malkovich, Colin Farrell, Common, Geena Davis, Jess Weixler, Diana Silvers e Joan Chen Non chiamare...