City Hunter: Private Eyes

City Hunter: Private Eyes recensione

City Hunter: Private Eyes recensione dell’anime di Kenji Kodama tratto dalla serie televisiva City Hunter

Ryo Saeba torna finalmente in azione al cinema nella nuova avventura adrenalinica e ricca di movimento City Hunter: Private Eyes. Quando la giovane Ai Shindo scopre di essere pedinata da alcuni malviventi, si reca alla polizia in cerca di protezione, ma senza successo. Conoscendo l’esistenza del leggendario Sweeper, il cacciatore di criminali di Shinjuku, quartiere di Tokyo, lascia un messaggio in codice “XYZ”, sperando che la trovi prima dei malfattori. Così facendo, viene infine scortata da Ryo Saeba, abile tiratore ed esperto di arti marziali, in compagnia della sua collega Kaori Makimura.

Il trio verrà attaccato da molti criminali armati fino ai denti, arrivando infine a scoprire che Ai Shindo possiede la chiave per attivare un’arma micidiale, chiamata Moebius, in grado di scatenare guerre e distruggere intere città. Ryo e Kaori dovranno affrontare Shinji Mikuni a capo della potente azienda Dominatech, per salvare Shinjuku ed il mondo da questa nuova minaccia.

City Hunter: Private Eyes
City Hunter: Private Eyes

Occhi di Gatto in City Hunter
Le sorelle Kisugi di Occhi di Gatto in City Hunter: Private Eyes

Ryo Saeba, protagonista dei manga City Hunter (1985) ed Angel Heart (2001) di Tsukasa Hōjō, è un personaggio controverso figlio della sua epoca (cosa che viene fatta notare anche nel film). È infantile, volgare e ogni volta che incontra una bella donna, commenta a voce alta imbarazzando i presenti nella scena.

Gli appassionati di City Hunter conoscono le sue reazioni esagerate, ma il pubblico generalista potrebbe restare inizialmente sconcertato e, alla lunga, stancarsi delle continue molestie che non arrivano con l’effetto comico desiderato.

City Hunter: Private Eyes è il quarto lungometraggio animato dedicato alla creatura di Tsukasa Hōjō, grande successo in Giappone con oltre un miliardo e mezzo di yen incassati (12 milioni di euro). Quanto a Kenji Kodama, aveva già diretto le prime due serie animate (su quattro) di City Hunter tra il 1987 e il 1988, trasmesse in Italia negli anni ’90.

Ryo Saeba e Kaori Makimura
Ryo Saeba e Kaori Makimura

City Hunter: Shinjuku Private Eyes
Il quarto anime cinematografico di City Hunter

Come sapete, il disegno e l’animazione tradizionale del cartone animato – anime per i giapponesi – iniziano inesorabilmente a sparire, venendo accantonati dalle ultime frontiere della realizzazione completamente digitale in computer grafica. In Giappone essi continuano ad essere realizzati secondo tradizione, ed è sempre piacevole constatare che anche al cinema gli anime si confermano opere di intrattenimento ugualmente valide.

Se non siete assidui appassionati del genere, alla fine della visione di City Hunter: Private Eyes vi sembrerà di non aver più guardato un cartone animato da almeno vent’anni, e sarà una sensazione decisamente piacevole.

Marco R.

Sintesi

City Hunter: Private Eyes è il quarto lungometraggio animato dedicato alla creatura di Tsukasa Hōjō, diretto da Kenji Kodama, già all'opera nelle prime due serie animate. Opera di intrattenimento apprezzabile e piacevole per disegni ed animazioni, si dimostra decisamente rivolta agli appassionati del genere che già conoscono l'anime ed il suo paladino Ryo Saeba, ossessionato dalle belle donne.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV [Amazon Prime Video]

Messaggi da Elsewhere recensione serie TV Amazon Prime Video di Jason Segel con Jason Segel, Sally Field, Eve Lindley, Richard E. Grant e André Benjamin Voi...

Ashfall recensione [FEFF 22]

Ashfall recensione film di Byung-seo Kim e Hae-jun Lee con Byung-hun Lee, Jung-woo Ha, Dong-seok Ma, Hye-jin Jeon e Suzy Bae Ecco perché il capitalismo...

The Old Guard recensione [Netflix]

The Old Guard recensione film di Gina Prince-Bythewood con Charlize Theron, Matthias Schoenaerts, KiKi Layne, Chiwetel Ejiofor, Marwan Kenzari, Luca Marinelli e Harry Melling Continuare...

My Sweet Grappa Remedies recensione [FEFF 22]

My Sweet Grappa Remedies recensione film di Akiko Ohku con Yasuko Matsuyuki, Haru Kuroki, Hiroya Shimizu, Kanji Furutachi e Katsuya Koiso Mi chiedo se la...

A Beloved Wife recensione [FEFF 22]

A Beloved Wife recensione film di Shin Adachi con Gaku Hamada, Asami Mizukawa, Chise Niitsu, Kaho e Eri Fuse presentato al Far East Film...

Rassegna stampa 10 luglio

Rassegna stampa 10 luglio: Michelle Williams e Oscar Isaac protagonisti di Scenes From a Marriage, Zendaya e John David Washington sono Malcolm & Marie,...

Life Finds a Way recensione [FEFF 22]

Life Finds a Way recensione film di Hirobumi Watanabe con Hirobumi Watanabe, Takanori Kurosaki, Marika Matsumoto, Minori Hagiwara, Yako Koga, Sakiko Kato e Honoka Nel corso...

The Captain recensione [FEFF 22]

The Captain recensione film di Andrew Lau con Hanyu Zhang, Hao Ou, Jiang Du, Quan Yuan, Tian’ai Zhang, Qin Li, Yamei Zhang e Qiru...

Buon compleanno Tom Hanks: le sue migliori interpretazioni

Oggi 9 luglio Tom Hanks compie 64 anni: nella sua più che prolifica carriera ci ha deliziato con tantissime performance eccezionali. Le sue migliori...

Rassegna stampa 9 luglio

Rassegna stampa 9 luglio: Paolo Sorrentino dirige È stata la mano di Dio, Leigh Whannell e Ryan Gosling per The Wolfman, i trailer degli...