City Hunter: Private Eyes

City Hunter: Private Eyes recensione

City Hunter: Private Eyes recensione dell’anime di Kenji Kodama tratto dalla serie televisiva City Hunter

Ryo Saeba torna finalmente in azione al cinema nella nuova avventura adrenalinica e ricca di movimento City Hunter: Private Eyes. Quando la giovane Ai Shindo scopre di essere pedinata da alcuni malviventi, si reca alla polizia in cerca di protezione, ma senza successo. Conoscendo l’esistenza del leggendario Sweeper, il cacciatore di criminali di Shinjuku, quartiere di Tokyo, lascia un messaggio in codice “XYZ”, sperando che la trovi prima dei malfattori. Così facendo, viene infine scortata da Ryo Saeba, abile tiratore ed esperto di arti marziali, in compagnia della sua collega Kaori Makimura.

Il trio verrà attaccato da molti criminali armati fino ai denti, arrivando infine a scoprire che Ai Shindo possiede la chiave per attivare un’arma micidiale, chiamata Moebius, in grado di scatenare guerre e distruggere intere città. Ryo e Kaori dovranno affrontare Shinji Mikuni a capo della potente azienda Dominatech, per salvare Shinjuku ed il mondo da questa nuova minaccia.

City Hunter: Private Eyes
City Hunter: Private Eyes

Occhi di Gatto in City Hunter
Le sorelle Kisugi di Occhi di Gatto in City Hunter: Private Eyes

Ryo Saeba, protagonista dei manga City Hunter (1985) ed Angel Heart (2001) di Tsukasa Hōjō, è un personaggio controverso figlio della sua epoca (cosa che viene fatta notare anche nel film). È infantile, volgare e ogni volta che incontra una bella donna, commenta a voce alta imbarazzando i presenti nella scena.

Gli appassionati di City Hunter conoscono le sue reazioni esagerate, ma il pubblico generalista potrebbe restare inizialmente sconcertato e, alla lunga, stancarsi delle continue molestie che non arrivano con l’effetto comico desiderato.

City Hunter: Private Eyes è il quarto lungometraggio animato dedicato alla creatura di Tsukasa Hōjō, grande successo in Giappone con oltre un miliardo e mezzo di yen incassati (12 milioni di euro). Quanto a Kenji Kodama, aveva già diretto le prime due serie animate (su quattro) di City Hunter tra il 1987 e il 1988, trasmesse in Italia negli anni ’90.

Ryo Saeba e Kaori Makimura
Ryo Saeba e Kaori Makimura

City Hunter: Shinjuku Private Eyes
Il quarto anime cinematografico di City Hunter

Come sapete, il disegno e l’animazione tradizionale del cartone animato – anime per i giapponesi – iniziano inesorabilmente a sparire, venendo accantonati dalle ultime frontiere della realizzazione completamente digitale in computer grafica. In Giappone essi continuano ad essere realizzati secondo tradizione, ed è sempre piacevole constatare che anche al cinema gli anime si confermano opere di intrattenimento ugualmente valide.

Se non siete assidui appassionati del genere, alla fine della visione di City Hunter: Private Eyes vi sembrerà di non aver più guardato un cartone animato da almeno vent’anni, e sarà una sensazione decisamente piacevole.

Marco R.

Sintesi

City Hunter: Private Eyes è il quarto lungometraggio animato dedicato alla creatura di Tsukasa Hōjō, diretto da Kenji Kodama, già all'opera nelle prime due serie animate. Opera di intrattenimento apprezzabile e piacevole per disegni ed animazioni, si dimostra decisamente rivolta agli appassionati del genere che già conoscono l'anime ed il suo paladino Ryo Saeba, ossessionato dalle belle donne.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman

Il sorpasso recensione film di Dino Risi con Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant, Catherine Spaak, Claudio Gora e Luciana Angiolillo Il cinema italiano del dopoguerra, si sa,...

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova

Lo specchio recensione film di Andrej Tarkovskij con Margarita Terekhova, Filipp Yankovskiy, Ignat Daniltsev, Oleg Yankovskiy e Alla Demidova Lo specchio, il regalo di Tarkovskij all’umanità...

Cinema News del 30 novembre [Rassegna Stampa]

10 giorni con Babbo Natale Il Capodanno di Doctor Who Tutti per Giovanni Veronesi, Giovanni Veronesi per tutti La scelta giusta Cinema News 30...

L’incredibile storia dell’Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano e Matilda De Angelis [Netflix Anteprima]

L'incredibile storia dell'Isola delle Rose recensione film di Sydney Sibilia con Elio Germano, Matilda De Angelis, François Cluzet, Tom Wlaschiha, Leonardo Lidi, Luca Zingaretti e...

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune

Rashomon recensione film di Akira Kurosawa con Toshirô Mifune, Machiko Kyô, Masayuki Mori, Takashi Shimura, Kichijirô Ueda e Minoru Chiaki Rashomon è il dodicesimo film...

Cinema News del 29 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a "Darth Vader" David Prowse David Lynch girerà Wisteria per Netflix I vincitori del Torino Film Festival 38 Cinema News 29 novembre Addio a...

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...