C’mon C’mon

C’mon C’mon recensione film di Mike Mills con Joaquin Phoenix [RomaFF16]

La recensione di C’mon C’mon, film di Mike Mills con Joaquin Phoenix che ha dato una spinta in più alla 16° edizione della Festa del Cinema di Roma.

C’mon C’mon recensione film di Mike Mills con Joaquin Phoenix, Gaby Hoffmann, Woody Norman, Scoot McNairy, Molly Webster, Jaboukie Young-White

Durante la 16° edizione della Festa del Cinema di Roma sono stati presentati nel giro di poche ore due film molto simili. Da un lato troviamo Belfast, film di Kenneth Branagh premiato con la Migliore Regia ad Alice nella Città che ha rappresentato uno degli appuntamenti più attesi dell’evento; dall’altro, invece, C’mon C’mon, firmato da Mike Mills con Joaquin Phoenix, atteso ugualmente, ma comunque con meno aspettative; entrambi caratterizzati da un intenso e ponderato utilizzo del bianco e nero ed entrambi con protagonisti i volti dell’infanzia, che riescono a trovare la solarità e l’innocenza anche quando il mondo attorno sembra indirizzare nella direzione opposta. “Film simili” all’apparenza, al primo impatto, ma non nell’effettiva natura dei due progetti, che sono parecchio difformi. Ma senza focalizzarci sul gioco (abbastanza inutile) delle somiglianze, cerchiamo piuttosto di trovare le qualità dei singoli titoli prendendoli per quello che sono: opere a sé stanti.

MadMass.it consiglia by Amazon

C’mon C’mon racconta la storia di un individuo il più lontano possibile da un contesto visivo, ovvero quella di un intervistatore radiofonico, molto solitario al di fuori dell’ambiente lavorativo, Johnny (Joaquin Phoenix), che si ritrova a badare al figlio di sua sorella mentre questa è occupata a prendersi cura del marito, affetto da disturbi mentali. Dietro la facciata della relazione famigliare complicata e piena di imprevisti, il film nasconde un animo tenero e pacato, molto più interessato al dialogo tra generazioni e alla possibilità di dare voce a chi, solitamente, non ne ha (in questo caso, i bambini), che all’esasperazione emotiva delle vicende riguardanti un ristretto e intimo gruppo di persone.

Joaquin Phoenix
Joaquin Phoenix (Credits: A24)

Joaquin Phoenix e Woody Norman
Joaquin Phoenix e Woody Norman (Credits: A24)

Accompagnato da una colonna sonora leggiadra e semplice, lo spettatore è portato a stazionare parecchio tempo sulla scena, in una staticità visiva che si sposa molto bene con l’atmosfera generale della pellicola. La macchina da presa scruta questi pochi personaggi simulacrali senza risultare invadente, quasi come se li stesse spiando durante veri momenti di vita quotidiana.

La scelta del bianco e nero esalta esattamente queste qualità, direzionando l’attenzione non solo sull’eccellente messa in scena, ma anche verso le suggestive interpretazioni, a partire da quella di Joaquin Phoenix, perfettamente calato nella parte di questa figura paterna improvvisata, eppure più genuina e veritiera di molte altre che hanno varcato i confini dello schermo cinematografico. Tuttavia, a rubargli la scena è proprio il giovanissimo Woody Norman, un uragano di espressività che riesce a ipnotizzare e a catapultare all’interno di questo mondo estremamente credibile.

Joaquin Phoenix
Joaquin Phoenix (Credits: A24)

Woody Norman
Woody Norman (Credits: A24)

C’mon C’mon presenta una natura quasi documentaria, elemento ricorrente alla base del film, dato che Johnny è intento a viaggiare per tutto il territorio americano con lo scopo di intervistare giovani di ogni provenienza ed estrazione sociale in merito al futuro, il “loro futuro”. La forza del film sta proprio nel sottile e fragile filo conduttore della testimonianza e del ricordo catturato e impresso su un supporto fisico. Un numero infinitamente vasto di pellicole poggia le sue fondamenta su tale terreno, essendo parte integrante dell’essenza cinematografica quella della documentazione e dell’archiviazione.

Tuttavia, l’opera di Mike Mills non usa questi elementi solo per sostenersi, ma anche per caricare la pellicola di una rara forza emotiva, capace di dare risalto al “piccolo” pur parlando del “grande”; rendendo la storia di “uno” quella di “molti”. Tutto ciò senza dare nell’occhio, senza sottolineare il suo scopo in modo ossessivo; limitandosi, piuttosto, a registrare degli eventi apparentemente insignificanti, arricchendoli di una valenza espressiva totalizzante.

Joaquin Phoenix e Woody Norman
Joaquin Phoenix e Woody Norman (Credits: A24)

C’mon C’mon recensione film di Mike Mills con Joaquin Phoenix
C’mon C’mon di Mike Mills con Joaquin Phoenix, Gaby Hoffmann e Woody Norman (Credits: A24)

C’mon C’mon recensione film di Mike Mills con Joaquin Phoenix
Woody Norman (Credits: A24)

Sintesi

Non tutti i giorni si incontrano opere modeste e riservate come C'mon C'mon. Il carattere dirompente della pellicola di Mike Mills non si trova tanto in ciò che mostra, quanto in ciò che nasconde; in quelle sottigliezze, quegli sguardi, quelle emozioni che vorrebbero passare inosservate, ma che uno spettatore attento è in grado di cogliere e fare sue. Non è tanto la ricercatezza tecnica e stilistica a decretare la bellezza di C'mon C'mon, quanto la carica espressiva che è in grado di emanare e diffondere, dirompente come un urlo nel silenzio di una notte d'autunno.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli