C’era una volta a… Hollywood

C’era una volta a… Hollywood recensione negativa

Non a tutti è piaciuto C’era una volta a… Hollywood: ecco la recensione negativa di Gianlorenzo dell'ultimo film di Quentin Tarantino.

Diciamolo subito, leviamoci il dente: senza i rumor, gli spoiler, l’hype, e senza soprattutto sapere che al timone di quest’opera scombiccherata c’è il regista di Kill Bill e Le Iene, siamo piuttosto sicuri che C’era una volta a… Hollywood in sala sarebbe rimasto appena un weekend, sparendo poi lentamente all’orizzonte senza lasciare traccia di sé. Siamo nel puro fan service: un film fatto da Tarantino, à la Tarantino, per piacere solo a chi piace Tarantino.

Evidentemente, se non fosse il nono film di chi ha girato Kill Bill e Pulp Fiction, non ci sarebbero state tutte le (giustificate) aspettative deluse, e il discorso si fa anche consequenziale: se il percorso dell’autore che ha inventato il cinema postmoderno aveva omaggiato i generi inserendo anche temi politici forti e dirompenti, il punto di arrivo a Once upon a time… in Hollywood non può che essere un punto morto.

La storia – mancata, reinventata, rimasterizzata – dell’eccidio di Cielo Drive ad opera della Manson Family è un’onanistica celebrazione del cinema, in particolare di quello anni ’60, che ripesca senza nostalgia ma con furbizia nell’immaginario già citato in abbondanza in precedenza. Ed ecco dove il film cede, e sbanda, e sbaglia: se è noto che Tarantino abbia forti problemi di sceneggiatura con la narrazione lineare, il suo procedere per macro-storie questa volta non regge il vuoto pneumatico di 145’ riempiti con mancati virtuosismi, che colorano le vignette sempre più scollegate tra di loro dando ora anche cadenze gustose, ma senza mai raggiungere veramente né il cuore profondo dello spettatore né le altezze letterarie dei film precedenti.

Leonardo DiCaprio e la bambina
Trudi (Julia Butters ) e Rick Dalton (Leonardo DiCaprio)

Ma quello che soprattutto non si può perdonare a questo capolavoro mancato è la mancanza di vera ambizione: la cura maniacale del dettaglio (dai poster d’epoca, ai trailer, alle insegne, fino alla fisiognomica dei personaggi storici) è un divertissement che purtroppo non trova nessuna corrispondenza dal punto di vista tematico del film. Quello che sembra mancare, insomma, è un’idea forte oltre all’intuizione che emerge solo a dieci minuti dal film – e non per niente il titolo, presupposto fiabesco di reinvenzione artistica, compare solo alla fine – e che è chiaramente riciclata da altre opere ben più riuscite (chi ha detto Bastardi Senza Gloria?).

Non c’è genio, non c’è brillantezza, non c’è nessuna esplosione concettuale o dialogica: insomma non c’è niente che, scrostata quella patina glamour ormai fin troppo di maniera, faccia sì che C’era una volta a… Hollywood possa dirsi un film riuscito. E non è affatto brutto, eh: semplicemente, è un film che vive solo, riallacciandosi al fan service dell’inizio, di tutto ciò che un pubblico scafato e amante delle tarantinate può vedere, intuire, immaginare, inventare da sé.

È oltretutto un film vittima di una vistosa empasse: se, come è stato frettolosamente e sbrigativamente giudicato in patria (gli stessi States che osteggiano Allen tanto per capirci), questo non fosse il suo capolavoro, non si capisce la maturazione artistica da dove arriverebbe, se magari dalla mancanza di scene tipicamente tarantinate – iperviolenza o dialoghi fiume – perché se così fosse, quel finale così tipico contraddirebbe tutto.

Ma siamo di fronte a un calderone di intuizioni, schizofreniche, iperattive, convincenti a tratti, che mostrano però il fiatone quando devono arrivare a costruire una narrazione sensata. Peccato insomma: per l’equivoco in cui cadranno e sono caduti i fan, e che tutto abbia quel sapore di grande scherzo dove però si diluisce il senso drammatico e cosa più grave il senso di un’epoca, distorta negli infiniti balli di Sharon Tate.

Gianlorenzo

PS: Trovate a questo link la nostra recensione positiva a 4 stelle a cura di Gabriela.

Sintesi

Una storia vuota, mancata e reinventata, che colora vignette sempre più scollegate tra di loro senza mai raggiungere né il cuore profondo dello spettatore né le altezze letterarie dei film precedenti. La cura maniacale del dettaglio, dai poster d’epoca ai trailer, alle insegne, fino alla fisiognomica dei personaggi storici, è un divertissement che purtroppo non trova nessuna corrispondenza dal punto di vista tematico. Il nono film di Tarantino manca di un'idea forte, non c’è genio, non c’è brillantezza, non c’è nessuna esplosione concettuale o dialogica: insomma niente che, scrostata quella patina glamour fin troppo di maniera, faccia sì che C’era una volta a… Hollywood possa dirsi un film riuscito, a causa del sapore di grande scherzo che diluisce il senso drammatico e cosa più grave il senso di un’epoca, distorta negli infiniti balli di Sharon Tate.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articolo precedenteDora e la città perduta recensione
Articolo successivoTuttapposto recensione

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Paura nella città dei morti viventi recensione film di Lucio Fulci [Trilogia della Morte]

Paura nella città dei morti viventi recensione del film scritto da Dardano Sacchetti e diretto da Lucio Fulci con Christopher George e Catriona MacColl Tra...

La bottega dei suicidi recensione film di Patrice Leconte [Horror Week]

La bottega dei suicidi recensione film d'animazione scritto e diretto da Patrice Leconte basato sul romanzo Il negozio dei suicidi di Jean Teulé Trapassati o...

Food For Change recensione film di Benoît Bringer [Terra di Tutti Film Festival]

Food For Change recensione documentario di Benoît Bringer presentato al Terra di Tutti Film Festival “Il vostro piatto è legato a tutti i problemi che...

Cinema News del 27 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 27 ottobre: Superhero news con Oscar Isaac Moon Knight, le riprese di Spider-Man 3 e le prime immagini della nuova Batwoman...

Utopia recensione serie TV [Amazon Prime Video Anteprima]

Utopia recensione serie TV di Gillian Flynn con John Cusack, Ashleigh LaThrop, Dan Byrd, Sasha Lane,  Desmin Borges, Jessica Rothe, Rainn Wilson, Christopher Denham e Cory Michael...

Ravenna Nightmare Film Fest 2020: il programma con tutti i film in concorso e gli ospiti alla XVIII edizione [RNFF 20]

Ravenna Nightmare Film Fest 2020: da Marco Bellocchio ai Manetti Bros., passando per i nuovi corti di Yorgos Lanthimos e Jonathan Glazer, scopriamo il...

Cinema News del 26 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 26 ottobre: i vincitori di AFI Fest e  World Soundtrack Awards tra cui Hildur Guðnadóttir e il film animato Wolfwalkers, Shang-Chi,...

Banksy – L’arte della ribellione recensione film documentario di Elio España [Anteprima]

Banksy - L'arte della ribellione recensione film di Elio España con Banksy, Felix Braun e Ben Eine Si può essere uno degli artisti più famosi...

Netflix: la classifica dei film originali più visti di sempre e delle nuove serie TV più viste del 2020

Classifiche Netflix: Enola Holmes e Project Power entrano nella Top 10 dei film originali più visti di sempre. Ratched è la nuova serie TV...

Cinema News del 25 ottobre [Rassegna Stampa]

Cinema News del 25 ottobre: i cinema chiudono in Italia, No Time to Die è in vendita (se ve lo potete permettere), arriva il...