Burning - L'amore brucia

Burning – L’amore brucia recensione

Burning – L’amore brucia recensione film di Chang-dong Lee con Ah-In Yoo, Steven Yeun, Jong-seo Jun, Soo-Kyung Kim e Seong-kun Mun

Nel panorama letterario contemporaneo mondiale Haruki Murakami riveste sicuramente un ruolo non indifferente; la sua scrittura magnetica e onirica ha rapito numerosi lettori riuscendo a rivolgersi ad un pubblico molto vasto e differenziato: nel corso degli anni dai suoi romanzi e racconti sono stati tratti un paio di film – come Tony Takitani (Jun Ichikawa, 2004) e Norwegian Wood (Tran Anh Hung, 2010) – che purtroppo hanno avuto una distribuzione limitata e sono passati pressoché inosservati alla critica cinematografica.
Fortunatamente Burning – L’amore brucia è riuscito a rompere questa serie di “insuccessi” partecipando alla 71esima edizione del Festival di Cannes del 2018 e rappresentando la Corea del Sud ai premi Oscar 2019 nella categoria dedicata al miglior film straniero, non entrando tuttavia in nomination.

Burning – L’amore brucia racconta di Jong-su (Ah-in Yoo), un giovane neolaureato aspirante scrittore che, incontrata casualmente un’amica dell’infanzia, Hae-mi (Jong-seo Jun), decide di frequentare la ragazza fino a quando lei parte per un viaggio in Africa. Al suo rientro in Corea però Jong-su scopre che Hae-mi è accompagnata da un nuovo fidanzato, Ben (Steven Yeun, conosciuto per aver interpretato il ruolo di Glenn Rhee nella serie televisiva The Walking Dead), un ragazzo tanto affascinante e ricco quanto oscuro e imperscrutabile che pian piano mette in crisi la loro fragile e delicata amicizia.

Jong-seo Jun
Jong-seo Jun

Ah-In Yoo
Ah-In Yoo

Tratto dal racconto Granai incendiati di Murakami, raccolto all’interno del volume L’elefante scomparso e altri racconti edito da Einaudi nel 2009, Burning – L’amore brucia è un film dalla carica ipnotica, dall’aurea misteriosa, dotato di quella componente riflessiva che distingue, denota e ritrae dei personaggi maturi, colti nel pieno delle loro giovinezze ed estrapolati da un contesto sociale che li relega ai margini di una società scarsamente inclusiva. Un carico esistenziale che si misura attraverso sentimenti, emozioni, passioni e desideri ma che nasconde anche traumi incurati ed incurabili, una discreta dose di incomunicabilità e tanta solitudine.

Nonostante la durata – 2 ore e 28 minuti – si faccia a tratti sentire, Chang-dong Lee, giunto al suo sesto film da regista, riesce a catturare l’attenzione e la curiosità dello spettatore adattandosi alla scrittura scorrevole e surreale di Murakami, introducendo nella storia elementi tipici del genere thriller-noir e anticipando di un anno quelle tematiche che poi saranno riprese anche da altri film sudcoreani come Parasite (Bong Joon-ho, 2019) e Beasts Clawing at Straws (Kim Young-Hoon, 2020).

Burning – L’amore brucia è una pellicola articolata, stimolante sia sul piano emotivo che simbolico, basata su forti contrapposizioni e su un senso complessivo sfuggente che, arricchito dalla cura dell’aspetto interiore e dall’attenzione ai minimi dettagli, dai silenzi e dalle parole non dette, lascia certamente spazio a molte riflessioni ed interpretazioni.

Ah-In Yoo e Jong-seo Jun
Ah-In Yoo e Jong-seo Jun

Steven Yeun
Steven Yeun

Sintesi

Tratto dal racconto Granai incendiati di Murakami, Burning - L'amore brucia è un film dalla carica ipnotica, dall'aurea misteriosa basato su forti contrapposizioni e un senso complessivo sfuggente che lascia certamente spazio a molte interpretazioni.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli