Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe

Buñuel – Nel labirinto delle tartarughe recensione film di Salvador Simó [Visioni Fantastiche]

Buñuel – Nel labirinto delle tartarughe recensione del film d’animazione di Salvador Simó presentato in anteprima a Visioni Fantastiche 2020

Il surrealismo è una corrente artistica che ha fatto discutere e che viene riproposta fino ai giorni odierni per ricordare un movimento che è stato cruciale nel ventesimo secolo. Se Salvador Dalì è l’artista che viene più ricordato e omaggiato nella pittura, con il regista e sceneggiatore Luis Buñuel abbiamo un altro pioniere del surrealismo che ci viene raccontato attraverso il lungometraggio animato Buñuel – Nel labirinto delle tartarughe, presentato in anteprima a Visioni Fantastiche 2020 e fuori concorso.

Dopo aver realizzato L’âge d’or, Luis Buñuel viene allontanato da tutti i possibili investitori per via dello scandalo e delle controversie innescate dal lungometraggio. In cerca d’ispirazione, Buñuel ha modo di confrontarsi con l’antropologo Maurice Legendre che gli racconta di Las Hurdes, una delle zone più povere della Spagna. Luis quindi decide di dirigere un documentario su questo piccolo paese, ma non riesce a trovare investitori. L’anarchico artista e amico Ramón Acín, grazie ad una vincita alla lotteria, finanzia il progetto che porta i due amici e la troupe in un viaggio importante che si conclude nel 1932 con la realizzazione del documentario Terra senza pane.

Luis Buñuel gira Terra senza pane
Luis Buñuel gira Terra senza pane
Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe recensione del film d'animazione di Salvador Simó
Buñuel – Nel labirinto delle tartarughe film d’animazione di Salvador Simó presentato in anteprima a Visioni Fantastiche 2020

Diretto da Salvador Simó, Buñuel – Nel labirinto delle tartarughe è un lungometraggio animato biografico, realizzato in 2D, che ci offre momenti di visionaria poesia surrealista accostati a sequenze d’immagini reali tratte appunto dal documentario Terra senza pane.

L’opera mira soprattutto a darci una visione molto intima di Buñuel, dei suoi incubi e delle sue visioni, in cui si denotano un senso di ricerca di approvazione verso il padre e di inadeguatezza, e la rivalità con l’amico e collega Dalì. Simò ci mostra un uomo in cerca della sua rivalsa per non farsi oscurare dalla figura di Dalì, e per questo si dimentica il motivo stesso del perché volesse realizzare il documentario, trovandosi a inscenare la morte uccidendo egli stesso alcuni animali.

Luis Buñuel gira Terra senza pane
Luis Buñuel gira Terra senza pane
Il film d'animazione di Salvador Simó
Il film d’animazione di Salvador Simó

Salvador Simó mette in scena un viaggio personale dell’artista, che si trova davanti a un mondo che sta profondamente cambiando con l’ascesa del fascismo a cui l’alta borghesia sembra interessata, mentre si dimentica degli ultimi, degli affamati e dell’estrema povertà che esiste in alcune zone d’Europa. Buñuel – Nel labirinto delle tartarughe è un film che emoziona, incuriosisce e trascina, lo spettatore si ritrova a vedere il mondo attraverso gli occhi di Buñuel, a conoscere una realtà passata che in parte sta finendo nel dimenticatoio del nostro sapere e ci mostra l’altra faccia del surrealismo, cioè non solo quella che mira a scandalizzare e fare scena, ma soprattutto quello di raccontare un contesto scomodo che in molti non vorrebbero vedere.

Il lungometraggio di Simò è ispirato al romanzo grafico Buñuel en el laberinto de las tortugas di Fermín Solís e non si presenta come un film adatto ai più piccoli, diverse sono infatti le scene forti e grottesche sia animate che estrapolate da Terra senza pane. L’arte umana e significativa di Buñuel mira a staccarsi dall’alta borghesia e scende in strada fra la gente più povera in un labirinto in cui le rocce sembrano formare il guscio di una tartaruga, dove al suo interno ci sono spettri dimenticati, lasciati a morire e a cui nessuno dà importanza, ricordandoci che, se non riesce a comunicare qualcosa di potente, la stessa arte ha fallito nel suo intento.

Sintesi

Con Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe Salvador Simó ci mostra un ritratto intimo del regista e sceneggiatore surrealista Luis Buñuel intento a realizzare un documentario su una delle zone più povere della Spagna. Un viaggio interiore ed esteriore, tra incubi surrealisti, una ricerca di rivalsa e la voglia di raccontare una realtà scomoda nell’alta borghesia. Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe è soprattutto il racconto poetico e ben messo in scena di un grande artista con i suoi difetti e i suoi pregi.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Con Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe Salvador Simó ci mostra un ritratto intimo del regista e sceneggiatore surrealista Luis Buñuel intento a realizzare un documentario su una delle zone più povere della Spagna. Un viaggio interiore ed esteriore, tra incubi surrealisti, una ricerca di rivalsa e la voglia di raccontare una realtà scomoda nell’alta borghesia. Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe è soprattutto il racconto poetico e ben messo in scena di un grande artista con i suoi difetti e i suoi pregi.Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe recensione film di Salvador Simó [Visioni Fantastiche]