Seder-Masochism

Seder-Masochism recensione film d’animazione di Nina Paley [Visioni Fantastiche]

Seder-Masochism recensione film d’animazione diretto da Nina Paley presentato a Visioni Fantastiche 2020

Devi pur credere in qualcosa.
Allora perché non credi in me?
(Seder-Masochism)

Da quando le tre grandi religioni, cristianesimo, ebraismo e islamismo, hanno sostituito le credenze pagane delle antiche civiltà sono, automaticamente, andate a braccetto con una specie di patriarcato che tende a relegare la figura della donna a matrice del focolare di un nucleo familiare. Questa teoria di pensiero si propaga ancora nei giorni nostri soprattutto in certe culture e sottoculture. Proprio a fronte di questo radicato pensiero nasce il lungometraggio Seder-Masochism in concorso a Visioni Fantastiche 2020.
Scritto e diretto da Nina Paley, Seder-Masochism, di produzione statunitense, è un lungometraggio animato che narra la storia di Mosè, tratta dal Libro dell’Esodo, in cui una Dea Madre, genitrice della vita sul pianeta Terra, deve lottare per imporsi a fronte di un nuovo patriarcato generato dalla nascita di nuove credenze religiose.

Dea Madre
Dea Madre

Seder-Masochism è una commedia dai toni drammatici d’indirizzo biblico, arricchita con brani musicali liturgici e popolari che vanno dal 1928 fino al 2018.
Con un budget di soli ventimila dollari, Seder-Masochism ha un’animazione alquanto basilare, definita anche ricamo, ma accattivante, ricca di colori e simbologia, capace d’intrattenere, divertire e far riflettere allo stesso tempo. Nina Paley mette in primo piano il patriarcato maschile come inizio di ogni vero conflitto, come l’uso della violenza e della brutalità per ottenere ciò che si vuole, e in questo specifico caso, storico-religioso, di una terra dove essere padroni e non schiavi.

La Morte e il Popolo d'Egitto
La Morte e il Popolo d’Egitto

La narrazione si rivela abbastanza lineare con alcuni frammenti di discussione in cui Dio (doppiato da Hiram Paley), raffigurato con i diversi simbolismi del dollaro americano, ha diverse conversazioni con la sua capra sacrificale (doppiata da Nina Paley) in cui gli argomenti vanno dalle credenze ebraiche, alla stabilità economica e le aspettative di successo che i genitori hanno verso i propri figli.

Seder-Masochism recensione film d'animazione di Nina Pale
Dio e la sua capra

Seder-Masochism è ricco di storia, simbologia e arte antica (soprattutto protostorica e preistorica), il tutto inscenato sotto forma di musical, che tende a ironizzare e a provocare, narrando fatti storici che, visti da una posizione neutrale, sono pieni di contraddizioni ed efferata brutalità.

Guerre tra Popoli
Guerre tra Popoli

Il racconto, che tende a mostrarci prevalentemente il patriarcato ebreo, ha anche diversi riferimenti verso le restanti religioni che si sono imposte, dai tempi antichi fino ai giorni nostri, tra Occidente e Oriente cioè il cristianesimo e l’islamismo. Religioni che hanno schiacciato del tutto la figura della donna come possibile divinità, e che si sono fatti bandiera di crociate e guerre in nome di un Dio maschile come guida e/o giustificazione di conquista e potere.

Mosè e la divisione della acque
Mosè e la divisione della acque

Seder-Masochism è una opera piacevole da guardare, riflessiva e non elaborata nel suo impatto visivo, ma che esprime al meglio ciò che Nina Paley vuole comunicare, ossia che le religioni sono, da sempre, una questione personale e spirituale, una credenza che non va imposta con la forza ma con il libero arbitrio, che il suo utilizzo per giustificare guerre e massacri in nome dell’amore è solo una contraddizione e una bieca scusa.

Seder-Masochism recensione film d'animazione di Nina Pale
Divinità Femminile

E infine, cosa più importante, Paley ci mostra che l’essere umano dalla preistoria fino all’antichità ha esaltato la figura della donna in ogni modo possibile come una “Dea Madre”, fino a che qualcuno non ha deciso e poi imposto un patriarcato spirituale che non ha nessun tipo di giustificazione coerente nella sua esistenza.

Sintesi

Seder-Masochism, scritto e diretto da Nina Paley, è un lungometraggio d'animazione a basso costo di produzione statunitense che racconta in chiave drammatica e al contempo ironica le vicende del Libro dell’Esodo, in cui le gesta di Mosè ci vengono narrate sotto forma di musical mostrandoci tutte le contraddizioni e il patriarcato che le tre grandi religioni hanno imposto dalla loro nascita fino ai giorni nostri. Un lungometraggio semplice nel suo aspetto tecnico ma dal forte impatto narrativo e riflessivo.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel [TFF 38]

El elemento enigmático recensione film di Alejandro Fadel presentato al Torino Film Festival 38 nella sezione Le stanze di Rol In El elemento enigmático tra...

Torino Film Festival: tutti i vincitori e i film premiati della 38esima edizione

Torino Film Festival vincitori: vincono Botox come miglior film e migliore sceneggiatura, Identifying Features (Sin señas particulares) Premio Speciale della Giuria e migliore attrice...

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte [TFF 38]

The Oak Room recensione film di Cody Calahan con RJ Mitte, Peter Outerbridge, Ari Millen, Martin Roach, Nicholas Campbell al Torino Film Festival 38 È...

Seven recensione film di David Fincher con Morgan Freeman e Brad Pitt

Seven recensione del film di David Fincher, con Morgan Freeman, Brad Pitt, Gwyneth Paltrow e Kevin Spacey Nell'estate del 1995 le platee americane vennero prese...

Cinema News del 28 novembre [Rassegna Stampa]

Godzilla vs. Kong: Netflix vs. HBO Max per l'uscita streaming Il trailer di Happiest Season con Kristen Stewart e Mackenzie Davis Franco Nero ritorna...

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe [TFF 38]

The Last Hillbilly recensione film documentario di Diane Sara Bouzgarrou e Thomas Jenkoe con Brian Ritchie presentato al Torino Film Festival 38 Avere figli significa...

Regina recensione film di Alessandro Grande con Ginevra Francesconi [TFF 38]

Regina recensione film di Alessandro Grande con Francesco Montanari, Ginevra Francesconi, Barbara Giordano e Max Mazzotta al Torino Film Festival 38 Unico alfiere a rappresentare l’Italia...

Strange Days recensione film di Kathryn Bigelow [Flashback Friday]

Strange Days recensione del film di Kathryn Bigelow con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Vincent D'Onofrio, William Fichtner e Tom Sizemore Dopo Point Break -...

Cinema News del 27 novembre [Rassegna Stampa]

Addio a Daria Nicolodi I progetti di Alex Garland Álex de la Iglesia e la Veneciafrenia La Radioscopie di Claire Denis Les promesses...

Pixar: i migliori film da vedere assolutamente [Throwback Thursday]

Le opere Pixar fanno parte della nostra infanzia ed adolescenza, grazie ai molti lungometraggi che ci hanno scaldato il cuore. Vediamo i cinque migliori...