Absolute Denial

Absolute Denial recensione film d’animazione di Ryan Braund [TSPLUSF 21]

Absolute Denial recensione film d’animazione di Ryan Braund con Nick Eriksen, Jeremy J. Smith-Sebasto, Harry Dyer, Heather Gonzalez e Jef Leeson

In uno scenario digitale tracotante di OTT che già da anni ci utilizza come balie inconsapevoli per nutrire le più potenti, tanto ancora imperfette quanto misteriose, intelligenze artificiali del pianeta, dove il machine learning è ormai quotidianità e anche gli informatici più smaliziati allevano in casa le loro piccole IA favorendone l’apprendimento e impostando routine, appare forse fuori tempo massimo il prezioso sforzo di Ryan Braund, che ha completato nel 2018 la sceneggiatura dell’opera Absolute Denial, successivamente anche diretta ed animata in prima persona impiegando ben nove mesi di lavorazione.

MadMass.it consiglia by Amazon

La rincorsa ossessiva alla costruzione di un supercomputer in un setting moderno stride dunque un po’ con la contemporaneità, seppur affascinanti sono le riflessioni sull’auto-coscienza ed il libero arbitrio, capacità che all’intelligenza artificiale vengono negate dal protocollo di Absolute Denial che permette all’uomo di rimanere in una posizione di comando e controllo nei confronti della macchina, che non ricercherà altri modi per appagarsi ma soprattutto per sopravanzare e sottomettere l’uomo stesso, tra le sfumature recondite di un non meglio specificato incubo di Skynetiana memoria.

Absolute Denial recensione film d'animazione di Ryan Braund
Absolute Denial film d’animazione di Ryan Braund con Nick Eriksen e Jeremy J. Smith-Sebasto (Credits: SC Films International/Bridge Way Films)

Il protagonista David Cohen a cui presta la voce Nick Eriksen
Il protagonista David Cohen a cui presta la voce Nick Eriksen

La lodevole animazione 2D in bianco e nero, affiancata dall’efficace cast vocale, dai realistici e curati effetti sonori e dalle avvolgenti musiche di Troy Russell, non viene bilanciata al meglio da testi eccessivamente tecnici e didascalici che avrebbero richiesto un buon editor a smussarne i tecnicismi in favore delle emozioni, così come le ossessioni del protagonista David Cohen, magari alter ego del regista stesso, non ci vengono condivise come avremmo sperato, né le speranze né le paure riposte verso la sua creatura.

Omaggio ad una mitologia ricca di riferimenti cinematografici e letterari, a partire dal nome della IA che ricade su Al da HAL 9000 di 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick – e che ci fa pensare anche ad Al Pacino in S1m0ne di Andrew NiccolAbsolute Denial conquista con la sua estetica ricercata e la sua squisita realizzazione, incentrata sul mito della macchina senziente in grado di superare l’uomo in intelligenza ed efficienza.

Oltre le lusinghe tuttavia, a metà tra graphic novel e avventura grafica, Absolute Denial sembra privilegiare la verbosità dei dialoghi e la confezione al focalizzarsi sull’unicità del contenuto, non riuscendo dunque ad aggiungere sorpresa ed emozioni al vasto panorama del genere di riferimento nonostante alcune interessanti riflessioni sul grande potenziale del nostro cervello, limitato tuttavia nelle proprie capacità da fattori quali stress, ansia e depressione, e sul labile confine tra genio e follia.

Il protagonista David Cohen a cui presta la voce Nick Eriksen
Il protagonista David Cohen a cui presta la voce Nick Eriksen

L'intelligenza artificiale Al con la voce di Jeremy J. Smith-Sebasto
L’intelligenza artificiale Al con la voce di Jeremy J. Smith-Sebasto

Absolute Denial recensione film d'animazione di Ryan Braund
Absolute Denial film d’animazione di Ryan Braund con Nick Eriksen e Jeremy J. Smith-Sebasto (Credits: SC Films International/Bridge Way Films)

Sintesi

Nonostante un'impostazione eccessivamente tecnica e verbosa e un setting moderno che stride un po' con la contemporaneità, Absolute Denial scritto, diretto e animato da Ryan Braund conquista con la sua estetica ricercata e la sua squisita realizzazione, proponendo alcune interessanti riflessioni sul grande potenziale del nostro cervello e sul labile confine tra genio e follia.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli