Cannes 72: A Hidden Life recensione e podcast

Segui Cannes 72 live su MadMass.it: Festival di Cannes 2019

È di Terrence Malick il primo capitombolo di un grande del concorso, sul tappeto rosso del Festival di Cannes. Uscito indenne Jarmush, a testa alta Loach e altissima Almodovar, l’autore americano accusa il colpo.

Lui, sfatando tradizione e leggendaria ritrosia, si è presentato in Costa Azzurra e ha stretto mani, alla proiezione ufficiale del suo A Hidden Life.

A HIDDEN LIFE: RECENSIONE PODCAST

È la storia (vera) di obiezione, diserzione, ribellione e religione dell’austriaco Franz, buon marito e ottimo papà, che negli anni della Seconda Guerra volta le spalle a Hitler, che pure in Austria giocherebbe in casa.

I modi estetici sono gli stessi di A Tree of Life e del Malick successivo. Ma qui non ci sarebbe nulla da sperimentare. Non è una storia di famiglia, ma una famiglia nella Storia e nella cronaca bellica.

A Hidden Life
August Diehl in A Hidden Life di Terrence Malick

Risulta dunque, tutto (di) troppo: lungo quasi tre ore, enfatico, estetizzante, lontano da qualsiasi eventualità di commozione/partecipazione. Stordisce e non colpisce. Le premesse erano altre. Peccato.

Federico

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli