Van Gogh e il Giappone

Van Gogh e il Giappone recensione

Van Gogh e il Giappone docufilm diretto da David Bickerstaff e distribuito da Nexo Digital

Van Gogh e il Giappone è un documentario diretto da David Bickerstaff e distribuito da Nexo Digital, primo della serie “La Grande Arte al Cinema”, dedicata alle storie di opere e artisti degli ultimi secoli.

L’obiettivo di questa iniziativa è far assaporare allo spettatore le opere d’arte con immagini, sequenze e descrizioni che costituiscono un’esperienza unica. In questo caso si assiste ad una narrazione lineare degli aspetti della vita di Van Gogh pesantemente influenzati dall’arte giapponese.

Van Gogh e il Giappone Nexo Digital
Van Gogh e il Giappone docufilm diretto da David Bickerstaff e distribuito da Nexo Digital
David Bickerstaff
David Bickerstaff dirige il docufilm Van Gogh e il Giappone

Pur non avendo mai visitato il paese del Sol Levante, e non avendo nessuna intenzione di visitarlo, l’artista amava le opere d’arte giapponesi, ed è possibile notare ciò dai numerosi suoi dipinti che da esse prendono ispirazione. Colori piatti e delicati, tratti semplici ma dettagli quasi minuscoli per dare una rappresentazione più ampia dei paesaggi furono le maggiori fonti di ispirazione per l’artista, che spesso utilizzò queste tecniche per rappresentare i suoi soggetti.

Buona parte di ciò che sappiamo sul rapporto tra Van Gogh e il Giappone, lo dobbiamo alle lettere che scrisse al fratello Theo, nelle quali troviamo molti dettagli che riconducono alla sua vita in Francia, tra Parigi e Provenza e che costituiscono la struttura narrativa del documentario, riuscendo a dare un contesto alle opere presentate sullo schermo in relazione ai diversi periodi della vita dell’artista.

Shoko Adachi in Van Gogh e il Giappone
L’intagliatore del legno Shoko Adachi
David Bickerstaff
David Bickerstaff

La pellicola ripercorre questi periodi arricchiti da commenti e interviste di critici, artisti e professionisti del mestiere, tra cui molti giapponesi come il calligrafo Tomoko Kawao e l’artista performativo Tatsumi Orimoto, che danno valore aggiunto al tema trattato.

Van Gogh mitizzò, idealizzò e fece suo lo stile giapponese Ukiyo-e (letteralmente “immagine del mondo fluttuante”), riconoscibile in numerose opere dell’artista, molte delle quali riprendevano i soggetti dei dipinti giapponesi, con colori più vividi e arricchite da ideogrammi nipponici.

Van Gogh e il Giappone offre una panoramica sulla vita adulta dell’artista e il suo rapporto con l’arte giapponese, ben documentando gli avvenimenti più importanti e accompagnandoli con splendide sequenze alternate tra paesaggi e dipinti ripresi nel dettaglio.

Alessio

Sintesi

Docufilm diretto da David Bickerstaff e distribuito da Nexo Digital nell'ambito dell'iniziativa “La Grande Arte al Cinema”, Van Gogh e il Giappone offre una panoramica sulla vita adulta dell’artista e il suo rapporto con l’arte giapponese, ben documentando gli avvenimenti più importanti e accompagnandoli con splendide sequenze alternate tra paesaggi e dipinti ripresi nel dettaglio.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Van Gogh e il Giappone recensioneDocufilm diretto da David Bickerstaff e distribuito da Nexo Digital nell'ambito dell'iniziativa “La Grande Arte al Cinema”, Van Gogh e il Giappone offre una panoramica sulla vita adulta dell’artista e il suo rapporto con l’arte giapponese, ben documentando gli avvenimenti più importanti e accompagnandoli con splendide sequenze alternate tra paesaggi e dipinti ripresi nel dettaglio.