Tokyo Love Hotel

Tokyo Love Hotel recensione [Indie]

Tokyo Love Hotel recensione film di Ryūichi Hiroki con Shōta Sometani, Atsuko Maeda, Eun-woo Lee, Kaho Minami, Aoba Kawai, Asuka Hinoi e Miwako Wagatsuma

Intelligente e arguto spaccato della società moderna giapponese, Tokyo Love Hotel (titolo originale Sayonara Kabukichô), porta lo spettatore a fare un giro a Kabukichô, vivo quartiere a luci rosse di Tokyo. Lo fa attraverso le storie di personaggi molto diversi tra di loro ma che nell’arco di una giornata sembrano piano piano intrecciarsi.
Tutti, perlomeno, gravitano intorno, o meglio dire dentro, l’Hotel Atlas, scadente albergo a ore in quel di Shinjuku.

MadMass.it consiglia by Amazon

Dopo aver esordito come regista con i cosiddetti pinku eiga, genere cinematografico giapponese di contenuto erotico softcore, Ryūichi Hiroki si affaccia al cinema mainstream con pellicole che trattano problematiche della società giapponese. Tokyo Love Hotel ne è un esempio. In un solo film troviamo tematiche come la mercificazione del corpo della donna, il rapporto complesso con la sessualità fino ad arrivare al difficile problema dell’immigrazione, che si è acutizzato con che la chiusura xenofoba del Giappone post-tsunami 2011.

Atsuko Maeda in Tokyo Love Hotel
Atsuko Maeda in Tokyo Love Hotel

Atsuko Maeda e Shôta Sometani
Atsuko Maeda e Shôta Sometani

Non esistono dei veri e propri protagonisti in questo film, poiché tutti raccontano una storia, la loro storia. Toru, sicuramente uno dei personaggi principali interpretato dal talentoso Shōta Sometani vincitore del premio Mastroianni nel 2011, è un normale ragazzo che sta passando un periodo di alienazione a causa del suo lavoro, essendo stato licenziato da un hotel di lusso a cinque stelle. Il suo orgoglio ferito per essere sceso così in basso nella sua carriera, lo appiattisce e per questo decide di non dire a nessuno che il suo nuovo posto di lavoro è un dozzinale albergo. Vive con la sua ragazza, Saya, interpretata da Atsuko Maeda, la quale aspira a diventare una cantante famosa ancora indecisa se come solista o con il suo gruppo.

In una notte, Toru è testimone del degrado dell’umanità mostrato senza mezzi termini dal regista giapponese attraverso differenti storie, che si svolgono all’interno dell’hotel. Non solo viene a sapere che sua sorella Miyu (Asuka Hinoi) sta girando un porno in una delle tante stanze, ma scopre anche che la sua ragazza è impegnata in un’altra camera a “guadagnarsi” il suo contratto discografico con un produttore. Entrambe quindi, sono disposte a vendere il loro corpo in cambio di successo e denaro. La prima perché non è disposta a fare una vita umile e preferisce i soldi facili da AV idol, ovvero attrice porno, e la seconda per avidità di fama. Non sono le uniche però a celare dei segreti.

Tokyo Love Hotel recensione
Tokyo Love Hotel di Ryūichi Hiroki

C’è la inserviente Satomi (Kaho Minami), che nasconde il suo compagno Yasuo (Yutaka Matsushige) alle forze dell’ordine, aspettando che il crimine commesso insieme cada in prescrizione nel giro di 30 ore.
C’è la escort Heya (Lee Eun-woo), sudcoreana a cui è scaduto il permesso di soggiorno, che nasconde al suo fidanzato Chong-su (Son Il-kwon) il suo vero lavoro affermando di essere una hostess.
C’è l’adolescente Hinako (Miwako Wagatsuma), scappata via di casa, che finisce nelle grinfie di Masaya (Shūgo Oshinari), un finto talent scout che vuole solo farla entrare nel giro della prostituzione.
C’è la detective Rikako (Aoba Kawai), che affitta una camera per tradire suo marito con il collega Shinjo (Tomu Miyazaki), ma nemmeno lei è un esempio di correttezza.

Alla fine, uno sconcertato e inerme Toru, decide di reagire, di meritarsi qualcosa in più. Lui non può contribuire, come gli altri non curanti fanno invece, alla degenerazione della società e dei valori.

E sulle note dell’ukulele della bellissima musica di Ayano Tsuji, si allontana dal vecchio hotel con la speranza che ci sia qualcosa di meglio che l’aspetta.

Arianna

Sintesi

Attraverso l'osservazione degli eventi in un albergo a ore di Tokyo nell’arco di una giornata, Ryūichi Hiroki con Tokyo Love Hotel non mostra solamente quello che accade con senso voyeristico, ma lo fa portando alla luce le problematiche che affliggono la società giapponese, dalla mercificazione del corpo della donna al rapporto complesso con la sessualità, fino ad arrivare all’immigrazione.

Perché MadMass.it

Non è questa la cinesfera che ci meritiamo, abbandonata allo strapotere delle content farm e al loro incessante copia-traduci-incolla finalizzato ad invadere i motori di ricerca. Meno del 20% dei contenuti delle content farm è originale ed il loro modello distorto ha contribuito alla scomparsa dell'opinione cinematografica online. Oltre il 90% degli articoli presenti su MadMass.it è farina del nostro sacco: mettiamo la qualità, il piacere di scrivere e la voglia di proporre qualcosa di autentico e diverso al centro dei nostri contenuti. Sostieni anche tu la causa di una cinesfera più creativa e originale, insieme possiamo restituire influenza ed autorevolezza al nostro web cinematografico. Supportaci se puoi con una donazione o acquistando i prodotti consigliati sul nostro sito, o semplicemente passa a visitarci e sfoglia le nostre pagine: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

Ultimi Articoli

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un [TFF 38]

Moving On recensione film di Yoon Dan-bi con Choi Jung-un, Yang Heung-ju, Park Hyeon-yeong e Park Seung-jun in concorso al Torino Film Festival 38 Crescere, cambiare,...

Elegia americana recensione film di Ron Howard con Amy Adams e Glenn Close [Netflix Anteprima]

Elegia americana recensione film Netflix di Ron Howard con Amy Adams, Glenn Close, Gabriel Basso, Haley Bennett, Freida Pinto e Owen Asztalos Tu non sai un...

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria [TFF 38]

Memory House (Casa de Antiguidades) recensione film di João Paulo Miranda Maria con Antonio Pitanga e Ana Flavia Cavalcanti al Torino Film Festival 38 Memory...

Cinema News del 24 novembre [Rassegna Stampa]

Luca Guadagnino produce un biopic su Tennesee Williams Mark Ruffalo papà di Ryan Reynolds in The Adam Project Anthony Mackie in versione Liam...

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini [TFF 38]

Vera de Verdad recensione film di Beniamino Catena con Marta Gastini, Marcelo Alonso, Davide Iacopini, Anita Caprioli e Paolo Pierobon al Torino Film Festival Parla...

Antidisturbios recensione serie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña Episodi 1-2 [TFF 38]

Antidisturbios recensione miniserie TV di Rodrigo Sorogoyen e Isabel Peña con Vicky Luengo, Raúl Arévalo e Álex García al Torino Film Festival 38 Sono stati presentati...

Mi chiamo Francesco Totti recensione film documentario di Alex Infascelli [Sky Now TV]

Mi chiamo Francesco Totti recensione documentario di Alex Infascelli scritto da Francesco Totti con Paolo Condò disponibile su Sky e Now TV Alex Infascelli nella sua...

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto e Anna Foglietta [Amazon Prime Video]

Il talento del calabrone recensione film di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta e Marina Occhionero su Prime Video La storia raccontata da...

Logan – The Wolverine recensione film di James Mangold con Hugh Jackman

Logan - The Wolverine recensione del film di James Mangold, con Hugh Jackman, Patrick Stewart, Dafne Keen, Boyd Holbrook e Stephen Merchant Da un paio d'anni il...

Cinema News del 23 novembre [Rassegna Stampa]

Black Panther 2 inizierà le riprese a luglio Weekend su Amazon Prime Video a dicembre L’Associazione delle Film Commission Europee mette in palio...