The World to Come

The World to Come recensione film di Mona Fastvold [Venezia 77]

The World to Come recensione film di Mona Fastvold con Vanessa Kirby, Katherine Waterston, Casey Affleck, Christopher Abbott e Andreea Vasile

In concorso a Venezia 77 è stato presentato The World to Come, il film diretto da Mona Fastvold ispirato all’omonimo romanzo di Jim Shepard che ha adattato la sceneggiatura in collaborazione con Ron Hansen.

Verso la metà del XIX secolo sulla costa orientale americana vivono due coppie, isolate e immerse in un paesaggio rurale. Le donne sono responsabili della casa, mentre i mariti passano tutto il giorno fuori a lavorare per portare avanti la famiglia. Ma quando Tallie (Vanessa Kirby) bussa alla porta di Abigail (Katherine Waterston) la complicità tra le due donne rompe la routine, regalando nuove emozioni e sensazioni a entrambe, in quella realtà retrograda messa alla prova dalle condizioni atmosferiche avverse. Le giornate passano cucinando, lavorando a maglia, stendendo il bucato, e poi incontrandosi furtivamente per dare libero sfogo al sentimento.

The World to Come di Mona Fastvold
The World to Come di Mona Fastvold

Si avverte senza dubbio il tocco femminile alla regia con un’atmosfera da romanzo inglese che custodisce e celebra una calda intensità, dall’inizio alla fine. Ogni inquadratura richiama i colori e la fotografia di un quadro impressionista dai contorni sfocati che fa da sfondo a una storia d’amore e un dramma intimo, allo stesso tempo antico e moderno. Vanessa Kirby e Katherine Waterson, nei panni delle due donne che scoprono gradualmente la passione l’una per l’altra, sono carismatiche e magnetiche. Tra loro si avverte potente l’intesa sulla scena, anche se Kirby conferma un talento maggiore con la sua interpretazione.

Per la controparte maschile Casey Affleck è il marito innamorato e complice che giustifica il comportamento della moglie pur di restare con lei, mentre Christopher Abbott è l’uomo dell’epoca, più legato alle regole e devoto agli schemi sociali prestabiliti, che diventa aggressivo quando scopre le nuove attenzioni della moglie Tallie.

Vanessa Kirby e Katherine Waterston
Vanessa Kirby e Katherine Waterston

The World to Come si concentra quindi su un amore impossibile e tormentato, ma anche puro e istintivo, raccontato secondo una narrazione diaria con la voce fuori campo del personaggio di Abigail che condivide gli eventi, ma anche il suo sentire, da “radice in un vaso troppo piccolo” alla “gioia e meraviglia” del primo bacio d’amore.

E il pubblico viene coinvolto con un pathos raffinato e un tono delicato, vivendo pienamente quell’attrazione proibita per il periodo storico in cui è ambientata la storia. Lievi accenni di romanticismo e femminismo guidano Fastvold nel comporre un’opera convincente che ammalia, emoziona e commuove con umiltà e cuore. Anche merito di una regia ambiziosa che non ha paura di muovere la cinepresa in modo sinuoso e partecipativo, e di prendersi delle pause sul volto espressivo degli attori coinvolti.

La regista Mona Fastvold
La regista Mona Fastvold

Sintesi

The World to Come racconta con un pathos raffinato e un tono delicato un amore impossibile e tormentato, ma anche puro e istintivo. Lievi accenni di romanticismo e femminismo guidano la regia ambiziosa di Mona Fastvold che muove la cinepresa in modo sinuoso e partecipativo, componendo un’opera convincente che ammalia, emoziona e commuove con umiltà e cuore.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

The World to Come racconta con un pathos raffinato e un tono delicato un amore impossibile e tormentato, ma anche puro e istintivo. Lievi accenni di romanticismo e femminismo guidano la regia ambiziosa di Mona Fastvold che muove la cinepresa in modo sinuoso e partecipativo, componendo un’opera convincente che ammalia, emoziona e commuove con umiltà e cuore.The World to Come recensione film di Mona Fastvold [Venezia 77]