The House of Us

The House of Us recensione [FEFF 22]

The House of Us racconta la trasformazione della famiglia in luogo patogeno, facendo parlare chi assiste al cambiamento: i bambini.

The House of Us recensione film di Yoon Ga-eun con Kim Na-yeon, Kim Si-ah, Joo Ye-rim, Ahn Ji-ho, Choi Jeong-inLee Ju-won

Cosa c’è dietro alla densa e spesso imperscrutabile cortina della famiglia? Per quasi tutti il nucleo familiare ha rappresentato il porto sicuro da cui parte il lungo viaggio attraverso la società, ma i cambiamenti della società nell’ultimo secolo hanno addensato diverse nubi scure di esso. Da rifugio, l’ambiente più sicuro per definizione si è trasformato sempre più in un luogo patogeno, specialmente per i bambini.

E’ il caso di Hana (Kim Na-yeon), ultima arrivata in una tipica famiglia borghese: madre oberata di lavoro (Choi Jeong-in), padre impiegato con il vizio del bere (Lee Ju-won) e un tradimento all’attivo, fratello svogliato con difficoltà a scuola (Ahn Ji-ho). Su di lei grava il peso di un matrimonio tendente al fallimento e visibile solo a chi lo vive giorno per giorno, con tutte le sue tensioni, le urla e i litigi. Come tenerlo in piedi senza perdere l’idea che dovrebbe rappresentare?

The House of Us di Yoon Ga-eun
The House of Us di Yoon Ga-eun

Il film di Yoon Ga-eun, presentato in anteprima italiana al FEFF 22, esplora le increspature e le storture di un modello che fatica a stare al passo con i tempi scegliendo il punto di vista della categoria paradossalmente più capace di raccontarlo senza i soliti filtri. Non c’è magia, non c’è banalità, ma una massiccia dose di ingenuità per approcciarsi ad una materia spinosa e trovare il personale kintsugi a quello che sembra irreparabile.

Hana trova prima nel cibo poi in due piccole sorelline e infine nell’idea di un viaggio riparatore con la propria famiglia la soluzione perfetta, convinta che provando tutte le possibili strade inevitabilmente una porti al mantenimento e al miglioramento dello status quo. La realtà, però, è amara e non risparmia nulla a nessuno, tantomeno a qualcuno che debba cavarsela da solo.

Le case e le famiglie di The House of Us sono la testimonianza di come sia possibile parlare con disincanto e acume dello stravolgimento di un’istituzione in balia del nostro tempo, affidandosi alle voci di chi è in prima linea ad affrontare una perturbazione moderata ma costante nel tempo.

Le protagoniste di The House of Us
Le protagoniste di The House of Us
Kim Na-yeon (Hana), Kim Si-ah (Yoo-mi) e Joo Ye-rim (Yoo-jin)
Kim Na-yeon (Hana), Kim Si-ah (Yoo-mi) e Joo Ye-rim (Yoo-jin)
Kim Na-yeon (Hana), Kim Si-ah (Yoo-mi), Joo Ye-rim (Yoo-jin)
Kim Na-yeon (Hana), Kim Si-ah (Yoo-mi) e Joo Ye-rim (Yoo-jin) in una scena di The House of Us

Sintesi

The House of Us di Yoon Ga-eun esplora con disincanto e acume le increspature e le storture di un modello in balia del nostro tempo, scegliendo il punto di vista dei bambini paradossalmente più capaci di raccontarlo senza i soliti filtri.

Perché MadMass.it

Consapevoli del nostro ruolo, da cinque anni in MadMass.it portiamo avanti una linea editoriale responsabile, preferendo la copertura dei festival al content farming, le recensioni al clickbait, le rubriche e le interviste al sensazionalismo. Stiamo cercando di fare la nostra parte: sostienici con una donazione, acquistando i prodotti consigliati sul nostro magazine o semplicemente passa a visitarci, sfoglia le nostre pagine e condividi i nostri articoli sui social: ci permetterai di continuare a crescere e fare sentire la nostra voce.

Articolo precedenteRassegna stampa 30 giugno
Articolo successivoEdward recensione [FEFF 22]

Articoli Correlati

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

The House of Us di Yoon Ga-eun esplora con disincanto e acume le increspature e le storture di un modello in balia del nostro tempo, scegliendo il punto di vista dei bambini paradossalmente più capaci di raccontarlo senza i soliti filtri.The House of Us recensione [FEFF 22]